PUTIN, SALVACI TU! FIRMATO: IL GOVERNO AMERICANO! - UN EX MEMBRO DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA USA SOSTIENE CHE I RUSSI SIANO GLI UNICI AL MONDO IN GRADO DI SCONFIGGERE L’ISIS, E DICE APERTAMENTE CHE LA TURCHIA APPOGGIA LO STATO ISLAMICO – L’OCCIDENTE? “CASTRATO DAI MEDIA E DALL’OPINIONE PUBBLICA”

Gwyneth Todd all'agenzia di notizie russa Sputnik: ''Sia l’Europa che l’America sanno che la Turchia, uno dei membri chiave della Nato, è anche un supporter dell’Isis e non la difenderanno mai qualora Erdogan decidesse di mettersi contro la Russia in Siria. E Le monarchie del Golfo non rischierebbero mai un confronto armato contro Putin''…

Condividi questo articolo

Da http://sputniknews.com

barack obama nsc barack obama nsc

 

“La Russia è l'unica grande potenza in grado di distruggere l’Isis perché può ignorare le accuse e le pressioni dei media occidentali”. Lo ha detto Gwenyth Todd, un ex consigliere di Barack Obama ed ex membro del Consiglio di Sicurezza Nazionale (NSC) della Casa Bianca.

 

gwenyth todd gwenyth todd

"Il mondo ha bisogno di un paese veramente potente, pronto a fare qualsiasi cosa per respingere questi terroristi ben armati e finanziati. È inoltre necessario mettere un attimo da parte le accuse di violazione dei diritti umani e cercare di fermare il flusso di denaro proveniente dalla Turchia e dai paesi del Golfo diretto ad alimentare lo stato islamico”, ha detto Gwenyth Todd a Sputnik.

 

aereo russo decollo aereo russo decollo

Todd ha spiegato che gli Stati Uniti hanno grande difficoltà a intraprendere azioni di guerra contro i terroristi perché "ci sono molti cittadini americani che vogliono assolutamente evitare tutti i danni collaterali legati a una possibile guerra o anche solo le violenze necessarie a fermare i colpevoli."

francoise hollande francoise hollande

 

Il problema però riguarda l’Occidente nel suo complesso, spiega Todd, perché anche gli inglesi, i tedeschi e i francesi vogliono evitare un intervento deciso. E in più sono disposti a chiudere un occhio anche con quei governi che violano i diritti umani, pur di proteggere i loro interessi economici.

 

aereo russo sgancia bomba su obiettivo isis aereo russo sgancia bomba su obiettivo isis

"Nessuno di questi atteggiamenti può essere efficace quando si tratta di fronteggiare l’avanzata del terrorismo – afferma l’ex membro dell’NSC - Se l'Occidente rifiuta di vendicarsi, i terroristi capiranno che potranno agire indisturbati perché non avremo mai il coraggio di attaccarli veramente”.

 

vladimir putin vladimir putin

Il sospetto che hanno i terroristi è che ora anche la Russia sia stata contagiata dalla paura occidentale di compiere un intervento risolutivo e, per Gwenyth Todd, l’abbattimento del Metrojet russo sarebbe servito a provare questa teoria. “Gli Stati Uniti, incapaci di agire – sostiene Todd – si sentirebbero estremamente sollevati se la Russia si decidesse a distruggere il quartier generale dello Stato Islamico, ignorando le pressioni dell’opinione pubblica”.

 

BOMBA ISIS NELLA LATTINA DI BIRRA GOLD BOMBA ISIS NELLA LATTINA DI BIRRA GOLD

Il momento è molto favorevole, il giudizio su un intervento russo sarebbe mitigato dagli ultimi attentati di Parigi e dalla rivendicazione da parte dell’Isis dell’attentato all’aereo russo. Ma per Todd “questa finestra rimarrà aperta solo per poco tempo, e la Russia deve muoversi molto velocemente e colpire l’Isis con grande forza se vuole essere efficace”.

 

attentati a parigi assato al bistrot 9 attentati a parigi assato al bistrot 9 attentati a parigi assato al bistrot 11 attentati a parigi assato al bistrot 11 fotomontaggi isis su parigi fotomontaggi isis su parigi ISIS ISIS isis 2 isis 2

“Strategicamente l’Occidente sa che la Turchia, uno dei membri chiave della Nato, è anche un supporter dell’Isis e non la difenderà se Erdogan decidesse di mettersi contro la Russia in Siria. E i paesi del Golfo non rischierebbero mai un confronto armato contro Putin”.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute