CON TUTTI I DIAVOLACCI CHE BALLANO INTORNO ALLO IOR E ALLE FINANZE VATICANE FA BENE IL PAPA A BENEDIRE GLI ESORCISTI - L’ORGANIZZAZIONE DEGLI SCACCIADEMONI FONDATA DA PADRE AMORTH È STATA RICONOSCIUTA DALLA CHIESA

Oggi l’Associazione internazionale degli esorcisti (Aie), conta circa 250 esorcisti di diverse nazioni - Come ha riferito il sito d’informazione Terre d’America, era lo stesso Bergoglio quando era arcivescovo di Buenos Aires a inviare alcune persone da un suo esorcista di fiducia, Carlos Alberto Mancuso…

Condividi questo articolo

Paolo Rodari per “La Repubblica

 

RONDOLINO TWITTA LA BOLDRINI IN VERSIONE PADRE AMORTH CHE PURIFICA IL PARLAMENTO DAI GRILLINI RONDOLINO TWITTA LA BOLDRINI IN VERSIONE PADRE AMORTH CHE PURIFICA IL PARLAMENTO DAI GRILLINI

Nel tempo di Francesco, Papa della Chiesa ospedale da campo che cura le ferite dell’umanità, il Vaticano offre un importante riconoscimento agli esorcisti, sacerdoti dediti non a caso a quel ministero che recentemente l’esorcista Sante Babolin ha definito, nel suo L’esorcismo ( Edizioni Messaggero Padova), «della consolazione». La consolazione dovuta a uomini e donne con disagi dell’anima più o meno gravi: alcuni, pochissimi, la Chiesa ritiene siano davvero posseduti dal maligno.

 

PADRE AMORTH E PAOLO RODARI - L ULTIMO ESORCISTA PADRE AMORTH E PAOLO RODARI - L ULTIMO ESORCISTA

Altri, la maggior parte, necessitano soltanto di affetto e cure mediche. È di ieri la notizia diffusa dall’ Osservatore Romano che l’organizzazione internazionale degli esorcisti (Aie), fondata in Italia negli anni Ottanta da padre Gabriele Amorth, esorcista della Società di San Paolo, ha uno statuto giuridico.

 

Il decreto, datato 13 giugno 2014, è della Congregazione per il clero. Per l’Aie il riconoscimento non è da poco. Per anni padre Amorth ha chiesto aiuto in Vaticano: troppi vescovi, a suo dire, non nominano esorcisti lasciando molte persone senza l’aiuto necessario.

amorth amorth

 

Col decreto, la Santa Sede riconosce l’operato dell’associazione e, in generale, l’intero esorcistato. Non a caso, è padre Francesco Bamonte, presidente dell’Aie, ad augurarsi che «altri sacerdoti si rendano conto di questa drammatica realtà, spesso ignorata o sottovalutata». Infatti, anche «l’esorcismo è una forma di carità, beneficio di persone che soffrono; esso rientra, senza dubbio, tra le opere di misericordia corporale e spirituale».
Oggi l’Aie conta circa 250 esorcisti di diverse nazioni, ma sono molti di più i sacerdoti che trovano consigli e aiuto in essa. Francesco non ha mai parlato pubblicamente degli esorcismi.

 

JORGE MARIO BERGOGLIO A BUENOS AIRES JORGE MARIO BERGOGLIO A BUENOS AIRES

Più volte, però, soprattutto nelle omelie del mattino a Santa Marta, ha parlato del demonio. Anche recentemente quando ha detto: «Qualcuno di voi, forse, non so, può dire: “Ma, Padre, che antico è lei: parlare del diavolo nel ventunesimo secolo”. Ma, guardate che il diavolo c’è! Il diavolo c’è. Anche nel ventunesimo secolo! E non dobbiamo essere ingenui, eh? Dobbiamo imparare dal Vangelo come si fa la lotta contro di lui». Parole che testimoniano come per Francesco il diavolo non sia un mito né una metafora, ma un protagonista della storia.

PAPA BERGOGLIO SI CONFESSA IN PUBBLICO PAPA BERGOGLIO SI CONFESSA IN PUBBLICO


Per la Chiesa la lotta contro il diavolo è anzitutto personale. Ma l’esorcista, nei casi più gravi, aiuta. Come ha riferito recentemente il sito d’informazione Terre d’America , era lo stesso Bergoglio quando era arcivescovo di Buenos Aires a inviare alcune persone da un suo esorcista di fiducia, Carlos Alberto Mancuso. Dice lo stesso Mancuso: «Venivano da me con il rosario che lui, Bergoglio, aveva dato loro perché pregassero».

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

MENTRE CONTE VA A CACCIA DI SCILIPOTI E RAZZI, L’ITALIA VA A PUTTANE - SEBBENE LA PROSPETTIVA DI ELEZIONI SIA “IMPROBABILE”, IL GOVERNO “INDEBOLITO DALLA RECENTE CRISI” HA DI FRONTE A SÉ ‘’SFIDE POLITICHE SPAVENTOSE’’, SENTENZIA MOODY'S - E SULL'ITALIA SI RIAFFACCIA COSÌ LO SPETTRO DEL DECLASSAMENTO E I MERCATI ACCUSANO SUBITO IL COLPO CON LO SPREAD CHE TOCCA QUOTA 126 PUNTI (AI MASSIMI DA NOVEMBRE), IL RENDIMENTO DEI BTP DECENNALI CHE TOCCA LO 0,75% E LA BORSA DI MILANO CHE PERDE L' 1,52%

business

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute