MIGRANTI SCARICATI DA GENDARMI FRANCESI IN TERRITORIO ITALIANO: IL VIDEO DELLA DIGOS È STATO DEPOSITATO IN PROCURA - A SALVINI QUESTO REGALO NON PARE VERO: ''NON VOGLIO CREDERE CHE LA FRANCIA DI MACRON UTILIZZI LA PROPRIA POLIZIA PER PORTARE DI NASCOSTO GLI IMMIGRATI IN ITALIA. MOAVERO CHIEDA CHIARIMENTI''. E LA FARNESINA LI CHIEDE…

Condividi questo articolo


 

  1. MIGRANTI VIA DA FURGONE GENDARMERIA FRANCESE A CONFINE

gendarmi francesi e migranti gendarmi francesi e migranti

 (ANSA) - Un furgone della gendarmeria francese è stato avvistato dalla polizia italiana a Claviere (Torino), al confine, mentre faceva scendere un paio di uomini - presumibilmente migranti di origine africana - in una zona boschiva. L'episodio è accaduto venerdì scorso. Il mezzo è poi tornato oltreconfine: è stata annotata la targa e sono in corso delle indagini. Lo si apprende da fonti del Viminale.

 

  1. SALVINI,MIGRANTI DA FRANCIA?MOAVERO CHIEDA CHIARIMENTI

 (ANSA) - "Sono in attesa di sviluppi: non voglio credere che la Francia di Macron utilizzi la propria polizia per scaricare di nascosto gli immigrati in Italia. Ma se qualcuno pensa davvero di usarci come il campo profughi d'Europa, violando leggi, confini e accordi, si sbaglia di grosso. Pretendiamo chiarezza, soprattutto da chi ci fa la predica ogni giorno, e non guarderemo in faccia a nessuno!". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, che conclude: "Invito il collega Moavero a chiedere chiarimenti all'ambasciatore".

claviere claviere

 

  1. FURGONE GENDARMERIA FRANCESE, FILMATO DIGOS IN PROCURA

 (ANSA) - Agenti della Digos hanno filmato il furgone della gendarmeria francese che venerdì scorso si è fermato poco prima del tunnel di Cesana, non distante dal confine di Stato, per far scendere alcuni migranti africani che si poi sono incamminati nel bosco e hanno fatto perdere le loro tracce. Il furgone è poi tornato oltreconfine. La documentazione della Digos di Torino è stata inviata in procura a Torino.

 

  1. FARNESINA, FRANCIA CHIARISCA CASO FURGONE MIGRANTI

emmanuel macron emmanuel macron

 (ANSA) - Con riferimento al possibile ingresso di un furgone della Gendarmeria francese a Clavière, in Piemonte, da cui sarebbero scese due persone in una zona boschiva, la Farnesina informa di essersi immediatamente attivata con l'Ambasciatore di Francia in Italia per chiedere chiarimenti. Analogo passo formale, al fine di chiarire i termini precisi dell'accaduto, è in corso da parte del nostro Ambasciatore a Parigi con le competenti autorità francesi. Appena stabilita la realtà dei fatti, la Farnesina ne darà completa informazione pubblica.

moavero salvini moavero salvini moavero salvini moavero salvini

 

Condividi questo articolo

politica

“TUTTO QUESTO HA LO STILE DI UNA VENDETTA POLITICA” – LA DIFESA DI MASSIMO D’ALEMA DALLE ACCUSE DELLA FONDAZIONE DEI SOCIALISTI EUROPEI, CHE SOSTIENE CHE SI SIA INTASCATO ILLEGITTIMAMENTE 500MILA EURO: “IO LO SO DA DOVE VIENE QUESTO ATTACCO” (PERCHÉ NON FA I NOMI?) - “LA RETRIBUZIONE ERA DI 5MILA EURO NETTI AL MESE, E SONO STATO PAGATO MENO DEL VALORE DELLE MIE PRESTAZIONI. DOPO L’USCITA DAL PARLAMENTO AVEVO MOLTE OFFERTE DI LAVORO. IN PARTICOLARE DA UNA SOCIETÀ INGLESE CHE MI OFFRIVA…"

“È DAL FEBBRAIO DEL 1975 CHE L’ABORTO NON È PIÙ UN REATO” - L’AVVOCATO SARA KELANY (ISCRITTA A FRATELLI D’ITALIA) DIFENDE LA MELONI DOPO L’ACCUSA DI SELVAGGIA: “LA PERLA SCOVATA DALLA LUCARELLI SAREBBE CHE LA LEGGE 194 È DEL 1978  E CHE DUNQUE,  ESSENDO GIORGIA DEL 1976, AI TEMPI NARRATI ABORTIRE SAREBBE STATO UN REATO. MA LA CORTE COSTITUZIONALE, CON LA SENTENZA 27/1975, AVEVA ESPRESSAMENTE SANCITO CHE NON POTESSERO ANDARE INCONTRO A CONSEGUENZE PENALI COLORO CHE PROCURAVANO L’ABORTO E LE DONNE CHE VI CONSENTIVANO..."