IN CHE MANI SIAMO – PER IL SOTTOSEGRETARIO AGLI ESTERI MANLIO DI STEFANO (M5S) BEIRUT È IN LIBIA! - IL TWEET: “CON TUTTO IL CUORE MANDO UN ABBRACCIO AI NOSTRI AMICI LIBICI” LIBANO – DOPO UN’ONDATA DI POLEMICHE IL BUON MANLIO, GRANDE FAN DEL VENEZUELA DI CHAVEZ, AMMETTE L’ERRORE: “C’È POCO DA SCHERZARE, HO SBAGLIATO A SCRIVERE, I MORTI INVECE RESTANO MORTI, FENOMENI” - E LUI, PURTROPPO PER NOI, RESTA SOTTOSEGRETARIO AGLI ESTERI…

-

Condividi questo articolo


 

 

 

Da www.liberoquotidiano.it

 

DELEGAZIONE M5S A CARACAS: MANLIO DI STEFANO, ORNELLA BERTOROTTA E VITO PETROCELLI DELEGAZIONE M5S A CARACAS: MANLIO DI STEFANO, ORNELLA BERTOROTTA E VITO PETROCELLI

Una tremenda esplosione ha spazzato via la zona portuale di Beirut, capitale del Libano. Il bilancio provvisorio parla di almeno 78 morti e di oltre 4.000 feriti, ma questi numeri sono tristemente destinati ad aumentare nelle prossime ore: cumuli di macerie sono sparsi per centinaia di metri nella zona dell’esplosione, si teme la catastrofe. L’Italia ha subito mostrato solidarietà nei confronti di Beirut, anche se non è mancato un errore accidentale quanto piuttosto clamoroso: a commetterlo è stato il grillino Manlio Di Stefano, che ha mandato “con tutto il cuore” un abbraccio ai “nostri amici libici”.

PER MANLIO DI STEFANO BEIRUT E' IN LIBIA PER MANLIO DI STEFANO BEIRUT E' IN LIBIA

 

Il tweet è stato cancellato subito e sostituito con la versione corretta, ma la gaffe è comunque finita tra le grinfie dei social: “C’è poco da scherzare con queste cose, ho sbagliato a scrivere, i morti invece restano. Mi spiace davvero per quanto accaduto, che tragedia immane”.

 

Certo è che un errore del genere non ce lo si aspetta da un sottosegretario agli Affari esteri, tra l’altro con la delega sull’Asia. “Lo abbiamo già detto e lo ripeto anche io - ha poi dichiarato il grillino, mettendo una pezza al suo scivolone - l’Italia c’è ed è pronta a dare tutto l’aiuto possibile. Coraggio”.

MANLIO DI STEFANO ALESSANDRO DI BATTISTA MANLIO DI STEFANO ALESSANDRO DI BATTISTA

 

Anche il premier Giuseppe Conte ha commentato le tragiche notizie che arrivano da Beirut: “Le terribili immagini che arrivano dal Libano descrivono solo in parte il dolore che sta vivendo il popolo libanese. L’Italia farà tutto quel che le è possibile per sostenerlo. Con la Farnesina e il ministero della Difesa stiamo monitorando la situazione dei nostri connazionali”.

 

Condividi questo articolo

politica

VIDEO STRACULTISSIMO! UN SURVOLTATO BLANCO DEVASTA IL PALCO DI SANREMO: DISTRUTTI VASI E FIORI DELL'ARISTON. IL MOTIVO? NON RIUSCIVA A SENTIRE LA SUA VOCE IN CUFFIA – AMADEUS: “ERA DAI TEMPI DI BUGO E MORGAN CHE NON SUCCEDEVA UNA COSA COSÌ” – E MORANDI FINISCE CON LA SCOPA IN MANO - LA STANDING OVATION A MATTARELLA E LA LEZIONE DI ANTIFASCISMO DI BENIGNI (SARANNO FISCHIATE LE ORECCHIE A MELONI E CAMERATI) – SIGFRIDO RANUCCI PUNGE ROBERTACCIO: “MOLTO BELLO IL MONOLOGO SULL’ART. 21 SONO CERTO CHE PER COERENZA RITIRERÀ LA QUERELA CHE NEL 2017 HA PRESENTATO NEI CONFRONTI DEL SOTTOSCRITTO E DI REPORT” – IL PIPPONE DELLA FERRAGNI IN NUDE LOOK - IN TESTA MENGONI CON UNA MISE A META’ TRA SCIALPI E "IL VIGILE" DI SORDI – VIDEO

“PSICO-NANO” UMILIATO DA “NANA BIONDA” – AL SUCCESSO DI FDI SI ACCOMPAGNA IL TRAMONTO DI FORZA ITALIA A MILANO, L’ANTICA ROCCAFORTE DOVE TUTTO EBBE INIZIO. - MA NON È SOLO IL CAVALIER POMPETTA A ESSERE TRAVOLTO DA QUESTO SLITTAMENTO DEI RAPPORTI DI FORZA, ANCHE LA LEGA RISCHIA LA STESSA SORTE - A DIFFERENZA DI SALVINI, RESTA IL FATTO CHE BERLUSCONI NON HA OGGI UN’ALTRA STRADA DA IMBOCCARE. SE L’ELETTORATO LIBERAL-CONSERVATORE, SPECIE AL NORD, SI SPOSTA A DESTRA, EGLI NE PORTA LA RESPONSABILITÀ…

"AGLI ITALIANI È PIACIUTO QUELLO CHE GIORGIA MELONI HA DETTO. E DEVO DIRE CHE È PIACIUTA ANCHE A ME” - OSPITE DI “TAGADÀ”, PETER GOMEZ SPOSA LA LINEA DURA DEL GOVERNO SUL CASO COSPITO: “I CITTADINI HANNO PERCEPITO LA FERMEZZA DELLO STATO ED È STATO UN GROSSO BOOSTER PER MELONI” - L’ATTACCO AI PARLAMENTARI DEL PD CHE HANNO FATTO VISITA AL TERRORISTA IN CARCERE: “ANDARE A PARLARE CON UN DETENUTO AL 41 BIS E SENTIRSI DIRE ‘PRIMA DI PARLARE CON ME, DOVETE ANDARE A PARLARE CON LORO’, CIOÈ TRE DETENUTI TRA CUI PIETRO RAMPULLA, ARTIFICIERE DELLA STRAGE DI CAPACI, SIGNIFICA NON CAPIRE CHE LA BATTAGLIA DI COSPITO È UNA BATTAGLIA ‘ANCHE PER CONTO DELLA MAFIA”