GRAZIANO, DI' CHEESE! - SPUNTA UN ALTRO VIAGGIO DI DELRIO A CUTRO: E’ QUELLO DELLE FOTO (PER ORA PRESUNTE) CON I MAFIOSI? IL MINISTRO, INTERROGATO DAI PM ANTIMAFIA CHE INDAGAVANO SULLE INFILTRAZIONI NELLE GIUNTE ROSSE, BALBETTO’ UNA SERIE DI “NON SO, E’ POSSIBILE, NON GLIELO SO DIRE”

Nel 2013 Graziano Delrio incontrò in un ristorante di Cutro 70 imprenditori. Interrogato dall’Antimafia sulla cosca Grande Aracri, che faceva il bello e il cattivo tempo nella sua città, rispose evasivo: “Non sapevo che erano originari di Cutro...”

Condividi questo articolo


Da “il Giornale

 

COSCA DI CUTRO COSCA DI CUTRO

«Graziano Delrio nell' estate del 2013 ha visto una settantina di imprenditori a Cutro come sindaco di Reggio Emilia quando era in vacanza al ristorante Antichi Sapori di villa Gaida». Si complica l' affaire sul presunto dossier che ritrarrebbe il ministro dei Trasporti di fianco ad alcuni 'ndranghetisti di Cutro, paese in provincia di Crotone gemellato con Reggio Emilia, città che Delrio ha guidato prima di entrare al governo.

 

EX SINDACO DI CUTRO SALVATORE MIGALE CON DELRIO EX SINDACO DI CUTRO SALVATORE MIGALE CON DELRIO

È il dossier di cui parla Walter Pastena, ex consulente di Federica Guidi, quando telefona all' ex fidanzato dell' ormai ex ministro dello Sviluppo e viene intercettato dai pm che indagano sul petrolio in Basilicata:«Finito 'sto casino usciranno le foto di Delrio a Cutro con i mafiosi...».

 

A rivelare l' altra visita in Calabria è stato il sito reggioreport che ha ripubblicato un' intervista con l' allora presidente della Provincia di Crotone Stanislao Zurlo. L' 11 aprile 2014) davanti a una tv locale Zurlo si lamentava per una puntata di Report contro il sindaco di Verona Flavio Tosi che a Crotone avrebbe avuto incontri con alcuni personaggi in odore di 'ndrangheta: «Se l' accusa di mafia vale per Tosi - era il ragionamento del politico crotonese - deve valere anche per Delrio».

 

DELRIO E MIGALE DELRIO E MIGALE

Potrebbe essere quello del 2013 l' incontro in cui il ministro avrebbe stretto mani sporche di 'ndrangheta e fatto foto con personaggi vicini alle cosche. Non c' è dunque solo l' incontro del 2009 in occasione della processione del Crocefisso, già confermato da Delrio tra qualche balbettio ai pm della Dda di Bologna, le cui indagini sulle infiltrazioni delle cosche nelle giunte rosse sono finite nella maxi inchiesta AEmilia.

 

Scoprirlo toccherà alla Procura di Roma, cui Delrio si è rivolto denunciando il presunto dossieraggio contro di lui. È un' altra amnesia di Delrio: come quelle venute fuori dai verbali dei pm bolognesi quando venne interrogato come persona informate sui fatti sulle infiltrazioni mafiose nel Reggiano.

GUIDI E GEMELLI GUIDI E GEMELLI

 

Quando rivelò che non sapeva se in quell' incontro fossero state fatte fotografie («È possibile non glielo so dire...») né che la cosca Grande Aracri facesse il bello e il cattivo tempo nella sua città («Non sapevo che erano originari di Cutro...») né che la moglie dell' allora suo braccio destro Luca Vecchi (oggi sindaco di Reggio Emilia), ex dirigente all' Urbanistica reggiana al centro di una storiaccia per una casa comprata da uno degli imputati del processo AEmilia, fosse di Cutro.

FEDERICA GUIDI GIANLUCA GEMELLI FEDERICA GUIDI GIANLUCA GEMELLI

 

Troppi non so, non ricordo anche per M5S, che chiede le sue dimissioni («Barzellette», dice Matteo Renzi). Non prima di un' audizione davanti all' Antimafia.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - LA GRANDE PAURA SARDA STA METTENDO IN SUBBUGLIO I FRAGILI OTOLITI DELLA MELONA -  L'ANSIA PER UNA POSSIBILE SCONFITTA ALLE REGIONALI IN SARDEGNA E IL TIMORE CHE I MEDIA LA RACCONTINO GIÀ IN DECLINO, FANNO SCOPA CON LA PREOCCUPAZIONE DI NON CONTARE UN CAZZO DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO IN EUROPA, QUANDO I VOTI DI FRATELLI D'ITALIA POTREBBERO NON ESSERE DETERMINANTI PER LA RIELEZIONE DI URSULA VON DER LEYEN - NON BASTA: SE IL VOTO EUROPEO SARA' CRUDELE CON SALVINI, FARA' SALTARE IL GOVERNO? - MICA E' FINITA PER LADY "FASCIO TUTTO IO": A SETTEMBRE VA SQUADERNATA LA LEGGE DI BILANCIO 2025 CHE SARA' UNA VIA CRUCIS DI LACRIME E SANGUE, VISTO LE DURE NORME DEL NUOVO PATTO DI STABILITÀ SUL RIENTRO DEL MOSTRUOSO DEBITO PUBBLICO ITALIANO - A GUARDIA DELLA FRAGILITA' DELLA TENUTA PSICOFISICA DELLA DUCETTA DEL COLLE OPPIO CI SONO I "BADANTI DI PALAZZO CHIGI", FAZZOLARI E SCURTI, CHE NON LA MOLLANO UN ATTIMO…

DAGOREPORT! - ULTIMI BOATOS DALL’ITALIA FERRAGNIZZATA  -  TRAMONTATO DA TEMPO IL TRASTULLO MATRIMONIALE, QUEL POCO CHE ERA RIMASTO IN PIEDI ERA “THE FERRAGNEZ – LA SERIE” - ANCORA COL PANDORO SULLO STOMACO, L’EX BARBIE DEL WEB NON AVEVA NESSUNA INTENZIONE DI DAR VITA ALLA TERZA STAGIONE. IL RAPPER (PER MANCANZA DI VOCE) NON L’AVREBBE PRESA TANTO BENE: DEPRESSO PER LA MALATTIA, INFEROCITO PER I VAFFA E I PERCULAMENTI, DEPRIVATO, AL PARI DELLA MOGLIETTINA, DI SPONSOR E DI CONTRATTI VARI, FATTI DUE CONTI, FEDEZ LE AVREBBE FATTO SCRIVERE DALL’AVVOCATO: BISOGNA FARLA, CI SONO IN BALLO TROPPI SOLDI E IL PIATTO PIANGE. NIENTE! E DOPO IL DANNO, PER FEDEZ ARRIVA LA BEFFA PIU' CRUDELE: SI INSTALLA IN CASA MARINA, LA SUOCERA PIU' SGOMITANTE D'ITALIA..

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"