SOCIAL WEBETI - A LECCE, UNA DONNA SCOPRE DOPO TRE ANNI DI CHAT SU FACEBOOK CHE IL SUO AMORE VIRTUALE NON ERA L’ISPETTORE DI POLIZIA PIEMONTESE CHE SOGNAVA DI AVER CONOSCIUTO: ERA UNA RAGAZZA - LA POVERA DISGRAZIATA AVEVA ANCHE LASCIATO IL SUO COMPAGNO PER DEDICARSI A QUESTO LUNGO RAPPORTO ONLINE - SCOPERTA LA TRUFFA HA DENUNCIATO TUTTO

-

Condividi questo articolo

Chiara Spagnolo per www.repubblica.it

 

Tre anni di amore virtuale, conditi da messaggi affettuosi ma anche da foto hard, effusioni online, litigi, poi dubbi e sospetti, fino a scoprire che l'uomo di cui si è innamorata non esiste. E che per tre anni ha portato avanti una relazione con una donna. E' la vicenda che ha avuto come protagonista una giovane salentina che ha presentato una denuncia alla Procura per sostituzione di persona.

 

CHAT DI FACEBOOK E FALSE IDENTITA CHAT DI FACEBOOK E FALSE IDENTITA

Nel mirino il fidanzato virtuale, un trentenne di Torino, presunto commissario di polizia, conosciuto su Facebook. Un uomo di bell'aspetto e dai modi gentili, che in chat ha corteggiato la donna in maniera serrata riuscendo ben presto a farla innamorare, al punto da indurla a interrompere la precedente relazione. Una volta libera, la signora non ha esitato a lanciarsi a capofitto nell'amore via social con il bel poliziotto, riempiendo le sue giornate con messaggi, discussioni, scambi di foto e video.

 

CHAT DI FACEBOOK E FALSE IDENTITA CHAT DI FACEBOOK E FALSE IDENTITA

Fino a quando ha scoperto che la fotografia del suo fidanzato corrispondeva al profilo di un altro uomo, che nulla aveva a che vedere con la persona che lei credeva di conoscere. Dopo quella scoperta è iniziata una girandola di interrogativi, ai quali la donna ha cercato di avere risposta chiedendo spiegazioni al falso commissario e poi, addirittura, consultando una cartomante. Man mano che passavano i mesi, i sospetti diventavano sempre più consistenti, fino a che la giovane ha trovato il coraggio di telefonare a casa dell'amato. Sentendo

 dall'altra parte una voce di donna.

 

Dopo la prima telefonata, il presunto commissario ha cercato di blandirla. A distanza di mesi la trappola è stata ripetuta con maggiore minuziosità, però, ed è apparso chiaro che l'uomo, con cui per tre anni aveva intrattenuto una relazione era in realtà una donna. Una signora anch'essa salentina, un po' più grande d'età dell'innamorata delusa,che aveva approfittato di lei.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

BRAGANTINI REPLICA, DAGO RISPONDE – ‘’OBIETTO AL FATTO DI ESSER DIPINTO COME UOMO LEGATO AD UBI. HO DOVUTO PERFINO FAR CAUSA AD UBI. SEMMAI HO DEI LEGAMI PROFESSIONALI CON INTESA" – DAGO: ''A GIUDICARE DAL SUO ARTICOLO NON SI DIREBBE CHE LEI SI SIA LASCIATO IN MALO MODO CON UBI, ANZI SEMBRA CHE NE SUBISCA ANCORA IL RICHIAMO. EVIDENTEMENTE, NON HA MESSO UN SOLO MOTIVO FAVOREVOLE ALL’OPS DI INTESA SU UBI PROPRIO PERCHÉ HA DEI LEGAMI PROFESSIONALI ATTUALI, TRAMITE UNA SOCIETÀ DA LEI PRESIEDUTA, CON INTESA. ALTRIMENTI, QUALCHE MOTIVO FAVOREVOLE NON AVREBBE CERTO FATICATO A TROVARLO"

cronache

sport

cafonal

CAFONALINO DELLE “STELLE CADENTI” - MAI TITOLO FU PIÙ AZZECCATO! ANNALISA CHIRICO PRESENTA IL SUO LIBRO ALLA CASINA VALADIER E CHI PARLA? MATTEO SALVINI! - IL 'CAPITONE' NON SA PIÙ CHE DIRE E LA BUTTA LÀ: “NON SONO DI DESTRA", POI DÀ DEL CRETINO A ZINGARETTI E RITRATTA SUBITO: “RITIRO L’AGGETTIVO” – "LA MELONI MANGIA CONSENSI? SE RIMANE NEL CENTRODESTRA VA BENE COSÌ” - LA CHIRICO INVECE BACIA E ABBRACCIA TUTTI: DAL PRESIDENTE DI HUAWEI ITALIA DE VECCHIS ALL’AMBASCIATORE DI ISRAELE DROR EYDAR E MALAGÒ...

viaggi

salute