“SIAMO ABITUATI A TIFARE SENZA CAPIRE” – ROBERTA PETRELLUZZI RISPONDE ALLE CRITICHE PER LA PUNTATA DI “UN GIORNO IN PRETURA” DEDICATA ALL’OMICIDIO DI MARCO VANNINI, CHE A MOLTI È SEMBRATA UNA DIFESA DI MARTINA CIONTOLI: “SI FANNO PETIZIONI AFFINCHÉ NON POSSA PIÙ LAVORARE. VI SEMBRA POSSIBILE? QUESTA COSA MI INDIGNA” –“LA MIA LETTERA A MARTINA NON SMINUISCE IL DOLORE DELLA MADRE DI MARCO, MA…” – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

 

Annalisa Grandi per www.corriere.it

 

roberta petrelluzzi roberta petrelluzzi

«Io ho bisogno di capire il perché uno fa certe cose». Risponde alle polemiche che si sono scatenate dopo la puntata di «Un giorno in Pretura», dedicata all’omicidio di Marco Vannini. Roberta Petrelluzzi a «Le Parole della Settimana» di Massimo Gramellini replica al polverone sollevato prima della lettera a Martina Ciontoli, poi dal modo in cui il delitto Vannini è stato affrontato nella sua trasmissione.

 

martina ciontoli martina ciontoli

«Credo che ormai non siamo più abituati al cercare il perché, ma siamo abituati a tifare. O fai parte della curva sud, o fai parte della curva nord. Quando tifi non cerchi le ragioni, ma perché puoi essere contro - dice parlando delle reazioni alla lettera scritta a Martina Ciontoli - Si fanno petizioni affinché la ragazza venga cancellata dall’ordine degli infermieri e non possa più lavorare. Vi sembra possibile? Questa cosa mi indigna» sostiene la Petrelluzzi riferendosi appunto a una petizione in Rete perché la ragazza venga radiata dall'ordine degli infermieri.

marco vannini 10 marco vannini 10

 

La conduttrice poi entra nel merito: «Io voglio capire il perché, non voglio credere che tu abbia voluto che il tuo fidanzato morisse, voglio credere che tu non abbia saputo agire in una situazione di panico - dice rivolgendosi direttamente a Martina, fidanzata di Marco - Ti morirà il ragazzo che amavi e a sparare è stato tuo padre. Una situazione tale può mandare chiunque in uno stato di confusione totale». «Ti vogliamo far sapere che siamo assolutamente in disaccordo con questo accanimento mediatico» aveva scritto la Petrelluzzi nel post che aveva sollevato parecchie polemiche.

roberta petrelluzzi 2 roberta petrelluzzi 2

 

La conduttrice si rivolge poi alla madre di Marco Vannini: «La mia lettera a Martina non sminuisce il dolore della madre, sono vicinissima a questa donna. Aver pietà anche per qualcun altro non significa essere contro di lei. Mi spiace che la mamma ha vissuto questo mio intervento contro di lei. Mai, mai, mai potrei andare contro il dolore di una madre» dice.

 

marco vannini 11 marco vannini 11

Intanto domenica sera è andata in onda a «Le Iene» la testimonianza di Davide Vannicola, amico dell'ex comandante dei carabinieri Roberto Izzo, molto amico di Antonio Ciontoli, condannato a cinque anni per omicidio colposo. Secondo l'uomo «Izzo sapeva che a sparare era stato il figlio di Antonio, Federico Ciontoli. E fu egli stesso a suggerire al padre di prendersi la colpa, perché facendo parte dei Servizi non gli avrebbe precluso più di tanto, mentre il figlio è giovane». Martina e Federico Ciontoli sono stati condannati a tre anni di carcere.

roberta petrelluzzi un giorno in pretura roberta petrelluzzi un giorno in pretura marco vannini martina ciontoli 4 marco vannini martina ciontoli 4 marco vannini martina ciontoli 1 marco vannini martina ciontoli 1 marco vannini 6 marco vannini 6 marco vannini 7 marco vannini 7 marco vannini martina ciontoli 2 marco vannini martina ciontoli 2 famiglia ciontoli famiglia ciontoli marco vannini martina ciontoli 3 marco vannini martina ciontoli 3 marco vannini martina ciontoli marco vannini martina ciontoli

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

DOPO VENT’ANNI DI LOTTA, ESSELUNGA APRE IL SUPERSTORE A LIVORNO! L’ATTO DI COMPRAVENDITA DELL’IMMOBILE IN VIALE PETRARCA RISALE AL 2002: DA ALLORA PARTÌ UN LUNGO BRACCIO DI FERRO CON LE AUTORITÀ LOCALI E SOPRATTUTTO CON LE COOP ROSSE, CHE VOLEVANO IMPEDIRE A TUTTI I COSTI L’ARRIVO DI CAPROTTI. PER CELEBRARE IL SUCCESSO MARINA CAPROTTI HA DECISO DI RISTAMPARE IL MITICO LIBRO “FALCE E CARRELLO”, CHE È STATO REGALATO AI CLIENTI DEL NUOVO SUPERSTORE IN CUI LAVORANO 191 ADDETTI…

cronache

SIAMO FUORI DI TESTA MA DIVERSI DA VOI – IL VENEZIA CALCIO DAL SUO ACCOUNT TWITTER CI INTIMA DI MODIFICARE IL NOSTRO TITOLO (“UNA FIGA DI MEDIANO”), SULLA BOMBASTICA E MISCONOSCIUTA GIOCATRICE AGATA CENTASSO, E SI SCATENA UNO SCIAME DI OFFESE DA PARTE DEI SOLITI SOCIAL-INQUISITORI: “RITARDATI”, “SUBUMANI”, “INFAMI” – NON SAREMO CERTO NOI A LAGNARCI, SEGNALIAMO SOLO CHE DARE LA STURA ALL'ODIO SOCIAL È MOLTO PEGGIO DEL NOSTRO TITOLO - IL VENEZIA E LA CENTASSO TACCIONO DAVANTI AL TURPILOQUIO DI QUESTA MANICA DI SFIGATELLI…

sport

cafonal

viaggi

salute

MA INSOMMA, I VACCINATI SONO CONTAGIOSI O NO? – L’IMMUNOLOGO ABRIGNANI: “IL CICLO COMPLETO PROTEGGE AL 90% DAL RISCHIO DI CONTAGIARSI E QUINDI TRASMETTERE L'INFEZIONE” – “BISOGNA VACCINARE I MINORI IL PRIMA POSSIBILE: SECONDO UN'ANALISI DEI CDC, UN MILIONE DI DOSI DI VACCINO PFIZER POSSONO, NELLA FASCIA 12-29 ANNI, EVITARE 23.500 CASI DI COVID, CIRCA 1.500 RICOVERI, 211 INGRESSI IN TERAPIA INTENSIVA E 12 DECESSI. IL TUTTO A FRONTE DI UN RISCHIO DI 43-52 CASI DI MIOCARDITE…”