IL TESORO NASCOSTO DEL REICH - L'ULTIMA OPERA SACCHEGGIATA AGLI EBREI DAI NAZISTI È STATA SCOPERTA NELLA COLLEZIONE DI UN PENSIONATO TEDESCO ED È STATA RESTITUITA AI PROPRIETARI - L’ANZIANO AVEVA EREDITATO IL DISEGNO DI CARL SPITZWEG, INSIEME AD ALTRE 1.450 OPERE, DAL PADRE HILDEBRAND GURLITT, UN MERCANTE D’ARTE INCARICATO DA HITLER DI DISFARSI DEI QUADRI CHE DISPREZZAVA PER FINANZIARE LO SFORZO BELLICO DEL TERZO REICH: ALLA FINE DELLA GUERRA GURLITT…

-

Condividi questo articolo

DAGONEWS

 

henri hinrichsen henri hinrichsen

L'ultima opera saccheggiata dai nazisti è stata scoperta nella collezione di un pensionato tedesco ed è stata restituita ai legittimi proprietari otto anni dopo il suo ritrovamento.

Il disegno di Carl Spitzweg “Playing the piano” è stato consegnato martedì alla casa d'aste Christie's su richiesta degli eredi del legittimo proprietario, Henri Hinrichsen, dopo essere stato trovato nell’appartamento del pensionato Cornelius Gurlitt nel 2012.

 

L'opera era stata sequestrata all'editore musicale ebraico Hinrichsen nel 1939, due anni prima che venisse ucciso ad Auschwitz, ed è stata ereditata da Gurlitt da suo padre. Le autorità tedesche hanno ora consegnato 14 opere della collezione che vale un miliardo di sterline trovate in due case appartenenti a Gurlitt, morto nel 2014, dopo che è stato dimostrato che erano state saccheggiate dai nazisti.

 

playing the piano di carl spitzweg playing the piano di carl spitzweg

L’opera fu acquistata dal padre di Gurlitt, Hildebrand Gurlitt, un mercante d'arte che vendeva opere confiscate dai nazisti, nel 1940. Cornelius Gurlitt ha ereditato gran parte della collezione da suo padre e ha lasciato gran parte delle opere in eredità a un museo svizzero, il Kunstmuseum Bern.

 

Una task force del governo tedesco ha identificato l’opera come saccheggiata nel 2015, ma per complicazioni legali non è stato possibile effettuare la sua restituzione fino ad ora. All'epoca furono trovati opere di Picasso, Renoir, Cézanne e Matisse.

Gurlitt ha sempre affermato che tutti i dipinti fossero stati acquisiti legalmente da suo padre, ma in passato si è ipotizzato che almeno 500 fossero stati rubati dai nazisti o acquistati da collezionisti ebrei a prezzi stracciati.

 

henr matisse della collezione di gurlitt henr matisse della collezione di gurlitt

Suo padre era il principale esperto di arte moderna della Germania nazista, incaricato personalmente da Hitler di vendere all'estero i dipinti che disprezzava per aiutare a finanziare lo sforzo bellico del Terzo Reich. Tuttavia, Hildebrand Gurlitt tenne segretamente molte delle opere per sé.

 

Dopo la guerra, è stato interrogato dall'unità "Monuments Men" dell'esercito americano ma non è mai stato accusato di alcun crimine: Gurlitt mentì dicendo che la maggior parte della sua collezione era stata distrutta nel bombardamento di Dresda nel 1945. Sebbene solo 14 delle 1.450 opere d'arte sono state identificate come rubate dai nazisti dalla German Lost Art Foundation, l'origine di circa 1.000 pezzi rimane incerta.

appartamento di gurlitt appartamento di gurlitt casa di gurlitt casa di gurlitt franz marc della collezione di gurlitt franz marc della collezione di gurlitt otto dix della collezione di gurlitt otto dix della collezione di gurlitt

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute