BUONE NOTIZIE PER IL CENTRODESTRA: ROBERTO GUALTIERI È PRONTO A LANCIARE LA SUA CANDIDATURA A SINDACO DI ROMA - DOVRA' PASSARE PER LE FORCHE CAUDINE DELLE PRIMARIE, CHE SI TERRANNO PROBABILMENTE IL 20 GIUGNO - NEI SONDAGGI RISERVATI DEI DEM, VIRGINIA RAGGI RESTA FERMA AL 20 PER CENTO. IL PD A ROMA È STIMATO INTORNO AL 25-28 PER CENTO - QUINDI AL NAZARENO SONO CONVINTI CHE L'EX MINISTRO ANDRA' AL BALLOTTAGGIO…

-

Condividi questo articolo


Maria Teresa Meli per il "Corriere della Sera"

 

LA PAGINA FACEBOOK PER LA CANDIDATURA DI ROBERTO GUALTIERI A ROMA LA PAGINA FACEBOOK PER LA CANDIDATURA DI ROBERTO GUALTIERI A ROMA

Roberto Gualtieri non ha ancora formalmente sciolto la riserva: lo farà dopo che il tavolo del centrosinistra romano, domani, convocherà ufficialmente le primarie (previste per il 20 giugno) e fisserà le regole della consultazione. Di fatto, però, la decisione è già presa: Gualtieri lancerà la sua candidatura.

 

Del resto, dopo l' indisponibilità di Nicola Zingaretti, che qualche giorno fa ha personalmente ribadito a Enrico Letta la sua decisione di non scendere in campo, il Partito democratico non ha alternative. L' unico candidato competitivo è l' ex ministro. E le primarie dovrebbero offrirgli un trampolino di lancio. «Sono uno strumento utile», è il giudizio dell' ex ministro sulle consultazioni nei gazebo.

 

ROBERTO GUALTIERI ENRICO LETTA ROBERTO GUALTIERI ENRICO LETTA

Al Nazareno non sembrano temere che la competizione con Carlo Calenda alla fine favorisca Virginia Raggi. La sindaca nei sondaggi riservati dei dem e degli stessi 5 Stelle resta ferma al 20 per cento. Il Partito democratico a Roma è stimato intorno al 25-28 per cento. Se a questa cifra si aggiungono i consensi portati in dote dal resto della coalizione che supporterà Gualtieri, spiegano i dem, «appare scontato che Roberto andrà al ballottaggio».

roberto gualtieri roberto gualtieri

 

Ma il secondo turno non sarà una passeggiata. Il Partito democratico attende di sapere chi sarà il candidato del centrodestra. Se dovesse essere Guido Bertolaso la partita si complicherebbe. Il consulente per l' emergenza Covid del presidente della Regione Lombardia, infatti, stando a tutti i sondaggi commissionati nell' ultimo periodo, è il candidato più forte nel centrodestra. E secondo le rilevazioni di Winpoll l' ex ministro dell' Economia in uno scontro con lui perderebbe (45, 3 per cento Gualtieri, 54,3 Bertolaso).

 

roberto gualtieri roberto gualtieri

Ma al Pd c' è chi ritiene che sia ancora troppo presto per dare i giochi per fatti. Questi sondaggi, secondo i dem, non tengono conto del comportamento dell' elettorato grillino, una volta che a dirigere il Movimento sarà chiamato Giuseppe Conte. Al secondo turno gli elettori 5 Stelle potrebbe spostarsi su Gualtieri, tanto più se, come pare, Conte darà indicazione di voto per l' ex ministro. Non a caso chi conosce bene non solo Conte ma anche la piazza romana, cioè Goffredo Bettini, giorni fa ammoniva: «Con Virgina Raggi a Roma non deve essere una competizione distruttiva perché al secondo turno dobbiamo trovare la forza di battere le destre».

 

Condividi questo articolo

politica

“OCCORRONO DISCIPLINA E CONTINUITÀ NEL COLTIVARE L'ODIO” -  PAOLO GUZZANTI RANDELLA GLI ODIATORI CHE GIOISCONO PER I MALANNI DI BERLUSCONI: “GODONO A ESERCITARE LA LORO PERVERSIONE, TRATTANDO LA SUA SOFFERENZA E MALATTIA COME PRETESTI DI UN FURBO SCOLARO CHE CERCA SCUSE PER NON PRESENTARSI ALLA MILIONESIMA UDIENZA. NON SCRIVO CERTO PER BERLUSCONI, MA PER I MIEI COMPATRIOTI PIÙ GIOVANI CHE NON HANNO LA PIÙ PALLIDA IDEA DELLA TERRIBILE STORIA DI UN PAESE CRESCIUTO NELLA CULTURA DEL DISPREZZO…”

 

UN COMPENSO DA LECCARSI I BAFFI - ALDO GRASSO PERCULA D’ALEMA: “C'È UNA FRASE CHE MERITA ATTENZIONE: ‘SONO STATO PAGATO MENO DEL VALORE DELLE MIE PRESTAZIONI’. VISTO DA UNA PARTE, È IL GESTO DELL'ULTIMO COMUNISTA (VALGO DI PIÙ MA LO FACCIO PER IL BENE DELL'UMANITÀ). VISTO DALL'ALTRA, È IL GESTO DI UN NEO-LIBERISTA UN PO' INESPERTO (INCAPACE DI MONETIZZARE IL SUO VALORE DI SCAMBIO). VISTO DA NOI: D'ALEMA È UN NEO-IMPRENDITORE VITIVINICOLO, COME AL BANO E BRUNO VESPA…”

SPIE IN TILT: MANCINI BOMBARDATO DA CARLO BONINI – ‘’PIÙ IRRAGIONEVOLE DEL SOLITO, ANIMATO DA ROBUSTI PROPOSITI DI VENDETTA, LO 007 SI È MESSO PERSONALMENTE ALLA RICERCA DELLA FONTE DI "REPORT" CHE IL 23 DICEMBRE LO FILMÒ NEI SUOI CONVERSARI ALL'AUTOGRILL - IL METODO MANCINI È INFALLIBILE. PERCHÉ ANTICO QUANTO IL LAVORO DELLE SPIE. CREA UN PROBLEMA E CANDIDATI A RISOLVERLO – HA SEMPRE GODUTO DELL'AMICIZIA DI UN PESO MASSIMO COME IL PROCURATORE ANTIMAFIA DI CATANZARO NICOLA GRATTERI CHE, A QUALE TITOLO E PER RAGIONI CHE NON È TUTT'ORA DATO SAPERE, NON HA MAI SMESSO DI SPONSORIZZARNE LA NOMINA (“SOLTANTO NELL'AMBITO DI INTERLOCUZIONI E RAPPORTI ISTITUZIONALI”, HA DETTO IERI IL PROCURATORE AL ‘’FATTO’’)’’