GRILLO SALVA-ITALIA MOLESTA BELLA NAPOLI CON MOLTE IDEE MA CONFUSE: “TORNIAMO ALLE URNE” (ANCORA COL PORCELLUM?)

“C’è un’urgenza incredibile, non un minuto da perdere”. Poi però le riforme “non si possono fare a fine luglio, con la gente in vacanza, lo dice anche Napolitano” - “Votiamo!”. Ma senza riforme, un altro parlamento inutile? - “Noi fermiamo la gente che vuole prendere i fucili”… - -

Condividi questo articolo


1. NUTI ALLA META
(ANSA) - "Sulle riforme istituzionali il Presidente della Repubblica è d'accordo con noi: no a provvedimenti presi a maggioranza e no a discutere modifiche della Costituzione ad agosto". Lo dice il capogruppo M5S alla Camera, Riccardo Nuti, durante la conferenza stampa con Beppe Grillo.

BEPPE GRILLO AL QUIRINALEBEPPE GRILLO AL QUIRINALE

2. GRILLO DA NAPOLITANO: "L'ITALIA È IN MACERIE. HO DETTO AL PRESIDENTE DI TORNARE ALLE URNE"
Da www.repubblica.it

BEPPE GRILLO AL QUIRINALEBEPPE GRILLO AL QUIRINALE

Si è concluso dopo quasi due ore l'incontro tra Beppe Grillo, Gianroberto Casaleggio e il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al Quirinale. L'udienza era stata richiesta dallo stesso Grillo per discutere del "crollo del Paese" in atto e per chiedere alla prima carica dello Stato lo scioglimento delle Camere.

Il resoconto dell'incontro. "Ho ringraziato Napolitano per la gentile accoglienza e per la sollecitudine - ha detto Grillo in conferenza stampa al Senato subito dopo il colloquio -. Gli ho espresso la mia preoccupazione per la condizione economica, sociale e politica del paese. I politici stanno chiusi nei palazzi a fare annunci e rinviare decisioni". I toni sono allarmistici e rispuntano i fucili, Grillo si racconta come un mediatore che evita il degenerare della protesta sociale: "La gente vuole prendere i fucili - dice l'ex comico - i bastoni e sono io a dire proviamo ancora con i metodi democratici. Noi vogliamo buttare fuori i partiti con metodi democratici, però poi ci stuferemo".

GIORGIO NAPOLITANOGIORGIO NAPOLITANO

Rivolto al capo dello Stato, spiega: "Napolitano è diventato uno scudo, un parafulmine dei partiti che non sono capaci di fare scelte. Doveva e poteva dire no al secondo mandato". Poi rivolge al presidente un attacco diretto: "Chi oggi è al governo del paese- aggiunge- è responsabile dello sfacelo. Sono gli stessi che hanno distrutto l'economia. Il governo delle larghe intese è stato voluto fortemente dal capo dello Stato e tutela solo lo status quo e gli interessi di Silvio Berlusconi".

beppe grillo gambarobeppe grillo gambaro

Parlando poi ai giornalisti li accusa di essere corresponsabili dello sfacelo: "Dovreste vergognarvi perchè parte dello sfacelo è colpa vostra. Se siamo un Paese semilibero è anche colpa della vostra informazione. E minaccia: "Uno dei problemi maggiori dell'Italia è la stampa. La Rai. Siete complici del sistema. Ma siete i primi precari che pagherete questa situazione perché i vostri giornali e le vostre tv chiuderanno".

Sul perché non sia nato un esecutivo Pd-M5S, Grillo risponde: Non c'è mai stata un'offerta seria, Bersani non voleva fare un governo o collaborare con noi, faceva solo scouting: voleva solo i nostri voti".

"Il paese è in macerie - continua il leader dei 5 Stelle- è una pentola pronta a scoppiare. Occorrono misure urgenti e straordinarie pari a quelle di un'economia di guerra. Non si può aspettare oltre, neppure un giorno. Non abbiamo più tempo". Se la prende con l'Europa: "Il debito ci sta divorando. Possiamo rimanere nell'euro solo se ricontrattiamo le condizioni o attraverso gli eurobond che è una storia già vecchia o, in alternativa, con la ristrutturazione del debito pubblico".

Beppe GrilloBeppe Grillo

"Con questo Parlamento - attacca Grillo - non si possono realizzare davvero dei cambiamenti e se le cose restano così noi usciremo (metaforicamente parlando, come precisa in seguito, ndr), continueremo a lavorare fuori: nelle carceri, nei cantieri della Tav o davanti all'Ilva. Vogliamo portare il Parlamento dove serve perchè dentro i palazzi l'operato dei nostri eletti è snobbato". E conclude: "Ho detto a Napolitano che si deve abrogare l'attuale legge elettorale, che è incostituzionale. Gli ho chiesto di sciogliere le Camere e tornare al voto se necessario. E gli ho suggerito di andare in tv, a reti unificate, e dire la verità al Paese. L'autunno è vicino, e lì i problemi politici diventeranno sociali. Non c'è più tempo".

La richiesta del colloquio. L'incontro era stato fissato dagli uffici della presidenza per venerdì scorso, ma l'ex comico aveva chiesto un rinvio per "precedenti impegni". Nei giorni scorsi Grillo e famiglia sono stati fotografati in vacanza in Sardegna, le lussuoso resort Cala di Volpe.

Casaleggio inatteso. A sorpresa al Quirinale si è presentato anche Gianroberto Casaleggio, guru dei 5 Stelle, oltre ai due capigruppo di Camera e Senato, Riccardo Nuti e Nicola Morra. Il Colle aveva precisato di poter ricevere assieme al capo politico quasiasi personalità, purché fosse chiaro il ruolo ricoperto nel Movimento.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE

DAGOREPORT - STATI DISUNITI D'AMERICA: NIKKI HALEY CONTINUA A ESSERE UMILIATA DA TRUMP MA NON SI FERMERÀ: HA DALLA SUA ANCORA MOLTI MILIONI DI FINANZIAMENTI (16,5 INCASSATI SOLO A GENNAIO) E I SUOI DONATORI VOGLIONO FARLA ARRIVARE ALLA CONVENTION PER VEDERE L'EFFETTO CHE FA. NON SIA MAI CHE ARRIVI UNA CONDANNA PER IL PUZZONE – TRUMP È TALMENTE DETESTATO CHE, SECONDO I DEM, GLI ELETTORI DELLA HALEY CONVERGEREBBERO SU BIDEN. E C’È CHI SI SPINGE ALLA FANTA-POLITICA: UN TICKET DI “SLEEPY JOE” CON NIKKI COME VICE…

FLASH! – MA CHE CI AZ-ZECCA L’AGRICOLTURA CON LA ZECCA DELLO STATO? LEGGETE IL BANDO PER IL NUOVO UFFICIO STAMPA DELLA ZECCA, GUIDATO DALL'ECLETTICO FRANCESCO SORO (GIA' CAPO DI GABINETTO DI MALAGÒ AL CONI, CON CUI È FINITA A STRACCI, POI PASSATO AL MISE SOTTO L’ALA PROTETTIVA DI GIORGETTI) - SORO CHIEDE, TRA I REQUISITI, OLTRE A LAUREA E  “CONSOLIDATA” ESPERIENZA NEI MEDIA, UNA DOTE INDISPENSABILE PER LA ZECCA: “RISULTERANNO SIGNIFICATIVE EVENTUALI ESPERIENZE RIFERITE ALLA FILIERA AGROALIMENTARE E VITIVINICOLA” - CHISSA' QUANTI CANDIDATI AVRANNO TALE COMPETENZA? AH, SAPERLO...