FLOPPONE SINDACALE – IL REFERENDUM CONTRO IL PAREGGIO DI BILANCIO IN COSTITUZIONE? SCOMPARSO ¬– LA CGIL NON È RIUSCITA A RACCOGLIERE LE FIRME E ORA SI PROVA CON UNA PROPOSTA DI LEGGE POPOLARE (50 MILA FIRME ANZICHÉ MEZZO MILIONE…)

A giugno, alla conferenza stampa di presentazione, cerano tutti: la Camusso, Cuperlo, Fassina, Civati, Gotor, D’Attorre e gli esponenti di Sel. Obiettivo: “500mila firme in 90 giorni contro il fiscal compact”. Ma non se n’è saputo più niente e le firme pare si siano fermate a 400mila…

Condividi questo articolo


Laura Cesaretti per “il Giornale

susanna camusso susanna camusso

 

Nessuno se ne è accorto, ma la micidiale macchina da guerra Cgil che si candida ad essere «la vera opposizione sociale» a Renzi, ha fatto un flop clamoroso. E con lei i potenziali animatori di una scissione «da sinistra» del Pd.

 

Gianni Cuperlo Gianni Cuperlo

In giugno, alla conferenza stampa di presentazione del referendum contro il pareggio di bilancio in Costituzione c'erano tutti: Susanna Camusso, Gianni Cuperlo e Stefano Fassina, Pippo Civati e Miguel Gotor, Alfredo D'Attorre e gli esponenti Sel. E c'era Danilo Barbi della segreteria nazionale Cgil. Obiettivo: «500mila firme in 90 giorni contro il fiscal compact» e «l'ottusa austerità» Ue. Le facce note dei politici servivano a lanciare mediaticamente la campagna, la macchina sindacale ad organizzarla.

 

Pippo Civati Pippo Civati

Una volta portato a casa il risultato, i promotori sarebbero diventati un interlocutore obbligato per il governo, capaci di condizionarne la linea da sinistra e, un domani, di costituire il primo nucleo di un nuovo soggetto. Il governo quest'estate si è interrogato su come reagire («con la Cgil alle spalle, raccogliere le firme sarà un gioco da ragazzi», disse il viceministro Enrico Morando) ma ieri, gli stessi protagonisti sono improvvisamente rispuntati per lanciare - stavolta - una proposta di legge di iniziativa popolare con gli stessi contenuti ma un obiettivo assai più modesto: 50mila firme in un tempo imprecisato.

Stefano Fassina Stefano Fassina

 

E il referendum, che fine ha fatto? Spulciando sul web, si riesce a trovare solo un ambiguo comunicato (titolo: «La battaglia continua») da cui, faticosamente, si deduce che si sono fermati a 400mila firme, e il referendum è fallito. Nel frattempo, mentre la Cgil buttava i moduli ormai inutili, a rinviare il fiscal compact ci ha pensato Renzi.

 

Condividi questo articolo

politica

“LA RUSSIA NON SARA’ LA PRIMA A LANCIARE UN ATTACCO NUCLEARE, PUÒ LANCIARLO SOLO COME RAPPRESAGLIA” - IL VICE PRIMO MINISTRO RUSSO, YURY BORISOV, SI “ACCODA” ALLE DICHIARAZIONI PIU’ MITI DI PUTIN SULLO SCONTRO CON L’OCCIDENTE E RASSICURA SUL FATTO CHE MOSCA NON VUOLE SCATENARE UN CONFLITTO ATOMICO - MA SULLE ALTRE ARMI LA RUSSIA SI DA’ DA FARE: IL PORTAFOGLIO ORDINI DI ARMI DESTINATE ALL'EXPORT SI AVVICINA AI 50 MILIARDI DI DOLLARI - PRINCIPALI ACQUIRENTI? INDIA, CINA, EGITTO E ALGERIA…

DAGOREPORT! - A CHE PUTIN E’ LA NOTTE – INTANTO SI È APERTO IL DIALOGO TRA RUSSIA E STATI UNITI. SECONDO: PUTIN STA ABBASSANDO I TONI AD OGNI USCITA PUBBLICA. HA CAPITO CHE ANDANDO AVANTI RISCHIA DI PERDERE DAVVERO LA GUERRA. I SUOI SOLDATI NON HANNO VOGLIA DI PERDERE I PIACERI DELLA VITA. E GLI AMMUTINAMENTI SI MOLTIPLICANO. D’ALTRA PARTE PUTIN È CONSCIO ORMAI DALL’ARRETRATEZZA DEGLI EQUIPAGGIAMENTI E DEGLI ARMAMENTI. MA IL FATTORE CHE LO LASCIA PIÙ PERPLESSO E ABBATTUTO È LA CINA. XI JINPING NON GLI STA DANDO NESSUNA MANO: ANZITUTTO, NON GLI COMPRA IL PETROLIO. NON SOLO: PARECCHIE AZIENDE TECNOLOGICHE CINESI SE NE STANNO ANDANDO DA MOSCA...