"LA POLITICA A ROMA È LA MAFIA. GLI ONOREVOLI SO' TUTTI CORROTTI" - L'INTERCETTAZIONE IN CUI UMBERTO LUONGO, REGGENTE DEL CLAN D’AMICO-MAZZARELLA, SPIEGA COME SI DEVE COMPORTARE LA CAMORRA NELLA CAPITALE - IL DIALOGO È AGLI ATTI DELLA MAXI-INCHIESTA CHE HA PORTATO ALL'ARRESTO, TRA GLI ALTRI, DI ANTONIO NICOLETTI, PRIMOGENITO DI ENRICO, "CASSIERE" DELLA BANDA DELLA MAGLIANA E DI VINCENZO SENESE, FIGLIO DI MICHELE "’O PAZZO" - LA PROCURA HA SEQUESTRATO UN TESORO DI 131 MILIONI DI EURO, PARTE DEL MARE DI DENARO SPORCO MOSSO DAL CRIMINE A ROMA...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Giuseppe Scarpa per "La Repubblica"

 

Antonio Nicoletti Antonio Nicoletti

A Roma il grande crimine cambia i vestiti, mette da parte l’espressione feroce e indossa gli abiti eleganti del businessman, perché nell’Urbe si fanno gli affari, i soldi veri, si pulisce il denaro sporco ma senza dare troppo nell’occhio, senza impugnare il revolver. [...]

 

Su tutti Antonio Nicoletti, primogenito di Enrico, lo storico cassiere della banda della Magliana morto a 84 anni a dicembre del 2020. Dal padre, si è scoperto ieri, Nicoletti junior ha ereditato la bottega di famiglia divenendo uno dei più apprezzati riciclatori della camorra sulle sponde del Tevere.

 

Stesso commercio in cui si è lanciato un altro principe della malavita capitolina, Vincenzo Senese che del sessantasettenne Michele ’o Pazzo, detenuto da anni, è il temuto figlio. I tre sono stati arrestati al termine di un’inchiesta della Direzione investigativa antimafia, la Dia, che ha portato in carcere 18 criminali e indagato altre 57 persone tra cui figurano Domitilla Strina, la figlia di Anna Betz nota come Lady Petrolio, l’ex calciatore Giorgio Bresciani, e Angelo Canculli, ex manager musicale di Achille Lauro.

 

carabinieri carabinieri

Una maxi inchiesta coordinata dal pm Francesco Cascini per reati che vanno dall’associazione a delinquere con l’aggravante mafiosa finalizzata alle estorsioni fino al riciclaggio, alla fittizia intestazione di beni. Inoltre la procura ha sequestrato un tesoro tra conti correnti e beni immobili pari a 131 milioni di euro dal mare di denaro sporco mosso dal grande crimine a Roma. [...]

 

«Noi qua facciamo politica, noi stiamo facendo business. A Roma gli onorevoli sono tutti corrotti, perché è proprio Roma che è così», spiega Umberto Luongo reggente del clan D’Amico-Mazzarella in un dialogo che è un riassunto su come la camorra deve comportarsi nella Città Eterna. Salvatore Pezzella, il suo interlocutore, dimostra di aver capito e conferma la tesi. «Qua siamo in una Capitale, mica è Napoli, qua girano politici, vescovi, questo, quello e quell’altro ancora. Noi dobbiamo stare calmi».

carabinieri carabinieri

 

Essere calmi significava tenere in tasca le armi e affidare i soldi a quelli giusti, al neofascista Macuso e al figlio d’arte della mala capitolina, Nicoletti junior. Il resto erano fatture false, fiumi di denaro ripuliti nel remunerativo settore degli idrocarburi e in quello cinematografico, attraverso società cartiere intestate a prestanome.

 

Una grande lavatrice di denaro sporco impiantata nell’Urbe e gestita dai due gruppi rigorosamente romani a cui si affidavano la camorra, con i D’Amico-Mazzarella, e la ’ndrangheta, con i clan Mancuso e Mazzaferro- Morabito. L’obiettivo era lavare le centinaia di milioni di euro incassati dalla vendita della droga.

il boss michele senese, detto o pazzo il boss michele senese, detto o pazzo

 

Il compito delicato di gestire questa montagna di denaro era affidato da un lato a Nicoletti junior, Pasquale Lombardi e Daniele Muscariello, altro nome di spicco del riciclaggio romano. Dall’altro, sfruttato principalmente dalla mafia calabrese, all’estremista di destra Macuso che lavorava assieme a Piero Monti e Alberto Coppola.

 

Un sistema efficiente che poteva contare anche sulle spie tra le fila delle forze dell’ordine che aggiornavano i criminali sullo stato delle indagini che li riguardavano. I soldi servivano, perciò, per tenere al libro paga anche il poliziotto Pasquale Tremiterra. «Roma è un circuito proprio di politica — pontifica sempre Luongo nella stessa conversazione intercettata con Pezzella — per esempio (a Napoli, ndr ) se ti siedi con una guardia sei infame. A Roma se ti siedi con una guardia sei buono perché là è politica, perché Roma è politica. Ho visto gente che va seduta con le guardie, il generale e l’onorevole. Perché la politica a Roma è la mafia».

carabinieri carabinieri carabinieri carabinieri enrico nicoletti storico cassiere della banda della magliana 3 enrico nicoletti storico cassiere della banda della magliana 3 enrico nicoletti storico cassiere della banda della magliana 2 enrico nicoletti storico cassiere della banda della magliana 2 MICHELE SENESE DETTO O PAZZ MICHELE SENESE DETTO O PAZZ

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)