“ERA UN GRANDISSIMO SIGNORE, CON UNA RARA COMPETENZA” – IL MAGISTRATO ANTONIO SANGERMANO, PM DEI PROCESSI RUBY, RICORDA L'AVVERSARIO GHEDINI: “AVEVA UNA FULGIDA IRONIA. ERA AUSTERO, GLACIALE, EPPURE AVEVA UNA FORTE UMANITÀ. TANTO È VERO CHE POI ANDAVAMO A PRENDERE IL CAFFÈ. MA ILDA BOCCASSINI NON VENIVA - AVEVAMO UN'ALLEANZA: AVENDO ENTRAMBI ABITUDINI MONACALI FACEVAMO IN MODO DI NON FAR SLITTARE OLTRE LE 13 LA PAUSA. A RIPROVA CHE PUÒ ESISTERE UNA GIURISDIZIONE IN CUI AVVOCATI E PM NON SONO NEMICI…”

-

Condividi questo articolo


IL PM ANTONIO SANGERMANO IL PM ANTONIO SANGERMANO

Virginia Piccolillo per il “Corriere della Sera”

 

In Tribunale non si sono risparmiati colpi durissimi ma, all'indomani della scomparsa, Antonio Sangermano, pm dei processi Ruby (1 e bis), offre a Niccolò Ghedini più dell'onore delle armi: «Era un grandissimo signore, con una rara competenza».

 

Lo dice perché non c'è più?

«La morte pacifica. Ma lo penso veramente: aveva una fulgida ironia. Era austero, glaciale, eppure aveva una forte umanità».

 

Gliela testimoniava mentre lei accusava Berlusconi di prostituzione minorile e concussione?

«Il processo non deve essere un'arena con un torero e i tori da mattare».

 

niccolo ghedini 1 niccolo ghedini 1

Cosa intende?

«Quel dibattimento conteneva molte tensioni, sia per l'ipotesi accusatoria, sia perché era il momento della guerra di Berlusconi con la magistratura. Ma tra noi c'è stata, sin dall'inizio, reciproca stima ed enorme cortesia».

 

Ma gli scontri erano duri.

«Con lui, e con l'ottimo avvocato Longo, avevamo solo un confronto dialettico serrato. Nel rispetto reciproco dei ruoli, è stato sempre un confronto virtuoso».

 

Sulle eccezioni preliminari però ci furono scintille

«Ne presentarono centinaia. Io replicai punto su punto. Ma non ci furono mai liti, attacchi, parole di scherno. Solo puntualizzazioni tecniche».

il pm antonio sangermano il pm antonio sangermano

 

Poi arrivò il turno di Ruby e delle 20 ragazze testimoni delle serate da Berlusconi, per lei pagate per tacere.

«Di Ruby chiesi l'acquisizione del verbale di interrogatorio: non ci fu confronto. E la cross examination delle ragazze fu garbata, mai puntuta. Era corretto, rigoroso, sempre con la battuta pronta. Grandissima professionalità e cortesia. Tanto è vero che poi andavamo a prendere il caffè».

 

Il caffé?

«Sì. Ilda Boccassini non veniva (sorride, ndr )».

 

Quasi amici?

niccolo ghedini niccolo ghedini

«Avevamo un'alleanza».

 

Di che genere?

«Avendo entrambi abitudini monacali facevamo in modo di non far slittare oltre le 13 la pausa. A riprova che può esistere una giurisdizione in cui avvocati e pm non sono nemici, ma titolari di ruoli distinti, io gli avvocati li frequento, ma solo in Tribunale, non nelle conventicole dei potenti».

 

Quando Ghedini si toglieva la toga però Ruby diventava la nipote di Mubarak e lui contribuiva a modificare le leggi. Non glielo contestava?

«Non abbiamo mai parlato di politica. Mai».

Antonio Sangermano con avvocati Berlusconi Antonio Sangermano con avvocati Berlusconi

 

Alcune modifiche legislative non impattarono con il suo processo?

«In primo grado chiesi 6 anni per Berlusconi. Lo condannarono a 7 anni per concussione. Poi arrivò la legge Severino».

 

E...?

«E spacchettò il reato di concussione, ne complicò l'interpretazione e in Appello e in Cassazione Berlusconi fu assolto. Ma nulla da dire. Sono fautore di una distanza abissale tra magistrati e politica. Come cittadino non condividevo quella stagione, ma il nostro dovere è applicare la legge».

niccolo ghedini silvio berlusconi niccolo ghedini silvio berlusconi

 

Berlusconi vi attaccava ferocemente.

«Nel 2003 il suo governo aggravò la legge Merlin. Se una legge si ritiene un vecchio arnese si può abolire non prendersela con chi è chiamato ad applicarla. Percepivo un profondo affetto di Ghedini per Berlusconi. E io ho fatto il mio dovere. Senza intestarmi guerre purificatrici. Con rispetto per lui come per ogni imputato».

 

Quando ha sentito Ghedini l'ultima volta?

«A Natale mi ha fatto gli auguri».

 

Mica le mancherà?

niccolo ghedini giulia bongiorno niccolo ghedini giulia bongiorno

«Sì, moltissimo. Con lui ho misurato la distanza siderale tra integralismo ed equilibrio. Scelgo l'equilibrio. L'integralismo, a volte, è molto scortese. E anche antiestetico».

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?