CHE BRUTTO TEMPO CHE FA - MICHELE SERRA: “POSSONO LE TRADIZIONALI NEVICATE DI FINE GENNAIO ESSERE ACCOLTE, DA MOLTI SITI METEO, COME ‘EMERGENZE’? SÌ DA QUANDO IL METEO È DIVENTATO UN SIPARIETTO EMOTIVO, ANTISCIENTIFICO, CONFEZIONATO AL SOLO SCOPO DI RACCATTARE PIÙ CLIC POSSIBILI. NON SI PUÒ PARLARE DEL CIELO, DELLE NUVOLE, DEI VENTI, DELLE TEMPERATURE, COME DI UNA COMPAGNIA DI GIRO IL CUI COMPITO È FARCI DIVERTIRE”

-

Condividi questo articolo

Michele Serra per “la Repubblica”

 

michele serra (2) michele serra (2)

Possono le tradizionali nevicate di fine gennaio essere accolte, da molti siti meteo, come "emergenze", "allarme rosso per le colture" (quali?), "morsa del gelo sull' Italia"? Sì, possono, da quando il meteo è diventato un siparietto emotivo, antiscientifico, confezionato al solo scopo di raccattare più clic possibili.

 

Una svendita a buon mercato che non c'entra niente, assolutamente niente, con il concetto ormai desueto di "informazione"; tanto meno di informazione scientifica. Sarebbe, questo, uno dei tanti aspetti deteriori del mercato della comunicazione, se non riguardasse un oggetto - il clima - delicatissimo, forse decisivo per il futuro delle società umane.

 

Treni bloccati dalla nevicata Treni bloccati dalla nevicata

Non possiamo lamentarci dei tweet di Trump (siccome nevica da qualche parte, in America, quel grosso sciocco si fa quattro risate sul riscaldamento del pianeta, che è un dato statistico comprovato) se non cominciamo in ogni sede, specialmente in ambito popolare e divulgativo, a parlare di meteo con la serietà, l'intelligenza, la cura necessarie.

 

neve 2 neve 2

Se poi serietà, intelligenza e cura confliggono con il sensazionalismo mediatico, con il linguaggio da strilloni esagitati che sta prevalendo ovunque, pazienza: si perderà qualche clic oggi per guadagnarne, magari, qualcuno domani, quando lo spettabile pubblico avrà imparato, a sue spese, che non si può parlare del cielo, delle nuvole, dei venti, delle temperature, come di una compagnia di giro il cui compito è farci divertire, o spaventare. Il cielo è una cosa seria.

 

Condividi questo articolo

media e tv

LA PESTE NUOVA – L’OMAGGIO “EROICOMICO” ALLA “PESTE” DI ALBERT CAMUS DI FULVIO ABBATE È PIÙ ATTUALE CHE MAI: IL PROTAGONISTA DEL SUO ULTIMO LIBRO “LA PESTE NUOVA” È UN INVENTORE DI BARZELLETTE CHE SI MUOVE IN UNA CITTÀ SOSPESA DOVE IMPERVERSA UN VIRUS SCONOSCIUTO. IL CALDO OPPRIMENTE SI MESCOLA AL TAPPETO SONORO DELLE SIRENE DELLE AMBULANZE E L’ANDIRIVIENI DELLE CAMIONETTE DEL GENIO MILITARE – IN QUESTO SCENARIO IL PROTAGONISTA FINISCE PER ABBANDONARSI AL DISINCANTO…

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute