PESTAGGI E DEPISTAGGI – NELLE MOTIVAZIONI DELLA SENTENZA CHE LO SCORSO APRILE HA PORTATO ALLA CONDANNA DI OTTO CARABINIERI PER I DEPISTAGGI AVVENUTI DOPO LA MORTE DI STEFANO CUCCHI SI LEGGE CHE I MILITARI AGIRONO PER “NON MINARE L’IMMAGINE E LA CARRIERA DEI VERTICI TERRITORIALI, IN PARTICOLARE DEL COMANDANTE DEL GRUPPO ROMA, CASARSA” – I TENTATIVI DI OCCULTARE LA VERITÀ SONO INIZIATI NEL 2009 E POI RIPRESI A PARTIRE DAL 2015, QUANDO LA PROCURA DI ROMA HA RIAVVIATO L’INCHIESTA

-

Condividi questo articolo


Da www.open.online

 

Il corpo di Stefano Cucchi Il corpo di Stefano Cucchi

«La versione ufficiale dell’Arma dei Carabinieri sulla morte di Stefano Cucchi» è «stata ‘confezionata’ escludendo ogni possibile coinvolgimento dei militari così che l’immagine e la carriera dei vertici territoriali e, in particolare, del comandante del Gruppo Roma, Alessandro Casarsa, non fosse minata». E’ duro il giudizio da parte del tribunale monocratico di Roma che ha depositato le motivazioni della sentenza con cui, lo scorso aprile, ha condannato otto carabinieri ritenuti responsabili dei depistaggi avvenuti dopo la morte di Stefano Cucchi (il giovane morto nell’ottobre del 2009, ad una settimana dal suo arresto).

 

ALESSANDRO CASARSA ALESSANDRO CASARSA

«L’ampia istruttoria dibattimentale ha permesso di ricostruire i fatti contestati e di accertare un’attività di sviamento posta in essere nell’immediatezza della morte di Stefano Cucchi, volta, ad allontanare i sospetti che ricadevano sui carabinieri per evitare le possibili ricadute sul vertice di comando del territorio capitolino». Prosegue il giudice.

 

Il depistaggio è iniziato nel 2009 ma è poi ripreso a partire dal 2015 quando la procura di Roma ha deciso di riavviare l’inchiesta, spiega il giudice. A quel punto, l’obiettivo del depistaggio è diventato celare i falsi risalenti al 2009 (coinvolgenti il Comandante del Gruppo di allora, il Colonello Alessandro Casarsa e il suo più stretto collaboratore, il tenente Francesco Cavallo in servizio in quel momento presso il Comando Provinciale di Roma, contiguo all’ufficio del Comandante del Reparto Operativo, Colonnello Lorenzo Sabatino) «considerata la qualità dei protagonisti e dei rapporti tra alcuni di loro» con lo scopo, tra l’altro di «svilire la credibilità di Riccardo Casamassima, teste rilevante per l’ipotesi accusatoria».

ilaria stefano cucchi ilaria stefano cucchi ilaria cucchi all'udienza del processo sulla morte di stefano cucchi 7 ilaria cucchi all'udienza del processo sulla morte di stefano cucchi 7 stefano cucchi stefano cucchi

 

patrizia aldrovandi, madre di federico, assieme ilaria cucchi (sorella di stefano) e lucia uva (sorella di giuseppe) patrizia aldrovandi, madre di federico, assieme ilaria cucchi (sorella di stefano) e lucia uva (sorella di giuseppe)

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

JOHN ELKANN CE L’HA FATTA – ANDREA AGNELLI SI È DIMESSO DALLA PRESIDENZA DELLA JUVENTUS E IL BRACCIO AMBIDESTRO DI YAKI, MAURIZIO SCANAVINO, SARÀ DIRETTORE GENERALE – ATTUALMENTE AMMINISTRATORE DELEGATO DEL GRUPPO GEDI, SCANAVINO È UN FEDELISSIMO DI JOHN: ARRIVATO NEL GRUPPO FIAT NEL 2004, HA PARTECIPATO AL RILANCIO DELLA SOCIETÀ CON MARCHIONNE, E DAL 2007 SI È OCCUPATO DELL’EDITORIA PER LA FAMIGLIA AGNELLI (LAVORANDO ALLA FUSIONE TRA “SECOLO XIX” E “STAMPA” E POI ALLA PRESA DI “REPUBBLICA”)

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO! GOVERNO MELONI ALL'OPERA – L'EMOZIONANTE PRIMA DI “DIALOGHI DELLE CARMELITANE”, REGIA DI EMMA DANTE, CON IL PALCO REALE OCCUPATO DA SANGIULIANO ASSEDIATO DI LINGUE BIFORCUTE, CASELLATI, SGARBI, MOLLICONE - GUALTIERI È FILATO VIA ALLA FINE DEL PRIMO ATTO PER NON PERDERE L'AEREO PER BRUXELLES - IL SIPARIETTO TRA IL NEOSENATORE LOTITO E L’ASSESSORE ONORATO (FLAMINIO CI COVA?) – E POI LETTA, GRILLI, PADOAN, PALERMO, MASI, SEVERINO, NASTASI, AUGIAS, GOTOR, JERVOLINO, DAGO LEOPARDATO, LUCCI CHE SI BECCA DEL “BASTARDO” E DUE DIPENDENTI DEL TEATRO CHE DENUNCIANO: “QUI SI RUBANO LE PALLINE DELL’ALBERO DI NATALE!” – FOTO BY DI BACCO

viaggi

salute