“RIINA HA PORTATO ALLA DISTRUZIONE” - L’INTERCETTAZIONE IN CUI ANTONINO ANELLO E GIOACCHINO BADAGLIACCA, BOSS ARRESTATI DAI CARABINIERI NEL BLITZ CHE HA COLPITO LA FAMIGLIA DI ROCCA MEZZOMONREALE A PALERMO, SMERDAVANO TOTÒ RIINA, INDICANDOLO COME COLUI CHE HA AMMAZZATO COSA NOSTRA: “ERAVAMO I PADRONI DEL MONDO. QUANDO UNA PERSONA HA IL DELIRIO DI ONNIPOTENZA… SE NON SI FOSSE COMPORTATO COSÌ NON AVREMMO AVUTO TUTTI QUESTI PENTITI. BUSCETTA? AVEVA SETTE PAIA DI COGLIONI…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di www.leggo.it

 

toto riina toto riina

L'inchiesta con il blitz antimafia che questa mattina ha colpito il mandamento di Cosa Nostra di Palermo , rivela [...] i boss che, al telefono, intercettati dagli inquirenti, parlavano male di Totò Riina e lo ritenevano responsabile della caduta della mafia e della sua perdita del potere. [...]

 

I boss intercettati contro Totò Riina

«Io mi faccio il conto che eravamo i padroni del mondo perché tu andavi da una parte e trovavi il portone aperto». «No, tutte cose sono finite. Quando una persona ha il delirio di onnipotenza... Nella vita per far funzionare qualsiasi cosa ci vuole equilibrio. Tiri la corda e la rompi... perché si è mangiato tutto e ha portato alla distruzione. Ti dico una cosa, sarebbero cambiati lo stesso i tempi, ma però non saremmo combinati in questa maniera... non con tutti questi pentiti». «Perché tu pensi che se lui non si fosse comportato così, ci sarebbero stati tutti questi pentiti?».

TOTO RIINA E TOMMASO BUSCETTA TOTO RIINA E TOMMASO BUSCETTA

 

Ragionavano così Antonino Anello e Gioacchino Badagliacca, arrestati dai carabinieri nell'ambito del blitz che ha colpito in particolare la famiglia di Rocca Mezzomonreale. Sette le misure cautelari emesse dal gip ed eseguite all'alba tra Palermo, Riesi e Rimini. 

[...]

 

«Quando tu metti mano con gli sbirri ma che senti fare (che vuoi fare, ndr)? - diceva Gioacchino Badagliacca - Ma poi non è nel dna di questa cosa. Le bombe là fuori, fare morire gente innocente... Queste cose onesto sono? Cose di un cristiano che ha onore? Ma perché se muori tu, muore tua figlia a te ti piacerebbe? Che è innocente».

 

[...]

 

toto' riina toto' riina

«Non è che uno vuole giustificare - ragionava ancora il boss -, perché uno nella vita fa una scelta e da deve portare sempre avanti fino alla morte, però ha portato al punto le persone a non credere più in quello che fa». Una critica che investiva non solo la 'gestionè Riina ma anche quei mafiosi che si erano alleati con lui, tra i quali lo storico capomandamento Antonino Rotolo, per il quale secondo Badagliacca e Anello, era già stata decretata la condanna a morte, scongiurata solo grazie alla carcerazione. «Nino Rotolo è vivo perché è stato arrestato...». I due interlocutori, annota il gip nell'ordinanza, interloquivano anche della 'staturà mafiosa di Tommaso Buscetta. «Tuo nonno mi dice che era un cristiano con sette paia di cog...», tagliava corto Anello. 

toto' riina 2 toto' riina 2 toto' riina toto' riina

 

riina con carlo alberto dalla chiesa riina con carlo alberto dalla chiesa TOTO RIINA TOTO RIINA toto riina con carlo alberto dalla chiesa toto riina con carlo alberto dalla chiesa riina riina

riina provenzano riina provenzano toto riina toto riina

 

