LE ETNO-PARANOIE DEGLI AMERICANI CONSERVATORI: INSULTI RAZZISTI ALLA PRIMA MISS AMERICA DI ORIGINE INDIANA

Da quando Nina Davuluri ha vinto il titolo su twitter s’è scatenata la canea etnopirla - In molti, tra i conservatori, si sono scatenati dandole della straniera, “araba” e “musulmana” - I soliti wasp dell’America profonda avrebbero preferito vedere vincere Miss Kansas, una tatuata sergente dell’Esercito…

Condividi questo articolo


Danilo Taino per "Corriere della Sera"

Se una bellissima ragazza di origine indiana diventa Miss America 2014, viene da pensare a come il mondo sia cambiato. Come l'idea di estetica sia diventata globale e abbia penetrato l'Occidente. Vero, ma è meglio non correre. Nina Davuluri, 24 anni, incoronata due giorni fa, è più o meno la perfezione, non solo fisica: è il modello voluto da qualsiasi famiglia asiatica emigrata negli Stati Uniti, brillante negli studi, nello sport, al pianoforte, determinata e disciplinata.

miss america nina davulurimiss america nina davuluri

Una ragazza che vince sempre, come dev'essere in America. Il problema è che non a tutti piace, anzi solleva risse ideologiche. Molti avrebbero preferito che la corona andasse a Theresa Vail, Miss Kansas, una molto tatuata sergente dell'Esercito, corpo dei dentisti: se si chiama Miss America e non Miss India qualcosa di patriottico dovrà pure avere. Da qui polemiche e confusione etnico-paranoica sui social media.

Miss Davuluri è stata eletta domenica sera. Da quel momento, se ne sono occupati in parecchi su Twitter. Congratulazioni a parte, molti hanno potuto dare libertà alle loro fobie. Una certa Elizabeth ha twittato che «hanno appena scelto una musulmana come Miss America. Deve aver fatto felice Obama». Meredith: «Questa è Miss America, non Miss Paese Straniero».

miss america nina davulurimiss america nina davuluri

E Jake: «Come diavolo è possibile che una straniera vinca Miss America? È un'araba #idiots». Nina a dire il vero è di origine indiana, non araba, ed è pure americana: è nata nel 1989 a Syracuse, nello Stato di New York, da una madre specialista di software e un padre medico. I genitori sono arrivati negli Stati Uniti trent'anni fa dallo Stato indiano dell'Andhra Pradesh. Famiglia Telugu, un gruppo etnico numeroso. Indù. Quindi non è nemmeno musulmana, come non lo è Barack Obama.

Questi americani scesi sul piede di guerra devono essere rimasti scioccati dalla cosiddetta «prova di talento» interpretata da Nina (il concorso si basa non solo sull'aspetto fisico delle partecipanti ma anche su prove intellettuali e di abilità): una danza indiana definita «fusion», nel senso che aveva accenti in stile Bollywood.

miss america nina davulurimiss america nina davuluri

Il bellissimo sari rosso che indossava durante il ballo e i piedi nudi avranno forse scosso le nozioni di geografia, oltre che irritato a causa della diversità rispetto, per dire, agli stivali e alle gonne delle danze folk americane. Non sarà piaciuto nemmeno il fatto che per il secondo anno consecutivo il titolo sia andato a una Miss New York: per alcuni, luogo già di suo non del tutto americano.

Fatto sta che, proteste o no, la corona di regina nel 2014 sarà portata da questa ragazza decisamente non wasp (acronimo di «white anglo-saxon protestant», ndr), pelle scura e capelli nerissimi. Per l'America è una prima volta. Una politica democratica, Grace Meng, si è congratulata e ha paragonato la vittoria di oggi a quella di Bess Myerson nel 1945, la prima ebrea a diventare Miss America. «Stiamo facendo la storia», ha commentato Nina domenica sera, sul palco assieme a un'altra finalista, Crystal Lee, di origine cinese (Miss California).

miss america nina davulurimiss america nina davuluri

Se è esatta la biografia che circola, Nina Davuluri è una ragazza straordinaria. Ha frequentato la Michigan University e lì ha raccolto una messe di premi. Si è laureata in Scienze cognitive e comportamenti cerebrali. Ora vuole diventare medico, come da tradizione di famiglia: cardiologa. Come si è visto, vince concorsi. Danza. Ma suona anche il pianoforte. Parla la lingua Telugu. È molto sportiva. Coltiva pomodori e griglia lei stessa il suo chicken tikka (piatto tradizionale indiano a base di pollo, ndr). A proposito di dieta, per diventare Miss è anche dimagrita di 23 chili, da 76 a 53, in due anni: anche una volontà di ferro, insomma.

miss america nina davulurimiss america nina davuluri

Un neo. La sera in cui fu eletta Miss New York 2013, nell'entusiasmo della festa disse (in privato ma con testimoni) che avrebbe puntato a Miss America e avrebbe preso il posto di quella «grassona» (il termine era un po' più forte) di Mallory Hagan, la bionda newyorkese che vinse l'anno scorso. Si è saputo. Mallory è però stata generosa: le ha posato ugualmente la corona sulla testa. Per fortuna anche le ragazze asiatiche non sono poi perfette.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...