CON LA PIVETTI NEL SACCO! – LA PROCURA DI MILANO HA CHIESTO UNA CONDANNA A 4 ANNI DI RECLUSIONE PER L'EX PRESIDENTE DELLA CAMERA, IRENE PIVETTI, A PROCESSO PER EVASIONE FISCALE E AUTORICICLAGGIO PER UNA SERIE DI OPERAZIONI COMMERCIALI DEL VALORE DI 10 MILIONI DI EURO – AL CENTRO DEL CASO LA COMPRAVENDITA DI TRE FERRARI "GRANTURISMO" CHE, SECONDO L'ACCUSA, SAREBBE SERVITA PER RICICLARE PROVENTI FRUTTO DI ILLECITI FISCALI – CHIESTA LA CONDANNA ANCHE PER IL PILOTA DI RALLY, LEONARDO ISOLANI…

-

Condividi questo articolo


Irene Pivetti al centro sociale di via Tazzoli a Monza Irene Pivetti al centro sociale di via Tazzoli a Monza

(ANSA) - Il pm di Milano Giovanni Tarzia ha chiesto una condanna a 4 anni di reclusione per l'ex presidente della Camera Irene Pivetti, a processo, davanti alla quarta penale, per evasione fiscale e autoriciclaggio per una serie di operazioni commerciali nel 2016 del valore di circa 10 milioni di euro, in particolare la compravendita di tre Ferrari Granturismo che, secondo l'accusa, sarebbe servita per riciclare proventi frutto di illeciti fiscali.

 

La Procura ha chiesto anche altre tre condanne per altrettanti imputati, tra cui una a 3 anni per il pilota di rally ed ex campione di Gran turismo Leonardo 'Leo' Isolani.

 

una delle ferrari sequestrate a irene pivetti una delle ferrari sequestrate a irene pivetti

Il pm, nel chiedere per Pivetti la condanna senza attenuanti e anche ad una multa da 10mila euro, ha spiegato che l'ex esponente leghista "ha avuto modo di conoscere le istituzioni dello Stato dall'interno", è stata "la terza carica dello Stato" ed è "beneficiaria di un vitalizio pagato dai cittadini e si pretende, dunque, sensibilità agli obblighi di legge".

 

Invece, da lei è arrivata una "sostanziale mancanza di collaborazione": nell'interrogatorio in indagini si è avvalsa della facoltà di non rispondere e in aula, in un'udienza in cui ha respinto le accuse, ha offerto, ha aggiunto il pm, "una ricostruzione confusa", mentre da questa vicenda ha portato a casa "un guadagno in modo occulto".

 

IRENE PIVETTI IRENE PIVETTI

Nel settembre 2022 in questo procedimento la Cassazione aveva confermato un sequestro da circa 3,5 milioni di euro nei confronti dell'ex parlamentare. Nell'inchiesta, condotta dal Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf, è stato ipotizzato un ruolo di intermediazione di Only Italia, società riconducibile a Pivetti, in operazioni del 2016 del Team Racing di Isolani, che voleva nascondere al fisco (aveva un debito di 5 milioni) alcuni beni, tra cui le tre Ferrari.

 

Le auto sarebbero state al centro di una finta vendita al gruppo cinese Daohe per essere, invece, trasferite in Spagna, dove ci sarebbe stato il tentativo di venderle.

 

L'unico "bene effettivamente ceduto, ovvero passato" ai cinesi, ricostruisce il capo di imputazione, sarebbe stato "il logo della Scuderia Isolani abbinato al logo Ferrari". Se lo scopo di "Isolani e Mascoli (moglie del pilota, ndr)" era quello "di dissimulare la proprietà dei beni e sottrarli" al Fisco, "l'obiettivo perseguito da Irene Pivetti" sarebbe stato quello "di acquistare il logo Isolani-Ferrari per cederlo a un prezzo dieci volte superiore al gruppo Dahoe, senza comparire in prima persona": per la Procura l'ex presidente della Camera avrebbe comprato il marchio per 1,2 milioni di euro per poi rivenderlo alla società cinese a "10 milioni".

 

LEONARDO LEO ISOLANI LEONARDO LEO ISOLANI

Il pm nella requisitoria ha evidenziato la "natura simulata dei contratti data" anche "la plusvalenza realizzata". Pivetti usò le società "come schermo giuridico: erano solo scatole vuote, del tutto inconsistenti e lo erano anche quelle della galassia Only Italia". Il pm ha anche chiesto 3 anni per la moglie di Isolani, Manuela Mascoli, e per la figlia di lei Giorgia Giovannelli (solo per quest'ultima è stato chiesto il riconoscimento delle attenuanti generiche). Hanno iniziato a parlare le difese e per il 27 giugno è prevista l'arringa della difesa di Pivetti.

irene pivetti catwoman irene pivetti catwoman una delle ferrari sequestrate a irene pivetti 2 una delle ferrari sequestrate a irene pivetti 2 una delle ferrari sequestrate a irene pivetti una delle ferrari sequestrate a irene pivetti LEONARDO LEO ISOLANI 2 LEONARDO LEO ISOLANI 2 irene pivetti a diario del giorno 30 agosto 2023 irene pivetti a diario del giorno 30 agosto 2023

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

CRACK, ALLA FINE TUTTO CROLLERÀ (GIORGIA COMPRESA) - “MONTE DI PIETÀ”, LABIRINTICA E IMPIETOSA MOSTRA DELLO SVIZZERO CHRISTOPH BUCHEL ALLA FONDAZIONE PRADA DI VENEZIA, È UN PRECIPIZIO NELL’ABISSO DEL DENARO. LÀ DOVE COLLASSA LA NOSTRA PATOLOGICA COMPULSIONE DI ACCUMULARE TUTTO E DI PIÙ, TRA CELEBRITÀ DIVORATE DALLA POLVERE DELL OBLIO E STILISTI RIDOTTI A BARZELLETTA, LÀ, IN UN MONDO-PALUDE CHE HA SUCCHIATO TUTTO, TIZIANO E CANALETTO, “MERDA D’ARTISTA” DI MANZONI E LE TELE-VENDITE DI WANNA MARCHI, CARRI ARMATI E BORSETTE TAROCCATE PRADA, L’IMMAGINE CHIAMATA AD ACCOMPAGNARCI ALL’ULTIMA MINZIONE DELL’UMANITÀ, APPOGGIATA DAVANTI AL BAGNO, SOPRA UNA SCATOLA PRONTA PER ESSERE SPEDITA VIA, È LEI, GIORGIA DEI MIRACOLI CHE SORRIDE INCORNICIATA…

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?