TALE PADRE, TALE FIGLIA - MARIA VORONTSOVA, LA FIGLIA MAGGIORE DI PUTIN, STA FACENDO PROPAGANDA IN INCOGNITO SU TELEGRAM - CON IL NICKNAME DI "MARIA V", INVIA MESSAGGI FILO-GOVERNATIVI NELLA CHAT TELEGRAM CHE CONDIVIDE CON ALTRI 106 LAUREATI DEL SUO CORSO - "NON SIAMO COME I TEDESCHI NEGLI ANNI '30, PIUTTOSTO SIAMO COME QUELLI CHE HANNO FATTO CADERE IL NAZISMO..."

-

Condividi questo articolo


Da ilmessaggero.it

 

maria vorontsova figlia di putin 1 maria vorontsova figlia di putin 1

«Maria V». Un nickname come altri miliardi che popolano social e chat. Ma l'identità che cela – che forse avrebbe meritato uno sforzo di fantasia maggiore – lo rende ben diverso dall'essere “uno dei tanti”. Maria sta Maria, niente riferimenti altri o illusioni da web. V sta per Vorontsova, cognome che, affiancato al Maria di cui sopra, fa della misteriosa utente la figlia maggiore di Vladimir Putin.

 

Trentasette anni, ricercatrice del Centro nazionale di ricerca medica per l'endocrinologia del ministero della Salute russo, Maria è la più grande delle due figlie avute dal leader del Cremlino con l'ex first lady Lyudmila Aleksandrovna Ocheretnaya.

 

Messaggi Telegram di Maria V Messaggi Telegram di Maria V

Laureatasi nel 2011 all'Università di Mosca, la donna si è guadagnata i riflettori degli esperti di media internazionali nelle ultime ore dopo la pubblicazione di alcuni suoi messaggi estrapolati da un chat di un canale Telegram con gli altri 106 laureati di quell'anno. Messaggi in cui sostanzialmente fa propoganda filo-governativa, sostenendo in tutto e per tutto la linea d'azione del papà.

 

«Nessuno in Occidente vuole che la Russia sia prospera e per questo cercano di impedirlo da sempre. E continueranno a farlo», uno dei tanti messaggi ripresi dalla stampa anglosassone dopo che Dmitry Kolezev, redattore capo di Republic, media indipendente russo, ha portato alla luce i post.

 

«Non siamo sicuri al 100 percento che il profilo sia della Vorontsova, ma almeno due fonti autorevoli, oltre a molte prove circostanziali, ci confermano che lo è», ha voluto chiarire il giornalista. Certo è che la natura del nickname e il contesto della chat si sposano bene con il profilo della figlia dello Zar.

 

Messaggi Telegram di Maria V 2 Messaggi Telegram di Maria V 2

Che, a voler proprio cercare il capello, non scrive mai apertamente nelle chat esaminate di essere favorevole alla campagna militare in Ucraina, salvo però arrabbiarsi con un ex compagno che usa la parola «annessione». Nessuna volontà di annessione secondo lei: solo «un'operazione dettata dalla volontà del popolo, perché in questa storia la Russia non è l'aggressore, ma la vittima costretta a difendersi».

 

«Non siamo come i tedeschi negli anni '30, piuttosto siamo come quelli che hanno fatto cadere il nazismo», la metafora che ha tanto il sapore delle parole di papà Vladimir.

 

Ma Maria va oltre. E tira in ballo anche le sanzioni imposte alla Russia per colpirla dal punto di vista economico. Mosse che, secondo la figlia dello Zar, lasciano un po' il tempo che trovano. «Nel 2008 sono iniziate le prime sanzioni contro di noi e hanno minacciato che la mozzarella sarebbe scomparsa dagli scaffali dei negozi. Tutti sono andati fuori di testa, cavolo, come può essere! Come sopravviveremo adesso? - scrive non senza una certa ironia - Senza mozzarella italiana! E adesso? Stiamo ancora respirando? Così sembra. Anzi, adesso abbiamo anche la nostra mozzarella. E sembrava possibile negl Anni '90? No!».

FOTO DI FAMIGLIA DI VLADIMIR PUTIN CON LE FIGLIE KATERINA TIKHONOVA E MARIA VORONTSOVA FOTO DI FAMIGLIA DI VLADIMIR PUTIN CON LE FIGLIE KATERINA TIKHONOVA E MARIA VORONTSOVA maria vorontsova figlia di putin 3 maria vorontsova figlia di putin 3 maria vorontsova figlia di putin 4 maria vorontsova figlia di putin 4 maria vorontsova figlia di putin 6 maria vorontsova figlia di putin 6 maria vorontsova maria vorontsova maria vorontsova figlia di putin maria vorontsova figlia di putin Maria Vorontsova (al centro) Maria Vorontsova (al centro)

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

LA VEDO NERA - UN SONDAGGIO TRA 750 CEO AMERICANI NON LASCIA SCAMPO: IL 60% VEDE UNA RECESSIONE IN ARRIVO ENTRO 18 MESI E IL 15% RITIENE CHE SIA GIÀ IN ATTO NELLA PRINCIPALE AREA DOVE OPERANO - IL FONDO MONETARIO RIVEDE AL RIBASSO LE STIME DI CRESCITA DEL PIL USA (DAL 3,7 AL 2,9%) DOPO CHE IL PRESIDENTE DELLA FED POWELL AL CONGRESSO AVEVA DEFINITO LA FRENATA ECONOMICA “UNA POSSIBILITÀ” – NEGLI USA CALANO I PERMESSI PER LE NUOVE ABITAZIONI, LE VENDITE AL DETTAGLIO ARRETRANO, LE FAMIGLIE PAGANO I DEBITI CON DIFFICOLTA’, AUMENTANO LE RICHIESTE DI SUSSIDI DI DISOCCUPAZIONE E SI SUSSEGUONO GLI ANNUNCI DI LICENZIAMENTI DAI GRANDI GRUPPI

cronache

sport

cafonal

CAFONALINO D'ARGENTO - LA LUNGA NOTTE DEI NASTRI D'ARGENTO CONSEGNATI AL MAXXI DI ROMA: GRANDE RESSA NEL GIARDINO DEL RISTORANTE MEDITERRANEO, PER INGOZZARSI CON L'APERITIVO PRIMA DEL VIA ALLA CONSEGNA DEI PREMI ASSEGNATI DAL SINDACATO NAZIONALE GIORNALISTI CINEMATOGRAFICI ITALIANI - OLTRE ALLA PADRONA DI CASA, GIOVANNA MELANDRI, HANNO SFILATO UNA DRUSILLA FOER IN GRANDE FORMA, PAOLO SORRENTINO, EDOARDO LEO, MIRIAM LEONE, TERESA SAPONANGELO, L'ASSESSORE ALLA CULTURA DI ROMA MIGUEL GOTOR E… - FOTO

viaggi

salute