CIRCOLINO GRILLINO - BONAFEDE SI RICORDA DEGLI AMICI E ASSUME L'EX COINQUILINO COME CONSULENTE AL MINISTERO - SI TRATTA DI PIETRO GANCITANO, AVVOCATO SICILIANO, CHE DIVIDEVA L'AFFITTO DI CASA CON IL GUARDASIGILLI DURANTE GLI ANNI UNIVERSITARI A FIRENZE - RICEVERA’ UNO STIPENDIO DA 51MILA EURO ANNUI…

-

Condividi questo articolo

Domenico Di Sanzo per “il Giornale”

 

alfonso bonafede alfonso bonafede

Non si capisce se la rivelazione, fatta attraverso un post su Facebook, sia uno sgambetto a Alfonso Bonafede oppure un errore d' ingenuità. Fatto sta che Nicola La Grutta, candidato a sindaco per il M5s alle prossime amministrative a Mazara del Vallo, provincia di Trapani, ha squarciato il velo su un altro amico promosso come collaboratore in un ministero a guida pentastellata.

 

La Grutta, tentando di smentire alcuni retroscena sui sommovimenti politici in vista delle comunali nella città di Bonafede, il 29 dicembre ha scritto: «L'avvocato Pietro Gancitano non è "oggetto" di nessuna macchinazione o strategia elettorale, poiché è risaputo che è stato scelto per le sue indiscutibili doti professionali e umane conosciute dallo stesso Alfonso Bonafede, suo collega nonché amico di una vita (all' università studiavano e abitavano a Firenze nella stessa casa)».

ALFONSO BONAFEDE NEGLI ANNI '90 QUANDO FACEVA IL DJ ALL'EXTASY ALFONSO BONAFEDE NEGLI ANNI '90 QUANDO FACEVA IL DJ ALL'EXTASY

 

Gancitano, amico strettissimo di Bonafede così come confermano delle fonti nella cittadina siciliana, è stato assunto al ministero della Giustizia nel gruppo dei consulenti e collaboratori. Un incarico conferito «su mandato del ministro» il 7 novembre del 2018. «Consigliere per le libere professioni del Ministro» con uno stipendio di 51mila euro all' anno. Ma la goffa smentita di La Grutta nasce da un intreccio famigliare in cui è coinvolto Gancitano, raccontato anche dal sito di informazione locale Tp24.it.

 

L' avvocato coinquilino di Bonafede è il genero di Angela Cristaldi, sorella del sindaco uscente di Mazara Nicola Cristaldi, esponente di Fratelli d' Italia eletto nel 2014 con l' appoggio di tre liste civiche. Dunque un nipote acquisito di quell' ex sindaco che a maggio appoggerà il candidato Pino Bianco, avversario di Cristaldi in quota centrosinistra alle precedenti amministrative.

 

alfonso bonafede 1 alfonso bonafede 1

Ma per il candidato grillino, Gancitano non è il tramite tra Bonafede e Cristaldi. Anzi, è stato scelto come super consulente del ministero anche perché i due abitavano insieme durante il periodo universitario. Questo è il succo della precisazione di La Grutta. I punti in comune tra Bonafede il suo collaboratore sono tanti. Gancitano è nato nel '77, il guardasigilli nel '76.

 

Entrambi sono avvocati e hanno studiato all' università di Firenze, dove era professore ordinario di diritto privato il premier Giuseppe Conte. Con il docente di origini foggiane Bonafede è stato «Cultore della materia» a partire dal 2003. E nel 2002 si sono laureati nel capoluogo toscano sia Bonafede sia Gancitano. Poi le strade si sono divise. Il consulente si è trasferito a Torino, dove ha collaborato come praticante in alcuni studi legali.

ALFONSO BONAFEDE NEGLI ANNI '90 QUANDO FACEVA IL VOCALIST ALL'EXTASY ALFONSO BONAFEDE NEGLI ANNI '90 QUANDO FACEVA IL VOCALIST ALL'EXTASY

 

Il futuro ministro è rimasto a Firenze, cominciando nel 2006 la militanza nel M5s.

Ma il rapporto non si è mai interrotto. Come testimonia un post su Facebook pubblicato da Bonafede (Alfonso Bon) il giorno di Natale del 2012. «Un augurio speciale - scriveva l' attuale Guardasigilli - al mio grandissimo amico Pietro Gancitano che trascorre il primo Natale da papà». Dopo sei anni, i due amici si sarebbero ritrovati al ministero della Giustizia.

