GRAZIANO, DI' CHEESE! - SPUNTA UN ALTRO VIAGGIO DI DELRIO A CUTRO: E’ QUELLO DELLE FOTO (PER ORA PRESUNTE) CON I MAFIOSI? IL MINISTRO, INTERROGATO DAI PM ANTIMAFIA CHE INDAGAVANO SULLE INFILTRAZIONI NELLE GIUNTE ROSSE, BALBETTO’ UNA SERIE DI “NON SO, E’ POSSIBILE, NON GLIELO SO DIRE”

Nel 2013 Graziano Delrio incontrò in un ristorante di Cutro 70 imprenditori. Interrogato dall’Antimafia sulla cosca Grande Aracri, che faceva il bello e il cattivo tempo nella sua città, rispose evasivo: “Non sapevo che erano originari di Cutro...”

Condividi questo articolo


Da “il Giornale

 

COSCA DI CUTRO COSCA DI CUTRO

«Graziano Delrio nell' estate del 2013 ha visto una settantina di imprenditori a Cutro come sindaco di Reggio Emilia quando era in vacanza al ristorante Antichi Sapori di villa Gaida». Si complica l' affaire sul presunto dossier che ritrarrebbe il ministro dei Trasporti di fianco ad alcuni 'ndranghetisti di Cutro, paese in provincia di Crotone gemellato con Reggio Emilia, città che Delrio ha guidato prima di entrare al governo.

 

EX SINDACO DI CUTRO SALVATORE MIGALE CON DELRIO EX SINDACO DI CUTRO SALVATORE MIGALE CON DELRIO

È il dossier di cui parla Walter Pastena, ex consulente di Federica Guidi, quando telefona all' ex fidanzato dell' ormai ex ministro dello Sviluppo e viene intercettato dai pm che indagano sul petrolio in Basilicata:«Finito 'sto casino usciranno le foto di Delrio a Cutro con i mafiosi...».

 

A rivelare l' altra visita in Calabria è stato il sito reggioreport che ha ripubblicato un' intervista con l' allora presidente della Provincia di Crotone Stanislao Zurlo. L' 11 aprile 2014) davanti a una tv locale Zurlo si lamentava per una puntata di Report contro il sindaco di Verona Flavio Tosi che a Crotone avrebbe avuto incontri con alcuni personaggi in odore di 'ndrangheta: «Se l' accusa di mafia vale per Tosi - era il ragionamento del politico crotonese - deve valere anche per Delrio».

 

DELRIO E MIGALE DELRIO E MIGALE

Potrebbe essere quello del 2013 l' incontro in cui il ministro avrebbe stretto mani sporche di 'ndrangheta e fatto foto con personaggi vicini alle cosche. Non c' è dunque solo l' incontro del 2009 in occasione della processione del Crocefisso, già confermato da Delrio tra qualche balbettio ai pm della Dda di Bologna, le cui indagini sulle infiltrazioni delle cosche nelle giunte rosse sono finite nella maxi inchiesta AEmilia.

 

Scoprirlo toccherà alla Procura di Roma, cui Delrio si è rivolto denunciando il presunto dossieraggio contro di lui. È un' altra amnesia di Delrio: come quelle venute fuori dai verbali dei pm bolognesi quando venne interrogato come persona informate sui fatti sulle infiltrazioni mafiose nel Reggiano.

GUIDI E GEMELLI GUIDI E GEMELLI

 

Quando rivelò che non sapeva se in quell' incontro fossero state fatte fotografie («È possibile non glielo so dire...») né che la cosca Grande Aracri facesse il bello e il cattivo tempo nella sua città («Non sapevo che erano originari di Cutro...») né che la moglie dell' allora suo braccio destro Luca Vecchi (oggi sindaco di Reggio Emilia), ex dirigente all' Urbanistica reggiana al centro di una storiaccia per una casa comprata da uno degli imputati del processo AEmilia, fosse di Cutro.

FEDERICA GUIDI GIANLUCA GEMELLI FEDERICA GUIDI GIANLUCA GEMELLI

 

Troppi non so, non ricordo anche per M5S, che chiede le sue dimissioni («Barzellette», dice Matteo Renzi). Non prima di un' audizione davanti all' Antimafia.

 

Condividi questo articolo

politica

RENZI E ASSOCIATI - NEL 2016 MATTEUCCIO VOLEVA COPIARE LA STRATEGIA SOCIAL DEL MOVIMENTO CINQUE STELLE PER VINCERE IL REFERENDUM COSTITUZIONALE! PECCATO CHE IL PIANO DEI SUOI CONSULENTI FOSSE, DICIAMO COSÌ, UN PO’ SUPERFICIALE: NON INCLUDEVA INSTAGRAM E LA FERRAGNI, MA PIETRO TARICONE (MORTO NEL 2010) - LA “TASK FORCE” AVEVA SCHEDATO I PROFILI DEGLI INFLUENCER CHE POTESSERO ESSERE UTILI ALLA CAUSA: IN QUOTA BONONE C'ERANO DILETTA LEOTTA, GIULIA E LELLIS E MIRIAM LEONE. TUTTI SOGGETTI ESTRANEI AL MONDO DELLA COMUNICAZIONE,  TRANNE UNO MARCO TRAVAGLIO (INCREDIBILE, MA VERO!)

DRAGHI SI È ROTTO IL CAZZO! - IL CDM CONVOCATO A SORPRESA DA “MARIOPIO” E DURATO APPENA 10 MINUTI: IL TEMPO CHE SERVIVA AL PREMIER PER RIMETTERE IN RIGA I PARTITI DELLA MAGGIORANZA - C’È LA GUERRA IN UCRAINA, L’INFLAZIONE CHE GALOPPA, IL GAS CHE MANCA, E QUESTI SI METTONO A FARE LE FISIME METTENDO A RISCHIO I 200 MILIARDI DELL’EUROPA? ORA BASTA! AL CENTRO DELLA RIUNIONE C’ERA SOPRATTUTTO LA RIFORMA DELLA CONCORRENZA, E LO SBLOCCO DELLE CONCESSIONI AI BALNEARI. IL “GRANDE GESUITA” STA VALUTANDO L’OPPORTUNITÀ DI BLINDARE CON LA FIDUCIA IL PROVVEDIMENTO, CHE COMUNQUE VA CHIUSO ENTRO MAGGIO. ALTRIMENTI, ARRIVEDERCI E GRAZIE…

BOOM! DRAGHI CONVOCA A SORPRESA UN CONSIGLIO DEI MINISTRI CON ALL’ORDINE DEL GIORNO “COMUNICAZIONI DEL PRESIDENTE”. TRADOTTO: UN AVVERTIMENTO DI “MARIOPIO” AI PARTITI, CHE UN GIORNO SÌ E L’ALTRO PURE STREPITANO, SI AGITANO, MINACCIANO DI FAR CADERE IL GOVERNO - IL PREMIER SI È ROTTO LE PALLE: I 200 MILIARDI DEL PNRR SONO A RISCHIO E LUI RISCHIA DI PERDERCI LA FACCIA - L’EX PRESIDENTE DELLA BCE FARÀ UN ULTIMATUM ALLE FORZE DI MAGGIORANZA, DEL TIPO: COSÌ NON SI VA AVANTI. SE NON VI FA COME DICO IO, ME NE TORNO AI GIARDINETTI DI CITTÀ DELLA PIEVE. SARÀ L’ULTIMO AVVERTIMENTO?