VOLETE VEDERE COME È FATTA UNA MADRE DI MERDA? GUARDATE QUESTO VIDEO – MEGA RISSA TRA CINQUE DONNE IN BURKA A RIAD: UNA TIENE IN BRACCIO LA FIGLIA, MA SI LASCIA COINVOLGERE A TAL PUNTO DA LASCIARLA CADERE A TERRA – E NON È FINITA: LA SCENA SI RIPETE ALTRE DUE VOLTE CON LA BIMBA CHE RIMANE A TERRA IN LACRIME SOTTO GLI OCCHI DEI PASSANTI CHE FILMANO, MA NON INTERVENGONO 

-

Condividi questo articolo


 

DAGONEWS

 

rissa a riad 2 rissa a riad 2

Per tre volte ha lasciato cadere la figlia a terra, noncurante dei pianti della piccola, pur di continuare a prendere a pugni e calci la sua avversaria. Sono immagini incredibili quelle filmate in strada a Riad, in Arabia saudita, dove cinque donne in burka se le danno di santa ragione.

 

Una di loro tiene in braccio la figlia, che nello scontro cade a terra una prima volta. Ciò che è incredibile è che la donna prova a recuperare la piccolo ma se la lascia scappare dalle braccia in altre due occasioni.

 

rissa a riad 1 rissa a riad 1

La bimba rimane in lacrime a terra mentre la madre continua a picchiare l'avversaria sotto gli occhi incuranti dei passanti che filmano la scena, ma non accennano a intervenire per sedare la rissa.

 

 

 

 

rissa a riad 3 rissa a riad 3 rissa a riad 5 rissa a riad 5 rissa a riad 4 rissa a riad 4

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

MI È SCAPPATO UN CETO (MEDIO) – STEFANO LEPRI RISPONDE A MASSIMO GIANNINI, CHE IERI IN UN EDITORIALE AVEVA PARLATO DEL “CETO MEDIO TRADITO”: “NEGLI ULTIMI 30 ANNI I REDDITI CHE DAVVERO SI SONO ABBASSATI SONO QUELLI DEI GIOVANI. SONO STATI INVECE PROTETTI I REDDITI DEGLI ANZIANI. DUE ESEMPI DI CETO MEDIO POSSONO ESSERE UN COMMERCIANTE E UN IMPIEGATO: IL PRIMO PAGA MOLTE MENO TASSE, LAMENTANDOSENE PERÒ PIÙ DEL SECONDO CHE SUBISCE TRATTENUTE A CUI HA FATTO L'ABITUDINE. PUÒ CAPITARE CHE A LAVORI CON MAGGIOR PRESTIGIO SOCIALE CORRISPONDANO REDDITI PIÙ BASSI. DAVVERO, CHE COSA INTENDIAMO PER CETO MEDIO?”

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

COPRITEVI, STA ARRIVANDO UN'ONDATA DI INFLUENZA “AUSTRALIANA”: NELLA SETTIMANA DAL 20 AL 27 NOVEMBRE, E' STATO COLPITO IL 13% DEGLI ITALIANI COME CI PROTEGGE? CON I FARMACI ANTIPIRETICI, PER FAR ABBASSARE LA FEBBRE. NON SONO INDICATI GLI ANTIBIOTICI PERCHÉ L'INFLUENZA È UNA MALATTIA VIRALE, NON BATTERICA. POSSONO ESSERE UTILI SEDATIVI PER LA TOSSE E AEROSOL - I SINTOMI TIPICI DELL'INFLUENZA SONO TRE: FEBBRE ALTA, TOSSE E DOLORI MUSCOLARI - LA MAGGIOR PARTE DELLE PERSONE GUARISCE IN 7-10 GIORNI…