 

Condividi questo articolo

politica

IN FONDO A DESTRA, C’È IL BUIO – DIETRO QUEL TEATRINO DI SALVINI, MELONI E TAJANI IN PIAZZA DEL POPOLO, C'E' LA LAPIDE DEL CENTRODESTRA: FORZA ITALIA DI FATTO HA MOLLATO L'ALLEANZA, A PRESTO SEGUIRA' FRATELLI D'ITALIA E IL TRUCE FINIRA' A FARE IL G.O. AL PAPEETE QUANDO ZAIA, SULL'ONDA DEL PLEBISCITO ALLE REGIONALI, CONQUISTERA' LA LEADERSHIP DELLA LEGA - SENZA IL BANANA IL VOTO SUL MES NON PASSA E SE POI CONTE ENTRASSE IN CRISI, BERLUSCONI POTREBBE CONCORDARE LA LEGGE ELETTORALE (PROPORZIONALE) E IL SOSTEGNO (PIÙ O MENO FORMALE) A UN NUOVO GOVERNO, AVENDO IN CAMBIO LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SCELTA DEL PROSSIMO CAPO DELLO STATO (GIÀ OGGI RIVENDICA IL VERTICE DELL'AUTHORITY PER LE TELECOMUNICAZIONI)

FINCHÈ C’È VIRUS C’È SPERANZA – L’ISOLAMENTO FIDUCIARIO SI STA RIVELANDO UN FLOP E IL MINISTRO CORRE AI RIPARI IPOTIZZANDO UNA SERIE DI MISURE PER EVITARE CHE IL CONTAGIO DILAGHI: DAL RICOVERO OBBLIGATORIO PER CHI I SINTOMI DI COVID-19 AI CONTROLLI PER CHI ARRIVA IN ITALIA DA PAESI EXTRA UE, CON L'IPOTESI DI TAMPONI AI PASSEGGERI DOPO L'ATTERRAGGIO – I NUOVI FOCOLAI DIMOSTRANO CHE IL VIRUS LO STIAMO PORTANDO DALL’ESTERO E CRISANTI AVVERTE:  “QUI STANNO ENTRANDO PERSONE CON UNA CARICA VIRALE MOLTO ALTA…”

RICICCIA L'ETERNO LIBRO DEI SOGNI – DOPO ESSERE RIMASTI L’UNICO PAESE NELL'UE A NON AVER PRESENTATO UN PIANO DI RIFORME, CONTE PARTORISCE UNA BOZZA CHE DOMANI POTREBBE ARRIVARE AL CONSIGLIO DEI MINISTRI, CHE E' LA SOLITA SOLFA: ALLEGGERIMENTO DELLA PRESSIONE FISCALE E DELL’IVA, NIENTE CONDONO, CONTRASTO ALL’EVASIONE FISCALE E RICICCIA IL SALARIO MINIMO – L'INUTILE GUALTIERI, INVECE DI DIRLO A SE STESSO, LO DICE AGLI ALTRI: “FARE PRESTO PER EVITARE LA DEPRESSIONE ECONOMICA…”

SETTEMBRE, ANDIAMO. E' TEMPO DI DESALVINIZZARE LA LEGA – GIORGETTI, L’EMINENZA GRIGIA DI ZAIA, SI È MESSO SULLA RIVA DEL FIUME AD ASPETTARE CHE IL CADAVERE DEL CAPITONE PASSI E PROSPETTA UN TRACOLLO SOCIALE: “L'AUTUNNO SARÀ DRAMMATICO. POTRÀ SALVARCI SOLO UNA SCELTA BIPARTISAN” –  POI TORNA A FAR FISCHIARE LE ORECCHIE A DRAGHI: “PENSO NON CI SIA ALTRA VIA PER EVITARE CHE SALTI TUTTO” (LO VEDETE L'EX PRESIDENTE DELLA BCE CHE SI METTE A DISCUTERE CON QUELLE NULLITA' DI ZINGA, DI MAIO E RENZI?) – A SALVINI CHE CHIEDE IN PIAZZA IL VOTO, GIORGETTI LO PERCULA: “VORRÒ VEDERE CHI NEI PROSSIMI ANNI AVRÀ VOGLIA DI GOVERNARE SULLE MACERIE…”