Condividi questo articolo

media e tv

“SONO STATO A UN FESTINO HARD CON MATTEO MESSINA DENARO” – A “LE IENE” ISMAELE LA VARDERA, VICEPRESIDENTE DELLA COMMISSIONE ANTIMAFIA DELLA REGIONE SICILIANA, RIVELA DI AVER PARLATO CON UN UOMO CHE SOSTIENE DI ESSERE STATO A UNA SERATA IN UNA VILLA IN PROVINCIA DI PALERMO CON IL BOSS – IL RACCONTO DEL TESTIMONE: “PRIMA DI ENTRARE A QUELLA FESTA TI PERQUISIVANO. L’ORDINE ERA DI NON RIVELARE CHI ERA PRESENTE. A MEZZANOTTE ARRIVAVANO LE ESCORT. SNIFFANO QUASI TUTTI. MESSINA DENARO ERA SEDUTO CON UNO DELLE FORZE DELL’ORDINE E CON UN MEDICO. C’ERA PURE UN NOTO POLITICO. IL BOSS SI PRESENTÒ A ME CON IL NOME DI ANDREA E…”

politica

VI RICORDATE DI VIRGINIA SANJUST DI TEULADA, EX SIGNORINA BUONASERA E GIÀ COCCA DI BERLUSCONI? LA PROCURA DI ROMA HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER LA 45ENNE, CON UN PEDIGREE FAMILIARE NOBILE PER STALKING NEI CONFRONTI DELL’EX COMPAGNO E PER AVER DEVASTATO LA CASA DELLA NONNA, L'EX STELLA DEL CINEMA ANTONELLA LUALDI, CHE NON VOLEVA DARLE SOLDI – IL RAPPORTO CON L’AGENTE DEL SISDE FEDERICO ARMATI E LA “RELAZIONE PARTICOLARE” CON IL CAV: “MI AVEVA PRESO A CUORE MA È L’UOMO PIÙ IMPOTENTE DEL MONDO"

business

cronache

sport

FATE LEGGERE QUESTO PEZZO AI TIFOSI DELLA JUVENTUS - PER CAPIRE COME SIA STATA POSSIBILE LA PENALIZZAZIONE DI 15 PUNTI E PERCHE’ SIA STATA SANZIONATA SOLO LA JUVE PER LE PLUSVALENZE, BISOGNA COMPRENDERE CHE SONO CAMBIATE LE PROVE IN MANO MAGISTRATI GRAZIE ALLE CARTE DELL’INCHIESTA PRISMA - LE “EVIDENZE RELATIVE A INTERVENTI DI NASCONDIMENTO” O “MANIPOLATORI” SONO EMERSE SOLO PER LA JUVENTUS (CHE DA SOCIETÀ QUOTATA “DEVE RISPONDERE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI”), MENTRE A CARICO DELLE ALTRE SQUADRE (SAMPDORIA, EMPOLI, GENOA, PARMA, PISA, PESCARA, PRO VERCELLI, NOVARA), “NON SUSSISTONO EVIDENZE DIMOSTRATIVE SPECIFICHE”

cafonal

TENETEVI SALDI. TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. ROMA GODONA ESISTE E RESISTE. E SI SOLLAZZA AL FESTONE DI SANDRA CARRARO, STARRING PUPO CHE GORGHEGGIA CON MARA VENIER, BRU-NEO VESPA CHE TRILLA IL RITORNELLO DI “GELATO AL CIOCCOLATO, DOLCE E UN PO’ SALATO…”, MENTRE NICOLINO PORRO AGITA I PIEDINI. SCUTRETTOLA SENZA UNA CURVA FUORI POSTO MARIA ELENA BOSCHI. NON FA RIDERE, FA IMPRESSIONE ADRIANO ARAGOZZINI. INTORNO BOLGIA E PIGIA PIGIA DI PARTY-GIANI - CERTO, UN FESTONE ULTRA-CAFONAL, SPENSIERATO E GAUDENTE, MA PRIVO DELLA CILIEGINA CHE FA OGGI DI UN PARTY UN EVENTO: UN COLLEGAMENTO CON ZELENSKY DA KIEV SOTTO LE BOMBE... – VIDEO STRACULT!

viaggi

salute