FATE LEGGERE ALLA TURBO-ATLANTISTA GIORGIA MELONI COSA SCRIVEVA SUI SOCIAL IL SUO CANDIDATO ALLE EUROPEE, STEFANO CAVEDAGNA - NELLE LISTE DI FDI DEL NORD-EST, IL CONSIGLIERE COMUNALE DI BOLOGNA SI E’ ESPRESSO CONTRO LE SANZIONI ALLA RUSSIA, HA CRITICATO LA NATO ELOGIANDO IL CREMLINO (“BALUARDO DELLA TRADIZIONE”) - LA RESISTIBILE ASCESA ALL’INTERNO DEL PARTITO, CAVEDAGNA LA DEVE A GALEAZZO BIGNAMI, QUELLO CHE SI E’ VESTITO DA NAZISTA A UNA FESTA...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Lorenzo Giarelli per “Il Fatto Quotidiano”

 

stefano cavedagna 7 stefano cavedagna 7

Giorgia Meloni ha un problema in lista, anche se forse ancora non lo sa. Per le Europee, Fratelli d’Italia punta forte su Stefano Cavedagna, consigliere comunale a Bologna e candidato nel Nord-Est, molto in ascesa nel partito anche grazie all’ottimo rapporto con Galeazzo Bignami. Peccato che Cavedagna abbia un passato recente poco conciliabile con le posizioni ultra-atlantiste di Meloni: contrarietà alle sanzioni alla Russia, critiche alla Nato, elogi al Cremlino come “baluardo della tradizione”.

 

[…] Il 14 dicembre 2018, Cavedagna scriveva: “L’Italia ha prorogato le sanzioni alla Russia assieme a tutti i paesi dell’Unione europea. Alla faccia del cambiamento e del ‘sovranismo’. Siete sempre più simili a Renzi e Gentiloni”. Un riferimento al governo Lega-5 Stelle, evidentemente troppo duro col Cremlino. Per diversi mesi, nello stesso anno, Cavedagna aveva firmato analisi sulla rivista Eurasia.

stefano cavedagna galeazzo bignami stefano cavedagna galeazzo bignami

 

Ad aprile, presentava così il proprio lavoro: “Un onore essere sul cinquantesimo numero di Eurasia con un pezzo sulle origini dell’avversione degli Stati Uniti alla Russia”. D’altra parte le critiche alla politica estera degli Usa erano frequenti. In un post oggi rimosso, ma di cui circolano screenshot online, Cavedagna attaccava la Nato: “L’egemonia a stelle e strisce si sta esaurendo, verso un mondo multipolare (...). La Russia rappresenta sempre di più il baluardo della Tradizione”. 

 

Nel 2017, denunciava “l’illecito internazionale” compiuto dagli Usa con “l’attacco missilistico ai danni della base siriana di Al-Shayrat”: “Purtroppo, nonostante i fiumi di pronunce giurisprudenziali internazionali, gli Usa non non hanno dimostrato negli ultimi anni nessuna particolare intenzione di voler seguire le consuetudini e le convenzioni in materia di intervento militare”. […]

stefano cavedagna 2 stefano cavedagna 2 stefano cavedagna 6 stefano cavedagna 6 guido crosetto stefano cavedagna guido crosetto stefano cavedagna stefano cavedagna 5 stefano cavedagna 5 stefano cavedagna 4 stefano cavedagna 4

stefano cavedagna stefano cavedagna

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI