CIRCOLINO GRILLINO - BONAFEDE SI RICORDA DEGLI AMICI E ASSUME L'EX COINQUILINO COME CONSULENTE AL MINISTERO - SI TRATTA DI PIETRO GANCITANO, AVVOCATO SICILIANO, CHE DIVIDEVA L'AFFITTO DI CASA CON IL GUARDASIGILLI DURANTE GLI ANNI UNIVERSITARI A FIRENZE - RICEVERA’ UNO STIPENDIO DA 51MILA EURO ANNUI…

-

Condividi questo articolo


Domenico Di Sanzo per “il Giornale”

 

alfonso bonafede alfonso bonafede

Non si capisce se la rivelazione, fatta attraverso un post su Facebook, sia uno sgambetto a Alfonso Bonafede oppure un errore d' ingenuità. Fatto sta che Nicola La Grutta, candidato a sindaco per il M5s alle prossime amministrative a Mazara del Vallo, provincia di Trapani, ha squarciato il velo su un altro amico promosso come collaboratore in un ministero a guida pentastellata.

 

La Grutta, tentando di smentire alcuni retroscena sui sommovimenti politici in vista delle comunali nella città di Bonafede, il 29 dicembre ha scritto: «L'avvocato Pietro Gancitano non è "oggetto" di nessuna macchinazione o strategia elettorale, poiché è risaputo che è stato scelto per le sue indiscutibili doti professionali e umane conosciute dallo stesso Alfonso Bonafede, suo collega nonché amico di una vita (all' università studiavano e abitavano a Firenze nella stessa casa)».

ALFONSO BONAFEDE NEGLI ANNI '90 QUANDO FACEVA IL DJ ALL'EXTASY ALFONSO BONAFEDE NEGLI ANNI '90 QUANDO FACEVA IL DJ ALL'EXTASY

 

Gancitano, amico strettissimo di Bonafede così come confermano delle fonti nella cittadina siciliana, è stato assunto al ministero della Giustizia nel gruppo dei consulenti e collaboratori. Un incarico conferito «su mandato del ministro» il 7 novembre del 2018. «Consigliere per le libere professioni del Ministro» con uno stipendio di 51mila euro all' anno. Ma la goffa smentita di La Grutta nasce da un intreccio famigliare in cui è coinvolto Gancitano, raccontato anche dal sito di informazione locale Tp24.it.

 

L' avvocato coinquilino di Bonafede è il genero di Angela Cristaldi, sorella del sindaco uscente di Mazara Nicola Cristaldi, esponente di Fratelli d' Italia eletto nel 2014 con l' appoggio di tre liste civiche. Dunque un nipote acquisito di quell' ex sindaco che a maggio appoggerà il candidato Pino Bianco, avversario di Cristaldi in quota centrosinistra alle precedenti amministrative.

 

alfonso bonafede 1 alfonso bonafede 1

Ma per il candidato grillino, Gancitano non è il tramite tra Bonafede e Cristaldi. Anzi, è stato scelto come super consulente del ministero anche perché i due abitavano insieme durante il periodo universitario. Questo è il succo della precisazione di La Grutta. I punti in comune tra Bonafede il suo collaboratore sono tanti. Gancitano è nato nel '77, il guardasigilli nel '76.

 

Entrambi sono avvocati e hanno studiato all' università di Firenze, dove era professore ordinario di diritto privato il premier Giuseppe Conte. Con il docente di origini foggiane Bonafede è stato «Cultore della materia» a partire dal 2003. E nel 2002 si sono laureati nel capoluogo toscano sia Bonafede sia Gancitano. Poi le strade si sono divise. Il consulente si è trasferito a Torino, dove ha collaborato come praticante in alcuni studi legali.

ALFONSO BONAFEDE NEGLI ANNI '90 QUANDO FACEVA IL VOCALIST ALL'EXTASY ALFONSO BONAFEDE NEGLI ANNI '90 QUANDO FACEVA IL VOCALIST ALL'EXTASY

 

Il futuro ministro è rimasto a Firenze, cominciando nel 2006 la militanza nel M5s.

Ma il rapporto non si è mai interrotto. Come testimonia un post su Facebook pubblicato da Bonafede (Alfonso Bon) il giorno di Natale del 2012. «Un augurio speciale - scriveva l' attuale Guardasigilli - al mio grandissimo amico Pietro Gancitano che trascorre il primo Natale da papà». Dopo sei anni, i due amici si sarebbero ritrovati al ministero della Giustizia.

 

Condividi questo articolo

politica

LE FAIDE DE’ NOANTRI LE ESPORTIAMO SUL “NEW YORK TIMES” - IL QUOTIDIANO STATUNITENSE, IN UN ARTICOLO FIRMATO DA JASON HOROWITZ, RIPORTA LE PAROLE DI MARCO TRAVAGLIO SU DRAGHI (“FIGLIO DI PAPA’”): “IL DIRETTORE DEL FATTO QUOTIDIANO, CHE HA PROFONDI LEGAMI CON I MAGISTRATI E CHE HA AGITO DA MEGAFONO PER LE CALUNNIE DEI CINQUE STELLE, ATTACCA CON IRA E OPPONE STRENUA RESISTENZA CONTRO QUELLA CHE DÀ SEMPRE PIÙ LA SENSAZIONE DI ESSERE LA FINE DI UN’EPOCA NELLA POLITICA ITALIANA…”

MPS-UNICREDIT, IL VERO PROBLEMA SI CHIAMA PIER CARLO PADOAN - LA SCELTA DI UN POLITICO AL VERTICE DI UNA BANCA È UN’ABERRAZIONE PERCHÉ FU L’EX MINISTRO DEL TESORO CHE ACQUISÌ IL MONTE SALVANDOLO DAL FALLIMENTO. COME PREMIO FU ELETTO DEPUTATO DEL PD IN QUEL DI SIENA – LA SUA ASTENSIONE DAL VOTO IN CONSIGLIO NON CANCELLA IL SUO CONFLITTO DI INTERESSI PERCHÉ LA SUA INFLUENZA, COME PRESIDENTE, NON PUÒ VOLATIZZARSI - COME FINIRÀ? ALL’ITALIANA: QUELLO CHE ORCEL RIFIUTERÀ DI MPS FINIRÀ IN CULO A PANTALONE, CIOÈ AL MEDIOCREDITO CENTRALE-BANCA DEL MEZZOGIORNO CHE È STATA ACQUISITA DA INVITALIA CAPITANATA DAL DALEMONE DOMENICO ARCURI NELL’AGOSTO 2017. E IL CERCHIO DI MPS-PD SI CHIUDE…