BRIA COL VENTO - GRAN CASINO NEL PD PER LA CANDIDATURA DELLA PRESIDENTE DEL FONDO NAZIONALE ITALIANO PER L’INNOVAZIONE, FRANCESCA BRIA, AL CDA RAI: LO SPONSOR DI PESO È IL MINISTRO ORLANDO, CHE NON DISDEGNA FICCARE IL NASO NEGLI AFFARI DI VIALE MAZZINI - CONTRARI FRANCESCHINI E LA CORRENTE DI "BASE RIFORMISTA" DI LOTTI E GUERINI CHE PUNTANO SU MELANDRI E BONACCORSI - BRIA NON PIACE ANCHE PER CERTE SUE "FREQUENTAZIONI" CON DI BATTISTA E ASSANGE...

-

Condividi questo articolo


Il Sigillo per www.tag43.it

 

francesca bria 5 francesca bria 5

Oltre che per il pateracchio delle candidature a sindaco di Roma, una lotta tutta al femminile per le poltrone del cda Rai rischia di segnare  la fine della tregua tra il neosegretario del Pd, Enrico Letta, e le varie correnti del partito.

 

Il vice segretario Andrea Orlando, che non disdegna certo occuparsi di Rai e delle relative lotte di potere (questa volta al femminile) che ruotano intorno a viale Mazzini, ha convinto Letta che la sua candidata, Francesca Bria, sia la più adatta al ruolo di consigliere di amministrazione al posto dell’attuale Rita Borioni.

 

andrea orlando 1 andrea orlando 1

Dopo la questione sindaco, il Pd rischia di spaccarsi sulla Rai

La cosa ha provocato una mezza sollevazione nel partito. Soprattutto da parte del ministro della Cultura Dario Franceschini e di Base riformista, la corrente maggioritaria di Guerini e Lotti, che preferiscono donne di grande esperienza politica e parlamentare come Giovanna Melandri o Lorenza Bonaccorsi.

 

francesca bria francesca bria

A scatenare i malumori del partito verso la Bria non solo i suoi controversi trascorsi internazionali, ma segnatamente come sta interpretando il ruolo di presidente del Fondo di Innovazione della Cassa Depositi e Prestiti – ruolo assegnatole sempre grazie alla sponsorizzazione di Orlando - dove battibecca di continuo con l’ad Enrico Resmini e con alcune consigliere di grande peso ed esperienza come Lucia Calvosa e Isabella De Michelis.

 

francesca bria con il marito e julian assange francesca bria con il marito e julian assange

Le frequentazioni con Assange e Di Battista

La Bria si è fatta le ossa al seguito di Sir Geoff Mulgan, il professore inglese creatore di Nesta (National Endowment for Science Technology and the Arts) che l’ha poi spinta ad andare in Spagna dove per un periodo è stata assessora all’Innovazione tecnologica del comune di Barcellona.

 

francesca bria con alessandro di battista francesca bria con alessandro di battista

Suo il progetto di un costoso progetto pilota sulle ‘smart-city’, che non è stato esente da critiche. Sposata con Evgenij Morozov, il sociologo bielorusso che ha studiato in Bulgaria e riconosciuto guru della Rete, entrambi vantano una solida frequentazione con l’ex grillino Alessandro di Battista.

 

francesca bria 4 francesca bria 4

Bria inoltre si è sempre battuta a favore di Julian Assange, il programmatore e attivista australiano balzato noto come colui che ha rivelato, tramite Wikileaks, documenti statunitensi classificati top secret.

 

paola severini melograni paola severini melograni

Stop di Mattarella su Andreatta, spunta Marcegaglia

Oltre alla Bria ci sono donne di diversa estrazione tra le candidate per le ambite poltrone di consigliere d’amministrazione: Paola Severini Melograni dal mondo cattolico e del volontariato, Elisabetta Ripa in uscita da OpenFiber e, a sorpresa nelle ultime ore, anche l’ex presidente di Confindustria Emma Marcegaglia.

 

Mattarella Descalzi e marcegaglia Mattarella Descalzi e marcegaglia

Mentre la candidatura di Eleonora “Tinny” Andreatta, dopo una lunga carriera a viale Mazzini ora a Netflix, pare sia stata stoppata addirittura da Sergio Mattarella. Il quale, per via dell’amicizia che lo legava al di lei padre Beniamino, non vuole che neanche lontanamente si possa adombrare un suo intervento a favore della figlia dell’economista democristiano più volte ministro nei governi della Prima Repubblica.

francesca bria 2 francesca bria 2 francesca bria 3 francesca bria 3 francesca bria 1 francesca bria 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA...