MONARCHIA CANAGLIA – CARLO III HA DILAPIDATO IL CONSENSO DELLA MADRE: OGNI VOLTA CHE METTE PIEDE FUORI DA BUCKINGHAM PALACE SI RITROVA CONTESTATORI REPUBBLICANI CHE GRIDANO “NOT MY KING” - IL TASSO DI APPROVAZIONE VERSO KING CHARLES È CROLLATO AL 56% E GLI SCANDALI DI HARRY E ANDREA NON LO STANNO AIUTANDO - MA NONOSTANTE TUTTO, NON CI SONO I PRESUPPOSTI PER UNA RIVOLUZIONE, VISTO CHE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Luigi Ippolito per www.corriere.it

 

le proteste contro re carlo 7 le proteste contro re carlo 7

Se Elisabetta era la costante del Regno, la costante di re Carlo sono fischi e proteste: ormai non c’è apparizione del sovrano in pubblico che non sia accompagnata da sonore contestazioni, con i manifestanti che inalberano cartelli con la scritta «Not My King», non il mio re.

[…] l’ascesa al trono di Carlo ha dato la stura a un sentimento di insofferenza verso la Corona che da tempo covava sotto la cenere.

 

[…] Le proteste sono coordinate dal gruppo Republic, che ha in programma grandi manifestazioni per l’incoronazione del 6 maggio: le donazioni in loro favore si sono triplicate negli ultimi due anni, con un notevole aumento dopo la morte di Elisabetta.

 

«Nell’ultimo paio d’anni il repubblicanesimo è stato spinto dalla lite sul principe Harry e dallo scandalo sul principe Andrea», ha detto al Telegraph il leader di Republic, Graham Smith. «Ma le gente è anche scontenta – ha aggiunto – per l’affare dei soldi in cambio di onorificenze che ha coinvolto il re: dunque adesso è tutta un’altra cosa, perché la gente è molto contenta di criticare Carlo. Lui si porta addosso un peso di 70 anni e nei tre o quattro anni prima della morte della regina c’è stato uno scandalo dopo l’altro».

 

le proteste contro re carlo 3 le proteste contro re carlo 3

«[…] La monarchia è una istituzione indebolita, si è aperta una falla sotto la linea di galleggiamento e se continuiamo a spingere, affonderà […]».

 

Il problema sono soprattutto le giovani generazioni. Soltanto il 24% nella fascia di età tra i 18 e i 24 anni pensa che la monarchia sia un bene per la Gran Bretagna e anche nella fascia 25-49 anni l’approvazione non supera il 49. […] se la regina aveva un tasso di approvazione del 79%, quello di Carlo è fermo al 56%.

 

le proteste contro re carlo 4 le proteste contro re carlo 4

Dunque la monarchia britannica è in pericolo? In realtà, solo il 22% pensa che ci debba essere un referendum […] Per questo Carlo tira dritto e ignora le contestazioni.

 

«Non c’era mai stato dubbio che la morte della regina avrebbe rafforzato la voce dei repubblicani – dicono a corte -. La regina era tenuta in tale rispetto che il re era consapevole che ci sarebbe stato un calo di sostegno. Ma il re ignorerà i sondaggi del giorno e farà il lavoro che gli è richiesto: ha una visione di lungo termine del suo ruolo e crede che anche la gente adotterà una visione di lungo termine del suo contribuito». E allora, Dio salvi il Re?

le proteste contro re carlo 1 le proteste contro re carlo 1 le proteste contro re carlo 6 le proteste contro re carlo 6 le proteste contro re carlo 5 le proteste contro re carlo 5 le proteste contro re carlo 2 le proteste contro re carlo 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?