BERTONE OVUNQUE PADRONE - IL COMUNICATO (SORPRENDENTEMENTE ASPRO) CHE CROCIFIGGE IL MAGGIORDOMO DEL PAPA E’ DELLA SEGRETERIA DI STATO - SEMBRA UN “PIZZINO”: PAOLETTO DENUNCI I SUOI COMPLICI OPPURE MARCIRA’ IN GALERA - EPPURE PADRE LOMBARDI AVEVA PREANNUNCIATO IL PERDONO DI RATZINGER: CHI COMANDA IN VATICANO? - BERTONE INFORMATO DAL CAPO DEI POLIZIOTTI VATICANI DOMENICO GIANI?...

Condividi questo articolo


Carlo Tecce per "il Fatto Quotidiano"

La motivazione ufficiale è scontata: "Dato che non sono stati proposti appelli contro la sentenza del 6 ottobre scorso nei confronti del sig. Paolo Gabriele - ha dichiarato il direttore della Sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi - essa è diventata definitiva. Perciò, per mandato del presidente del Tribunale, il promotore di giustizia ha disposto la reclusione". E manca un anno e mezzo più o meno per il fine pena, meno i due mesi circa trascorsi in custodia cautelare.

PAOLO GABRIELE E IL PAPAombre big jpegPAOLO GABRIELE E IL PAPAombre big jpeg PAPA RATZINGER PADRE GEORG PAOLO GABRIELE jpegPAPA RATZINGER PADRE GEORG PAOLO GABRIELE jpeg

Prima reazione: la grazia papale dov'è incagliata? Padre Lombardi la dava per certa, non in un momento qualsiasi, ma un attimo dopo la condanna. Uno strano comunicato firmato Segreteria di Stato, che vuol dire Tarcisio Bertone, il bersaglio di una nutrita fronda, chiede un "ravvedimento" di Gabriele: "La grazia è un atto sovrano del Santo Padre, essa tuttavia presuppone ragionevolmente il ravvedimento del reo e la sincera richiesta di perdono al Sommo pontefice e a quanti sono stati ingiustamente offesi".

PAPA E PAOLO GABRIELEPAPA E PAOLO GABRIELE

Nessuna clemenza, per ora. Non per volontà di Benedetto XVI, che resta ai margini di un duello interno fra opposte fazioni di cardinali e prelati per il potere e il controllo. Gabriele in cella è un messaggio per chi non depone le armi e per lo stesso detenuto, ancora pericoloso per la Gendarmeria. La polizia vaticana cerca la terza copia dei documenti, vuole sapere in quali mani siano conservati e con quali rischi di diffusione. Cosa temono è abbastanza intuibile: un danno per la stessa Gendarmeria, al centro dei movimenti del maggiordomo che non voleva colpire il papa, ma agiva per risolvere "una situazione generale, non più sopportabile", aveva confessato durante il processo.

TARCISIO BERTONE PADRE GEORG PAPA BENEDETTO XVITARCISIO BERTONE PADRE GEORG PAPA BENEDETTO XVI

Per concentrare l'attenzione sul maggiordomo, la Segreteria di Stato, che non dovrebbe possedere elementi inquirenti, nonostante l'ottimo rapporto tra il capo dei poliziotti Domenico Giani e il cardinal Bertone, annuncia che Gabriele sarà destituito dai suoi incarichi in Vaticano.

federico lombardifederico lombardi

Colpevole e disoccupato. Bastano due settimane. In questo tempo una collaborazione forse si è interrotta o un patto forse è saltato, e la Santa Sede mostra la forza. Però, non va oltre il maggiordomo, già ampiamente scandagliato: "Le varie congetture circa l'esistenza di complotti o il coinvolgimento di più persone, alla luce della sentenza, si sono rivelate infondate", aggiunge sempre la Segreteria di Stato.

DOMENICO GIANI jpegDOMENICO GIANI jpeg

Non è completamente vero. Perché Gabriele ha pronunciato dei nomi precisi in aula e, mentre stava continuando un elenco che poteva toccare poltrone pesanti, è stato fermato dal presidente del Tribunale. Il corvo torna in gabbia. Ma fuori, in Vaticano, è ancora buio.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA IMBUFALITO NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"