BYE BYE ELEZIONI - CON IL VIA LIBERA AL TAGLIO DEI PARLAMENTARI IL GOVERNO CONTE LA MAGGIORANZA GIALLO-ROSÉ METTE UNA PIETRA TOMBALE SULLE URNE ANTICIPATE - LA RAGIONE È SIA POLITICA CHE TECNICA: L’ITER DI RIFORMA COSTITUZIONALE È LUNGO E VA FATTA UNA NUOVA LEGGE ELETTORALE - ANCHE SE SI SCIOGLIESSERO LE CAMERE, NON SI PUÒ ANDARE A VOTARE CON IL ROSATELLUM PERCHÉ…

-

Condividi questo articolo

 

 

Alberto Maggi per www.affaritaliani.it

 

luigi di maio giuseppe conte luigi di maio giuseppe conte

Il via libera definitivo al taglio del numero dei parlamentari (da 630 a 400 alla Camera e da 315 a 200 al Senato) allunga la vita al governo Conte II e alla maggioranza giallo-rossa. Non solo perché le quattro forze politiche che sostengono l'esecutivo sono state assolutamente autosufficienti ma soprattutto perché l'ok alla riduzione degli eletti, di fatto, allontana l'ipotesi di elezioni anticipate.

Nicola Zingaretti Luigi Di Maio Giuseppe Conte Nicola Zingaretti Luigi Di Maio Giuseppe Conte

 

La prima motivazione è politica. Subito dopo il via libera a Montecitorio, il segretario del Pd Nicola Zingaretti ha scritto su Facebook: "Oggi abbiamo deciso di votarla (la riduzione dei parlamentari, ndr) tenendo fede al primo impegno del programma di Governo e anche perché abbiamo ottenuto, così come da noi richiesto, l’inserimento di determinate garanzie istituzionali e costituzionali che prima non c'erano".

zingaretti di maio zingaretti di maio

 

Gli stessi concetti sono stati espressi in Aula dagli esponenti di Italia Viva e di Liberi e Uguali. Pd, renziani e sinistra hanno deciso di votare a favore, nonostante nei primi tre passaggi in Parlamento si fossero schierati contro, proprio perché l'accordo nella maggioranza prevede ora un lungo iter di modifiche costituzionali, di cambiamenti dei regolamenti parlamentari e soprattutto di riforma della legge elettorale (il cui testo base dovrebbe essere presentato prima di Natale).

 

NICOLA ZINGARETTI E LUIGI DI MAIO BY CARLI NICOLA ZINGARETTI E LUIGI DI MAIO BY CARLI FOTOMONTAGGIO – LUIGI DI MAIO NICOLA ZINGARETTI FOTOMONTAGGIO – LUIGI DI MAIO NICOLA ZINGARETTI

E' del tutto evidente che su queste materie delicate i temi saranno molto lunghi, anche perché la nuova modifica della Costituzione prevede quattro passaggi in Parlamento. Sulla legge elettorale, poi, la storia degli ultimi anni insegna come un accordo, non solo nella maggioranza ma anche con almeno una parte delle opposizioni, non matura prima di almeno due anni di audizioni, dibattiti, confronti e votazioni. C'è poi l'aspetto tecnico che allontana il ritorno alle urne. Anche se il governo giallo-rosso dovesse implodere nelle prossime settimane o nei prossimi mesi le Camere non potrebbero essere immediatamente sciolte. L'attuale legge elettorale, il Rosatellum con il quale abbiamo votato il 4 marzo 2018, infatti, prevede che un terzo di deputati e senatori venga eletto con il sistema maggioritario/uninominale.

 

renzi di maio renzi di maio ettore rosato (2) ettore rosato (2)

E' chiaro che con la riduzione dei parlamentari cala anche il numero degli eletti con il maggioritario e di conseguenza, prima di tornare al voto, andrebbero ridisegnati tutti i collegi elettorali di Camera e Senato per renderli omogenei alla nuova Carta. Un'operazione laboriosa, tecnica e che non si esaurisce prima di qualche mese. Non solo. Anche le circoscrizioni del proporzionale, probabilmente, andrebbero riviste completamente. Fatto sta che la votazione a Montecitorio sul taglio dei parlamentari - senza dimenticare l'ipotesi di referendum confermativo - è una polizza sulla vita per il governo Conte II.

LUIGI DI MAIO MATTEO RENZI LUIGI DI MAIO MATTEO RENZI ettore rosato ettore rosato luigi di maio giuseppe conte luigi di maio giuseppe conte toninelli renzi di maio air force renzi toninelli renzi di maio air force renzi

 

Condividi questo articolo

politica

TRUMP STA IMPEACHATO - I DEMOCRATICI SONO PRONTI PER PROVARE A BUTTARE GIÙ IL PUZZONE. LA CHIAMATA ALLE ARMI DEL LEADER AL SENATO MCCONNEL: “PREPARATEVI PER IL PROCESSO AL PRESIDENTE”, CHE, DICE LUI, POTREBBE ESSERCI ENTRO IL GIORNO DEL RINGRAZIAMENTO (28 NOVEMBRE) - AVENDO POCO IN MANO, L’OBIETTIVO VERO È FARE CASINO E RINGALLUZZIRE LA BASE. MA IL KIEV-GATE È UNA PATATA BOLLENTE SOPRATTUTTO PER BIDEN - INTANTO È MORTO ELIJAH CUMMINGS, DEPUTATO DI BALTIMORA TRA I PIÙ CRITICI CON TRUMP, CHE LA SCORSA ESTATE GLI DISSE… – VIDEO