IL RACCONTO DELLA RAPINA SUBITA DAL RE DELLA PASTA SATURNINO DE CECCO NELLA SUA VILLA VICINO PESCARA: “ERANO IN 4 CON UN FORTE ACCENTO DELL’EST EUROPA. MI HANNO PICCHIATO E MINACCIATO ANCHE CON I COLTELLI - MIA MOGLIE E MIA FIGLIA ERANO RINCHIUSE IN CUCINA ED ERO IGNARO DELLE LORO CONDIZIONI." - A METTERE IN FUGA I CRIMINALI E' STATA UNA MOSSA AVVENTATA DI UNO DI LORO CHE...

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Paolo Mastri, Patrizia Pennella per “il Messaggero”

 

saturnino de cecco saturnino de cecco

Sulla collina vista mare tra Montesilvano e Pescara il luogo, appartato e panoramico, protegge da sempre la privacy delle famiglie più in vista. Lunedì sera ha consentito anche a un commando di almeno cinque banditi, fra i quali una donna, di agire indisturbati piombando a sorpresa nella residenza di Saturino De Cecco, erede della dinasty abruzzese della pasta, dopo aver preso in ostaggio la moglie Sheila D'Isidori e la figlia di soli 8 anni, che intorno alle 21.15 stavano rientrando in auto nella grande villa con piscina, eliporto e un vastissimo parco di palme, pitosfori e macchia mediterranea.[…]

 

VILLA DI SATURNINO DE CECCO VICINO PESCARA VILLA DI SATURNINO DE CECCO VICINO PESCARA

È durato tutto quaranta minuti esatti. Fin quando un complice dei banditi, rimasto all'esterno della villa in funzione di copertura, muovendosi ha azionato uno dei sensori perimetrali, oppure urtato una telecamera, facendo scattare l'allarme e costringendo il commando alla fuga a bordo di un'Audi che si suppone rubata nei giorni precedenti.

 

Un tempo che alle vittime della rapina è sembrato interminabile, e che ai banditi ha dato modo di farsi aprire la cassaforte e prelevare un numero imprecisato di costosissimi orologi, oggetti preziosi, altri valori e persino una pistola regolarmente detenuta.

 

SATURNINO DE CECCO SATURNINO DE CECCO

«Un momento traumatico - racconta il giorno dopo l'industriale, principale azionista dell'azienda di famiglia dal cui board si è dimesso tre anni fa -, quando ti entrano in casa con violenza e ti sequestrano la famiglia è grave, bisogna mantenere la calma, seguire le indicazioni, essere il più accondiscendenti possibile, che è quello che poi ho fatto. Mi hanno picchiato per incutere timore, mentre mia moglie e mia figlia erano rinchiuse in cucina ed ero ignaro delle loro condizioni. Sono stato molto calmo e attento a evitare reazioni, per fortuna è andata bene, detto col senno di poi».

 

Vi hanno picchiato?

«Sì, sono stato colpito. Ma soprattutto ci hanno intimorito mostrandoci i coltelli, ci hanno minacciato, hanno detto di avere la pistola e mi hanno fatto sentire che l'avevano - racconta Saturnino uscendo dalla caserma dei carabinieri di Montesilvano, subito dopo aver deposto per oltre tre ore, insieme alla moglie sui dettagli della rapina -. Io ho sempre cercato di mantenere la calma, di non cedere a nessuna provocazione».

 

[…]

 

de cecco family de cecco family

Non vi hanno creduto quando avete detto di non tenere in casa ingenti somme di denaro?

«Sì - continua il racconto - avevano già preso tutto quello che avevamo ma chiedevano altro. In queste situazioni i banditi pensano di trovare più di quello che tu gli hai dato, ma io ovviamente gli avevo dato qualsiasi cosa. Sono situazioni in cui si pensa soltanto a salvaguardare la famiglia. L'obiettivo più importante è portare a casa la pelle. Siamo stati fortunati. Era partita molto male, davvero molto male. Quando qualcosa non gli piaceva mi hanno menato».

 

Che idea si è fatto dei banditi?

VILLA DI SATURNINO DE CECCO VICINO PESCARA 1 VILLA DI SATURNINO DE CECCO VICINO PESCARA 1

«Gente decisa, di sicuro dei professionisti. Erano quattro, tra di loro certamente una donna. Due si sono occupati delle donne richiuse in cucina, gli altri mi hanno costretto ad aprire la cassaforte. In giardino c'era sicuramente un quinto complice, in funzione di copertura. Avevano un forte accento dell'est Europa».

SATURNINO DE CECCO SATURNINO DE CECCO

 

[…]

 

Condividi questo articolo

media e tv

“SONO STATO A UN FESTINO HARD CON MATTEO MESSINA DENARO” – A “LE IENE” ISMAELE LA VARDERA, VICEPRESIDENTE DELLA COMMISSIONE ANTIMAFIA DELLA REGIONE SICILIANA, RIVELA DI AVER PARLATO CON UN UOMO CHE SOSTIENE DI ESSERE STATO A UNA SERATA IN UNA VILLA IN PROVINCIA DI PALERMO CON IL BOSS – IL RACCONTO DEL TESTIMONE: “PRIMA DI ENTRARE A QUELLA FESTA TI PERQUISIVANO. L’ORDINE ERA DI NON RIVELARE CHI ERA PRESENTE. A MEZZANOTTE ARRIVAVANO LE ESCORT. SNIFFANO QUASI TUTTI. MESSINA DENARO ERA SEDUTO CON UNO DELLE FORZE DELL’ORDINE E CON UN MEDICO. C’ERA PURE UN NOTO POLITICO. IL BOSS SI PRESENTÒ A ME CON IL NOME DI ANDREA E…”

politica

VI RICORDATE DI VIRGINIA SANJUST DI TEULADA, EX SIGNORINA BUONASERA E GIÀ COCCA DI BERLUSCONI? LA PROCURA DI ROMA HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER LA 45ENNE, CON UN PEDIGREE FAMILIARE NOBILE PER STALKING NEI CONFRONTI DELL’EX COMPAGNO E PER AVER DEVASTATO LA CASA DELLA NONNA, L'EX STELLA DEL CINEMA ANTONELLA LUALDI, CHE NON VOLEVA DARLE SOLDI – IL RAPPORTO CON L’AGENTE DEL SISDE FEDERICO ARMATI E LA “RELAZIONE PARTICOLARE” CON IL CAV: “MI AVEVA PRESO A CUORE MA È L’UOMO PIÙ IMPOTENTE DEL MONDO"

business

cronache

sport

FATE LEGGERE QUESTO PEZZO AI TIFOSI DELLA JUVENTUS - PER CAPIRE COME SIA STATA POSSIBILE LA PENALIZZAZIONE DI 15 PUNTI E PERCHE’ SIA STATA SANZIONATA SOLO LA JUVE PER LE PLUSVALENZE, BISOGNA COMPRENDERE CHE SONO CAMBIATE LE PROVE IN MANO MAGISTRATI GRAZIE ALLE CARTE DELL’INCHIESTA PRISMA - LE “EVIDENZE RELATIVE A INTERVENTI DI NASCONDIMENTO” O “MANIPOLATORI” SONO EMERSE SOLO PER LA JUVENTUS (CHE DA SOCIETÀ QUOTATA “DEVE RISPONDERE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI”), MENTRE A CARICO DELLE ALTRE SQUADRE (SAMPDORIA, EMPOLI, GENOA, PARMA, PISA, PESCARA, PRO VERCELLI, NOVARA), “NON SUSSISTONO EVIDENZE DIMOSTRATIVE SPECIFICHE”

cafonal

TENETEVI SALDI. TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. ROMA GODONA ESISTE E RESISTE. E SI SOLLAZZA AL FESTONE DI SANDRA CARRARO, STARRING PUPO CHE GORGHEGGIA CON MARA VENIER, BRU-NEO VESPA CHE TRILLA IL RITORNELLO DI “GELATO AL CIOCCOLATO, DOLCE E UN PO’ SALATO…”, MENTRE NICOLINO PORRO AGITA I PIEDINI. SCUTRETTOLA SENZA UNA CURVA FUORI POSTO MARIA ELENA BOSCHI. NON FA RIDERE, FA IMPRESSIONE ADRIANO ARAGOZZINI. INTORNO BOLGIA E PIGIA PIGIA DI PARTY-GIANI - CERTO, UN FESTONE ULTRA-CAFONAL, SPENSIERATO E GAUDENTE, MA PRIVO DELLA CILIEGINA CHE FA OGGI DI UN PARTY UN EVENTO: UN COLLEGAMENTO CON ZELENSKY DA KIEV SOTTO LE BOMBE... – VIDEO STRACULT!

viaggi

salute