COME È ANDATO L’INCONTRO TRA GIORGIA MELONI E OLAF SCHOLZ? BENE SULLE QUESTIONI RELATIVE AGLI ESTERI, DIFESA E ECONOMIA. MALE, INVECE, IL CONFRONTO SUL PATTO DI STABILITÀ - SCHOLZ HA TESO UNA MANO, MA SOLO UNA VOLTA CHE L’ITALIA AVRÀ RATIFICATO IL MES. GIORGIA MELONI HA AMMESSO LE SUE DIFFICOLTA’: LEI E’ SEMPRE STATA CONTRARIA, LA LEGA NON VUOLE VOTARE A FAVORE E PORTARE LA RATIFICA IN AULA SIGNIFICHEREBBE APPROVARE IL FONDO SALVA STATI SOLO CON IL SOSTEGNO DELL’OPPOSIZIONE. UN BEL PAPOCCHIO POLITICO - NELLA COMMISSIONE UE CHE VERRÀ, ALLA MELONI PIACEREBBE AVERE FITTO COMMISSARIO ALL’ECONOMIA MA SCHOLZ…

Condividi questo articolo


GIORGIA MELONI E OLAF SCHOLZ GIORGIA MELONI E OLAF SCHOLZ

Dagoreport

 

Come è andato l’incontro tra Giorgia Meloni e Olaf Scholz? Bene sulle questioni relative agli esteri, difesa e economia, vista anche la presenza di 12 grandi imprese italiane e altrettante tedesche.

 

Gli affari, e le promesse di business, agevolano sempre il dialogo. Pieno di spigoli, invece, è stato il confronto tra i due leader sul Patto di stabilità. Meloni e Scholz hanno visioni diverse sul testo da approvare ma il cancelliere ha comunque teso una mano.

 

giorgia meloni olaf scholz 1 giorgia meloni olaf scholz 1

Della serie: io ti aiuto, ma solo se prima l’Italia procede con la ratifica del Mes. Scholz ha fatto capire alla Ducetta che diventa impossibile fare concessioni al governo italiano sul Patto di stabilità se tutti gli altri paesi Ue sono incazzati come bisce con Roma, unica a non aver ratificato il Mes.

 

Dunque, prima dare moneta poi vedere. E niente logica “a pacchetto”, in stile do ut des: il trattato sul Meccanismo di stabilità va approvato, e zero lagne.

 

giorgia meloni olaf scholz 2 giorgia meloni olaf scholz 2

Giorgia Meloni, a questo punto, ha gettato la maschera e ha ammesso candidamente, senza giri di parole, le sue difficoltà: ha sempre detto di no al Mes quando era all’opposizione; la Lega, sua alleata al governo, è contraria e andare al voto in aula significherebbe incassare la ratifica solo con il sostegno dell’opposizione.

 

A quel punto Pd, M5s e sinistrelli vari avrebbero gioco facile nel dire che la maggioranza non esiste più, spingendo verso una crisi politica dagli esiti imprevedibili.

giorgia meloni olaf scholz giorgia meloni olaf scholz

 

Salvini, dal canto suo, insiste nel no al Mes, malgrado Luca Zaia sia favorevole e sogni “gli Stati Uniti d’Europa”, per trovare una nuova collocazione politica. Visto che Giorgia Meloni si è posizionata verso il centro (nella speranza di creare un conservatorismo cacio e pepe, stile Thatcher della Garbatella), Matteo Salvini è stato spinto sempre più a destra, tra una Marine Le Pen e un Geert Wilders. Un gruppone di Euro-scettici, pronti a sabotare ogni proposta della Commissione.

 

Ovviamente non è solo sullle questioni europee che il leghista vuole rompere i cabasisi alla Meloni. Dopo le dichiarazioni assertive della Sora Giorgia sul premierato, subito Lega e Forza Italia hanno battuto cassa, reclamando l’approvazione anche di Autonomia regionale e Riforma della Giustizia (due bocconi amarissimi per Fratelli d’Italia, che è sempre stato un partito Roma-centrico e giustizialista).

giorgia meloni olaf scholz giorgia meloni olaf scholz

 

Ps: Da Scholz, Giorgia Meloni ha ricevuto anche uno spoiler sulla composizione della futura Commissione europea.

 

La Ducetta ha fatto capire al suo omologo tedesco che gradirebbe nuovamente, per l’Italia, la poltrona di Commissario agli Affari Economici, oggi occupata da Paolo Gentiloni e che lei sogna di dare a Raffaele Fitto.

 

Il cancelliere ha mugugnato la sua perplessità: se Fratelli d’Italia non sosterrà nuovamente Ursula Von der Leyen alla guida della Commissione, come pensa di portare a casa una poltrona così pesante come quella agli Affari economici?

GIORGIA MELONI OLAF SCHOLZ GIORGIA MELONI OLAF SCHOLZ

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP