IL DRAMMA DEL GIORNALISTA PINO BUONGIORNO, A CUI È STATO AMPUTATO UN PIEDE PER LA NEGLIGENZA DEL MEDICO - MALATO DI DIABETE, GLI SI APRÌ UNA FERITA CHE NON SI RIMARGINAVA: IL MEDICO LO FECE CURARE PRIVATAMENTE, SCONSIGLIANDOGLI DI RIVOLGERSI A QUALCUN ALTRO - HA RISCHIATO DI MORIRE DI SETTICEMIA - “IN ITALIA, TRA IL 2003 E IL 2010, CI SONO STATE 55.872 AMPUTAZIONI. E ALLO STATO COSTA PIÙ UN PIEDE TAGLIATO CHE UNO CURATO”…

Condividi questo articolo


Alessandro Ferrucci per il "Fatto quotidiano"

PINO BUONGIORNOPINO BUONGIORNO

Il giorno di Ferragosto Pino Buongiorno ha compiuto sessant'anni. A fine maggio, in un ospedale di Ravenna, un ortopedico gli ha amputato il piede, "più esattamente dal polpaccio in giù". Diagnosi: diabete. Aggravante: "Il medico precedente aveva sbagliato le cure".

Ex vicedirettore di Panorama, scrittore, corrispondente dagli Stati Uniti, più volte inviato tra bombe e Kalashnikov, "ho seguito la guerra dell'Afghanistan, sono stato in Iraq. Ho intervistato Arafat in una situazione di pericolo. E pensa: ho sempre avuto paura di perdere una gamba a causa di una mina". Profezia, a metà. "Però, vedi, sono cresciuto al fianco di Enzo Biagi, e lui mi sempre detto: ‘Noi non dobbiamo essere protagonisti delle storie, ma testimoni'. Così eccomi qua, pronto a raccontare...".

PINO BUONGIORNOPINO BUONGIORNO

E allora partiamo dall'inizio: quando hai scoperto il diabete?
A 40 anni, ereditato da mia madre.

La diagnosi non ti ha impedito di proseguire con il lavoro, fino a quando...
Un anno fa compare una piccola ferita su un piede. Passa del tempo ma non si rimargina. Dopo alcuni consulti mi spediscono a Roma dal luminare del "piede diabetico".

Che ti consiglia...
Delle medicazioni, tutte private.

Al costo?
Dipende: o 150 o 200 euro e per una o due volte la settimana.

La situazione migliora?
Macché. Per questo mi sottopone a un intervento di angioplastica per far affluire maggior sangue. Dice.

PINO BONGIORNO- MOCCIA A CAPALBIOPINO BONGIORNO- MOCCIA A CAPALBIO

Risultato?
Nessuno. Così mi amputa le dita del piede.

A questo punto non hai pensato di cambiare medico?
In casi di emergenza si stabilisce un rapporto strettissimo con chi ti cura. Una sorta di Sindrome Svedese, dove sei imprigionato. Lui mi diceva: "Non andare da nessun altro, altrimenti te lo tagliano tutto. Io te lo salvo".

In famiglia cosa dicevano?
Volevano un altro consulto. Per questo ci sono state delle forti tensioni.

Riprendiamo. Poi cosa è accaduto?
Sul piede esce una protuberanza. Gli assistenti diagnosticano la patologia di Charcot, sempre legata al diabete. Il luminare non ci crede. Rimanda. Nel frattempo inizio a trovarlo di meno, era sempre in giro per convegni pagati da case farmaceutiche. Ma quanti ne organizzano?

Sei tu l'esperto...
Tanti, te lo dico io.

MIMMA GOLINO - CAPALBIOMIMMA GOLINO - CAPALBIO

Quindi?
Mi sottopongo a una lastra. Il radiologo sbianca. Te la faccio breve: mi consigliano un centro di eccellenza a Cotignola, vicino Ravenna.

E lì?
Ho scoperto che riescono a salvare il 97 per cento dei piedi affetti dalla mia patologia. Per me era troppo tardi. Quindi le parole dell'equipe: "Le restano 48 ore prima di morire di setticemia".

Hai denunciato il medico precedente ?
Ci sto pensando. Ho una forte spinta a farlo, anche da parte dei miei cari. Ma adesso l'obiettivo è guarire.

Con un articolo pubblicata da "Oggi" hai raccontato la tua seconda vita.
Sono felice di averlo fatto. Da quando è uscito sono stato sommerso da e-mail, telefonate di solidarietà, di incoraggiamento, ma anche da lettere di persone che mi hanno raccontato le loro sventure con la Sanità. Ma sai quante amputazioni ci sono state tra il 2003 e il 2010? 55.872.

biagi enzobiagi enzo

Un numero impressionante.
Sì, il problema è che manca la prevenzione e la formazione di base: come Paese siamo arretrati. In ospedale a Ravenna ho visto delle scene terribili, di persone in fila e ancora in fila per una visita. Purtroppo nello Stivale esistono solo tre centri specializzati, nessuno al sud.

Con la Asl non è andata meglio.
Lasciamo perdere. Sono stato convocato per la visita di invalidità. Mi dicono: "È al secondo piano". Peccato che l'ascensore era rotto da mesi, così ho aspettato in pieno agosto, e con la ferita aperta, due ore a piano terra. Poi arrivano tre dottoresse e mi fanno: "Dimostri che le hanno amputato il piede".

C'era della macabra ironia?
No, purtroppo. Insistono e mi domandano qual è il mio lavoro. Giornalista, rispondo. E loro: "Può sempre continuare a scrivere al computer". Peccato che per raccontare certe storie è fondamentale stare sul posto.

Metterai la protesi?
Sì, ma ci vuole un anno per abituare la parte operata. E pensa: allo Stato costa più un piede amputato che uno curato. Pensa la miopia italiana.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE ANCHE URSULA VON DER LEYEN – LA MELONI È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DALLA REAZIONE DI SALVINI, PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI, E DAL SUO ELETTORATO EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…