DAMMI CENTO EURO E PASS LA PAURA – SONO STATI SCOPERTI E IDENTIFICATI GLI AUTORI DELLA TRUFFA DEI GREEN PASS FALSI SU TELEGRAM: LA PROCURA DI MILANO HA INDAGATO QUATTRO PERSONE – PROPONEVANO SULLE CHAT CERTIFICAZIONI VERDI PERFETTAMENTE FUNZIONANTI, A CENTO EURO L’UNA. DECINE DI ALLOCCONI NO-VAX CI SONO CASCATI, CONDIVIDENDO CON DEGLI SCONOSCIUTI DATI PERSONALI E DOCUMENTI (POI MAGARI SI LAMENTANO PURE DELLA PRIVACY)

-

Condividi questo articolo


super green pass super green pass

(ANSA) - Proponevano sulle chat di Telegram green pass perfettamente funzionanti, in vendita a cento euro l'uno. La truffa è stata scoperta dal Nucleo speciale tutela privacy e frodi tecnologiche della Guardia di Finanza in un'indagine coordinata dalla procura di Milano che ha portato ad una serie di perquisizioni e sequestri.

 

Sarebbero quattro, secondo quanto si apprende, gli indagati, che avrebbero già ammesso le loro responsabilità. Nel corso delle perquisizioni sono stati trovati diversi documenti di identità e tessere sanitarie di decine di clienti.

 

Corteo No Green Pass a Trieste 5 Corteo No Green Pass a Trieste 5

Le perquisizioni hanno riguardato diversi cittadini residenti in Veneto, Liguria, Puglia e Sicilia, amministratori degli account Telegram sui quali pubblicizzavano i pass, ognuno con il proprio Qr code funzionante. Per sostenere l'autenticità dei certificati, gli indagati dicevano di poter contare sulla complicità di appartenenti al servizio sanitario e, in ogni caso, garantivano i clienti la possibilità di riavere indietro il denaro se il pass non avesse funzionato. Il pagamento doveva avvenire rigorosamente in criptovalute.

 

green pass e viaggi 4 green pass e viaggi 4

Le indagini e gli accertamenti tecnici sui telefoni e sui dispositivi degli indagati hanno consentito di rinvenire e sequestrare fotografie di documenti d'identità e tessere sanitarie, referti di tamponi con esito negativo, false recensioni dei clienti che in precedenza avevano acquistato i pass contraffatti e le criptovalute con i quali erano stati pagati i certificati.

TELEGRAM ANNUNCI DI LAVORO PER NO GREEN PASS TELEGRAM ANNUNCI DI LAVORO PER NO GREEN PASS

 

Sono decine i clienti che, oltre ad aver perso i soldi, hanno condiviso con gli indagati i propri dati nella speranza di avere il pass senza doversi vaccinare o fare un tampone. L'inchiesta è stata coordinata dal procuratore aggiunto di Milano Eugenio Fusco e dai sostituti Bianca Maria Baj Macario e Maura Ripamonti.

insulti e minacce sul canale telegram basta dittatura 1 insulti e minacce sul canale telegram basta dittatura 1

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

L’INSOSTENIBILE PESANTEZZA DEI NO VAX – MELANIA RIZZOLI ANALIZZA IL COSTO EMOTIVO DEI MEDICI CHE DEVONO LOTTARE CON CHI RIFIUTA LE CURE: “CIASCUN PAZIENTE RICOVERATO IN TERAPIA INTENSIVA COSTA DAI 2.800 AI 3.300 EURO. PECCATO CHE IN QUESTA LISTA DI PRESTAZIONI EFFETTUATE E ANDATE A BUON FINE NON SI POSSA INCLUDERE IL COSTO EMOTIVO, QUELLO DI STRESS, DI FATICA E DI CONFLITTUALITÀ MORALE DI TUTTO IL PERSONALE SANITARIO CHE HA CONTRIBUITO A GUARIRE QUEL MALATO RETICENTE, OSTINATO, IGNORANTE E INDUBBIAMENTE FORTUNATO…”