DA LADYLIKE A LADY FIGURACCIA - ALTRA GAFFE PER LA MORETTI (ASFALTATA DA ZAIA): PIEGA MALE LA SCHEDA, RICHIAMATA DAL PRESIDENTE DI SEGGIO - TRADIRE BERSANI NON PORTA BENE...

Dopo il richiamo l'ex portavoce di Bersani convertitasi al renzismo è tornata nella cabina elettorale, ha sistemato la scheda e l'ha inserita correttamente nell'urna: «Vedete che scherzi fa l'emozione?», ha tentato di sdrammatizzare la regina delle figuracce - Se non ci fosse stata la scissione interna al Carroccio Zaia sarebbe stato reinvestito con più del 60%...

Condividi questo articolo


Stefano Filippi per “il Giornale”

 

MORETTI MORETTI

Previsioni confermate, Luca Zaia sarà governatore del Veneto per altri cinque anni. Le proiezioni Rai non lasciano margini ad Alessandra Moretti: il leghista è al 47,1% mentre la candidata del Pd si arena al 23,9. Oltre venti punti percentuali di distacco, un abisso incolmabile: più che doppiata. Il terzo è Flavio Tosi, ex leghista che ottiene il 13,7% lasciando al quarto posto il grillino Jacopo Berti.

 

Se non ci fosse stata la scissione interna al Carroccio, e Tosi avesse unito i propri suffragi a quelli della coalizione vincitrice, Zaia sarebbe stato reinvestito con più del 60 per cento. Il che equivale alla quota raccolta da lui stesso cinque anni fa, quando la Lega toccò il suo massimo storico al 35,1 e il centrodestra (unito nel Pdl) era al 24,7 per cento.
 

Il Veneto conferma che Forza Italia e Lega Nord uniti vincono. Il governatore uscente ha capitalizzato cinque anni di buon governo regionale e il successo di Matteo Salvini. Tosi, che raccoglieva gli ex leghisti a lui fedeli e Area popolare, dà voce a un blocco moderato superiore ai Cinque stelle che non hanno raccolto la protesta per lo scandalo delle tangenti Mose.

renzi moretti 2 renzi moretti 2

 

La sconfitta della Moretti era prevedibile ma non in queste proporzioni: il distacco dalla coalizione Lega-Forza Italia-Fratelli d'Italia è oceanica. Un certo danno gliel'ha fatto anche la sinistra più radicale che si è coagulata attorno alla lista L'altro Veneto, che si ispira a Tsipras e Podemos.
 

Ma Alessandra Moretti ci ha messo del suo. Ieri Ladylike ha votato all'insegna del motto che ha segnato la sua campagna elettorale: con una gaffe, l'ultima di una lunga serie. Aver messo la croce sul proprio nome come governatore del Veneto deve averle procurato uno stress.

 

O forse era prostrata dall'estenuante tour che l'ha portata a visitare in un mese tutti i 579 comuni del Veneto, a lei completamente sconosciuti. Fatto sta che non è riuscita a piegare correttamente la scheda elettorale a rischio di farsi invalidare il voto. Il presidente di seggio alla scuola Giacomo Zanella di Vicenza ha dovuto richiamarla davanti al nugolo di giornalisti e fotografi in attesa del lieto evento.
 

ZAIA ZAIA

L'ex portavoce di Pier Luigi Bersani convertitasi al renzismo ha mestamente ripreso la scheda, è tornata nella cabina elettorale numero 3, ha sistemato il foglietto e finalmente l'ha inserito nell'urna come si deve. «Vedete che scherzi fa l'emozione?», ha tentato di sdrammatizzare la regina delle figuracce. La penultima gaffe è di pochi giorni fa, quando ha firmato il manifesto delle associazioni Lgbti (lesbiche, day, bisessuali, trans e intersexual) un mese dopo aver sottoscritto gli impegni a favore della famiglia naturale proposti dal Forum veneto delle famiglie.
 

Il Veneto è la regione con la più alta affluenza alle urne e secondo il sociologo Paolo Feltrin ciò va tutto a vantaggio di Zaia. Qui si vota anche per i sindaci di 34 comuni, tra cui Venezia commissariata dopo le inchieste sui lavori del Mose che hanno travolto la giunta di sinistra di Giorgio Orsoni.

 

tosi tosi TOSI E ZAIA TOSI E ZAIA SALVINI - TOSI - ZAIA 4c4cb9f2 SALVINI - TOSI - ZAIA 4c4cb9f2 giletti moretti giletti moretti ALESSANDRA MORETTI ALESSANDRA MORETTI renzi moretti renzi moretti renzi moretti 3 renzi moretti 3

Si è recato ai seggi il 57% del corpo elettorale, un dato comunque in calo del 10% rispetto a cinque anni fa, quando si votò anche il lunedì mattina a fine marzo e non durante il primo ponte di caldo estivo. La Moretti ha fatto la sua gaffe verso le 10,30; Zaia ha deposto la scheda nell'urna a San Vendemiano (Treviso) verso le 13 e poco dopo è toccato a Tosi a Marzana, frazione di Verona dove abita.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?

FLASH – PARE CHE L’INSISTENZA DI GIORGIA MELONI NON SIA SERVITA A MOLTO: LA PREMIER ITALIANA NON AVREBBE OTTENUTO LA VICEPRESIDENZA ESECUTIVA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, CHE TANTO BRAMAVA PER IL “SUO” RAFFAELE FITTO. LA DUCETTA DEVE FARE I CONTI CON LA SPACCATURA, AMPIAMENTE PREVISTA, DI ECR: LA “MAGGIORANZA” DEI CONSERVATORI VOTERÀ CONTRO URSULA VON DER LEYEN, CHE SI È PARATA LE CHIAPPE ACCORDANDOSI CON I VERDI. E FRATELLI D’ITALIA? SARANNO COMPATTI, MA SU COSA CE LO DIRANNO SOLO DOPO...

TRUMP HA SCELTO J.D. VANCE CON UN OBIETTIVO PRECISO: LASCIARGLI FARE L’ESAGITATO A CACCIA DI ELETTORI INCAZZATI, MENTRE LUI SI RITAGLIA UN RUOLO PIÙ MODERATO – “THE DONALD”, CHE PENSA DI RIPORTARE NEL SUO STAFF MIKE POMPEO, HA EPURATO LA FIGLIA “TRADITRICE” IVANKA E IL GENERO JARED KUSHNER – OBAMA NON SA SE SILURARE BIDEN: HA PAURA CHE IL CANDIDATO SCELTO PER SOSTITUIRLO VENGA SCONFITTO (A QUEL PUNTO LUI PERDEREBBE LA FACCIA) – IL PRESIDENTE PUÒ ARRENDERSI SOLO SE FINISCE I SOLDI – LA TELEFONATA TRA LO SVALVOLATO ROBERT F. KENNEDY E TRUMP, SPIATTELLATA ONLINE - VIDEO