IL VECCHIO SGARBONE COLPISCE ANCORA: "VIRGINIA RAGGI? LA NUOVA AMBRA ANGIOLINI, E’ ETERODIRETTA. I SUOI BONCOMPAGNI SONO GRILLO, DI MAIO, DI BATTISTA PER TRINITA' DEI MONTI SERVE ACCESSO A PAGAMENTO. UN EURO PER SEDERSI SULLA SCALINATA - MORANDI? AL SUPERMERCATO MANDI UNA CAMERIERA E LA DOMENICA ASCOLTI VIVALDI” - - -

Condividi questo articolo


SGARBI SGARBI

Comunicato da “Radio Cusano Campus”

 

Vittorio Sgarbi è intervenuto questa mattina ai microfoni di ECG, con Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, su Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università Niccolò Cusano.

 

Sul dibattito legato alla scalinata di Trinità dei Monti, Vittorio Sgarbi ha lanciato l'idea: "La soluzione non è la cancellata. Occorre prendere coscienza che quella non è una scala mobile o un luna park, su cui buttare cicche di sigarette e gomme da masticare. La cancellata però sarebbe una sottrazione alla città dell'opera.

RAGGI RAGGI

 

Bisogna che l'uso di quella scalinata sia solo per chi è consapevole che si trova in un luogo monumentale. Molti che si trovano su quella scalinata non capiscono quanto sia un monumento di urbanistica e di architettura. E' normale che ci sia ansia per tutelarla, ma le cancellate sono una idea ridicola, sarebbe come sequestrare la scalinata.

 

Il giusto compromesso, a mio avviso, sarebbe far pagare un euro a tutti quelli che si siedono sulla scalinata. Un euro simbolico, che un esattore delle tasse viene a riscuotere da chiunque si siede lì sopra, che faccia riflettere chi ci si siede sul fatto che in quel momento ci si trova in un luogo unico  mondo.

 

Dovremmo esserci un accesso a pagamento: tu arrivi lì e paghi un euro. Si potrebbe immaginare a una piccola tassa destinata ai restauri per la città. Un come quando si buttano denari nella fontana di Trevi, solo che in questo caso serve un esattore che lo esige. Un euro lo pagherebbe chiunque per sedersi su Trinità dei Monti, sarebbe un buon compromesso".

AMBRA ANGIOLINI E GIANNI BONCOMPAGNI AMBRA ANGIOLINI E GIANNI BONCOMPAGNI

 

Particolarmente critico, Vittorio Sgarbi, sul Sindaco di Roma Virginia Raggi: "Lei ha problemi non politici, ma psichici. E' ansiosa. Dice che fa la mamma, ma chi gliene importa al popolo. Faccia il Sindaco, non la mamma. Secondo me ha un'alterazione della percezione, non ha capito che Roma non è Zagarolo. Pensa di essere Sindaco di Zagarolo, che comunque è una bellissima città. A Virginia Raggi servirebbe uno psicanalista. Invece di essere lei a decidere è eterodiretta. E' come Ambra Angiolini con Boncompagni. Lui comunicava ad Ambra attraverso l'auricolare quello che doveva fare. I Boncompagni della Raggi sono Grillo, Di Maio, Di Battista e gli altri".

 

TRINITA' DEI MONTI TRINITA' DEI MONTI

Sgarbi, poi, ha parlato della querelle che ha visto protagonista Morandi sulla spesa della domenica: "Morandi ha ragione, è stato attaccato da un'armata di deficienti, sono gli stessi che hanno detto a me che avrei dovuto prendere un biglietto di prima classe per andare a cagare. Quelli che criticano sono teste di cazzo, vogliono che la domenica non si compri, ma che cazzo dicono? La domenica vanno a vedere le squadre di calcio, comprano i biglietti, vanno al bar, la domenica si vive normalmente! L'unico errore di Morandi è stato andare al supermercato.

TRINITA DEI MONTI TRINITA DEI MONTI

 

I supermercati sono luoghi infernali per idioti, Morandi visto che ha i soldi dovrebbe mandare qualcuno al posto suo. Uno che si chiama Morandi avrà una donna di servizio, una cameriera, una collaboratrice per andare a fare la spesa? A lui restano 20 anni da vivere al massimo, li perde al supermercato? Ascolti Vivaldi, vada in qualche museo, non nei supermercati! Io non ci sono mai andato.

 

Comunque Morandi può andare dove gli pare, si può andare a fare la spesa tranquillamente, ma uno come Morandi dovrebbe mandare qualcun altro a fare la spesa. Il tempo è prezioso, legga Dante invece di andare nei supermercati, ci mandi qualcuno al posto suo".

MORANDI CON LA BUSTA DELLA SPESA AL SUPERMERCATO MORANDI CON LA BUSTA DELLA SPESA AL SUPERMERCATO

 

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?dl=10103

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

È STATO DAVVERO UN “BLACK FRIDAY” – IERI LE BORSE EUROPEE HANNO BRUCIATO 390 MILIARDI DI CAPITALIZZAZIONE PER LA PAURA CHE LA VARIANTE “OMICRON” DEL COVID PORTI A NUOVE CHIUSURE CHE DISTRUGGEREBBERO L’ECONOMIA – IGNAZIO VISCO: “IL NUOVO INCREMENTO DI CONTAGI SPOSTA IN AVANTI LA PROSPETTIVA POST-PANDEMIA”. CHE FARANNO I BANCHIERI CENTRALI, CHE STAVANO PENSANDO DI RIALZARE I TASSI PER SCONGIURARE L’INFLAZIONE? LA RISPOSTA ARRIVA DAL PETROLIO, CHE IERI È CROLLATO DEL 10%...

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute