CAOS ALL'AEROPORTO AMERIGO VESPUCCI DI FIRENZE: CIRCA 1.300 VALIGIE SONO RIMASTE A TERRA A CAUSA DEL VENTO E LA MANCANZA DI PERSONALE: "L’AZIENDA CREDEVA CHE IL FLUSSO DI TRATTE AEREE TORNASSE NORMALE SOLO TRA 2-3 ANNI" - "LE VALIGIE SONO A TERRA DA 2-3 GIORNI E NON SARÀ POSSIBILE MANDARLE TUTTE A DESTINAZIONE PRIMA DI ALTRI 4" - DI SOLITO LO SCALO IMPIEGA LAVORATORI STAGIONALI PER GESTIRE IL FLUSSO DI ARRIVI PER L'ESTATE, MA QUEST'ANNO…

-

Condividi questo articolo


Lorenzo Sarra per corrierefiorentino.corriere.it

valigie bloccate all aeroporto amerigo vespucci di firenze valigie bloccate all aeroporto amerigo vespucci di firenze

 

Una valanga di valigie sono ammucchiate all’handling, con trattorini ancora pienissimi da scaricare. «E quelle nelle foto sono solo una piccola parte», sottolinea un dipendente del Vespucci. Già. Nell’ultimo weekend, intense raffiche — circa 20 nodi da nord, quindi con il vento in coda — hanno costretto molti voli a partire con le stive alleggerite. Come noto, a causa delle ataviche criticità dell’attuale pista, sono sufficienti 10 nodi — 18 km/h di vento in coda — perché i piloti delle varie compagnie decollino con limitazioni di peso, sia sui bagagli che sui passeggeri.

 

Aeroporto Aeroporto

Una situazione che ha portato progressivamente ad un accumulo di trolley. «Saranno circa 1.300», spiega l’operatore, che lamenta una situazione di grande stress all’aeroporto: «Manca il personale. L’azienda, dopo due estati senza stagionali, credeva che il flusso di tratte aeree tornasse normale solo tra 2-3 anni. Non è andata così». Di solito lo staff di Peretola riusciva, secondo il dipendente, a gestire il riavvio dei bagagli entro 48 ore: «Al momento le valigie sono a terra da 2-3 giorni e non sarà possibile mandarle tutte a destinazione prima di altri 4, anche se le condizioni meteo lo permetterebbero».

personale aeroportuale personale aeroportuale

 

 Lavorando a pieno ritmo, potrebbero essere infatti smaltiti «fino a 400 bagagli al giorno»: «Numeri irraggiungibili. E se tornasse il vento non resterebbe che trasportarli ad un altro aeroporto, con costi elevati». Un disservizio, quello a Peretola, che per la verità sta riguardando pure molti scali internazionali, come lo Zaventem di Bruxelles, che ha avviato un piano straordinario di reclutamento.

 

personale aeroportuale personale aeroportuale

Un’iniziativa che, secondo Filt Cgil, dovrebbe essere presa anche da Toscana Aeroporti: «Si è aperta una vertenza — dice il sindacalista Marco Chellini — tra le richieste: la stabilizzazione dei part-time ciclici». Il 25 giugno, il comparto aerei toscano registrerà agitazioni, con quattro ore di sciopero a Pisa e Firenze. Chellini non si sbilancia sugli innesti necessari: «Stiamo raccogliendo dati settore per settore. Parliamo comunque di decine di lavoratori».

personale aeroportuale personale aeroportuale

 

 Toscana Aeroporti fa sapere che i bagagli a terra ieri sarebbero stati «un po’ meno di mille». L’azienda precisa che «se ci fosse stata la nuova pista, con il vento di traverso, non ci sarebbe stato alcun problema». Ma al di là delle recriminazioni sulla struttura, viene ammesso un po’ di affanno per uno staff «non sovrabbondante»: «Abbiamo reintegrato tutto il personale ordinario, senza licenziamenti, e chiuso la cassa integrazione. Ora stiamo integrando gradualmente nuova forza lavoro».

 

personale aeroportuale personale aeroportuale

Gli stagionali, di solito, verrebbero presi a marzo. Tre mesi fa, però, il quadro dei voli era ben diverso dall’attuale esplosione: «Ed assumere oggi non è scontato», spiegano. Non solo per la difficile reperibilità di figure adeguate, ma probabilmente anche per i timori di nuove ondate di Covid in autunno. Con una «curva» di voli di nuovo in picchiata, l’organico a quel punto sarebbe sovradimensionato. Bilanciamento complesso.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

SKATE YOUR LIFE! ''CHI FA SKATE NON MANIFESTA, MA SI MANIFESTA'' - DAGO IRROMPE AL “WORLD STREET SKATEBOARDING” DI ROMA CON LA SUA LECTIOSULLA CULTURA SKATE: "RAGAZZI CHE HANNO TROVATO IN UN MOVIMENTO CHE TI STACCA DALLA TERRA IL LORO LEGAME. UN "PARADISO PEDESTRE" DI COLPI D'ANCA, GINOCCHIA ROTTE, TESTE SPACCATE, FUORI DAL QUALE IL TEMPO, LA SOCIETÀ, IL DESTINO, POSSONO TENDERE I LORO LEGITTIMI AGGUATI E LA VITA RITIRARE LE SUE PROMESSE" – DOMENICA GRAN SBALLO FINALE CON DAGO DJ - FOTO + VIDEO

viaggi

salute