UN “BRACCIALETTO” È PER SEMPRE - LA CANCELLIERI PROVA A RILANCIARE L’INUTILE E DISPENDIOSO STRUMENTO ELETTRONICO CHE HA DIVORATO OLTRE 80 MILIONI DI EURO DALL’INFELICE ESORDIO NEL 2001

Un mese fa, a fronte dei 2.000 disponibili in base al contratto con Telecom da 11 milioni l’anno, in tutta Italia ne erano in funzione appena 55 - Le cavigliere, che ci sono già costate 80 milioni dall’esordio del 2001, sono state definite dalla Corte dei Conti come “una reiterata spesa antieconomica e inefficace”…

Condividi questo articolo


Luigi Ferrarella per il "Corriere della Sera"

Non sarà certo la misura più seria da saggiare, come invece l'innalzamento da 3 a 4 anni di pena per l'affidamento in prova ai servizi sociali, la nuova norma sul piccolo spaccio, o il fatto che un anno di carcere (grazie all'incremento dello sconto della «liberazione anticipata» sino a 75 giorni per ogni semestre) possa durare di fatto 7 mesi anziché 12, peraltro retroattivamente dal 2010.

CHARLIE SHEEN CON IL BRACCIALETTO ELETTRONICO FIAT ABARTHCHARLIE SHEEN CON IL BRACCIALETTO ELETTRONICO FIAT ABARTH

Eppure è scontato che a fare più scena sia ancora l'ennesimo rilancio del «braccialetto elettronico», che poi in realtà è una cavigliera: idrorepellente, impermeabile, resistente a 70 gradi di temperatura e a 40 chili di forza di strappo. Un mese fa, a fronte dei 2.000 disponibili in base al contratto con Telecom da 11 milioni l'anno, in tutta Italia ne erano in funzione appena 55 su ordine di solo 8 uffici giudiziari.

Il governo, dunque, azzarda ieri una nuova scommessa su uno strumento che, divorando oltre 80 milioni di euro dall'infelice esordio nel 2001, ha solo prodotto «una reiterata spesa antieconomica e inefficace», per usare le parole della Corte dei Conti, pudìche rispetto all'immortale sintesi in Commissione Giustizia nel 2011 del vicecapo della polizia Cirillo: «Se fossimo andati da Bulgari avremmo speso meno».

I QUATTRO MOSCHETTIERI QUAGLIARIELLO ALFANO NAPOLITANO CANCELLIERII QUATTRO MOSCHETTIERI QUAGLIARIELLO ALFANO NAPOLITANO CANCELLIERI ALFANO LETTA CETRIOLOALFANO LETTA CETRIOLO

Sinora contemplato per gli «arresti domiciliari», cioè per chi è in misura cautelare nelle indagini preliminari, adesso diventerà usabile anche per la «detenzione domiciliare», cioè per i condannati ammessi però a scontare la pena a casa. Successi o nuovi fallimenti dipenderanno dalla logistica: la fresca esperienza a Busto Arsizio di Guido Haschke nell'inchiesta Finmeccanica segnala quanto il sopralluogo dei tecnici per mappare la volumetria degli ambienti sia determinante (più ancora della centralina) per assicurare il segnale e ridurre i falsi allarmi.

cancellieri saccomanni lettacancellieri saccomanni letta

 

 

il-ministro-cancellieri-e-il-premier-enrico-lettail-ministro-cancellieri-e-il-premier-enrico-letta

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING...