“IL COMMISSARIO ALLA RICOSTRUZIONE DELL’EMILIA-ROMAGNA? NON PUÒ STARE A ROMA” – PARLA STEFANO BONACCINI, FAVORITO PER LA CARICA NONOSTANTE IL VETO DI SALVINI - LO SCONTRO È INIZIATO: IL CENTRODESTRA EMILIANO VOTA CONTRO IL GOVERNATORE, IL GOVERNO È DIVISO E LA LEGA ANCHE - ZAIA NON PERDE OCCASIONE PER MARCARE UNA DISTANZA DAL "CAPITONE" E RICORDA COME STORICAMENTE IL RUOLO DEL COMMISSARIO VADA SEMPRE AI PRESIDENTI DELLE REGIONI…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Monica Guerzoni per il Corriere della Sera

bonaccini meloni bonaccini meloni

 

Un elicottero con a bordo Giorgia Meloni e Ursula von der Leyen sorvolerà i paesi colpiti dall’alluvione, le strade inghiottite dal fango, le coltivazioni devastate dalla furia dell’acqua. Oggi la premier torna in Emilia-Romagna per accompagnare la presidente della Commissione europea.

 

Diversamente dalla prima visita di domenica, quando Palazzo Chigi ha tenuto coperta l’agenda costringendo sindaci e giornalisti a «inseguire» il corteo istituzionale, questa volta un programma di massima c’è: atterraggio a Bologna nel primo pomeriggio, ricognizione delle zone disastrate e poi conferenza stampa.

 

Stefano Bonaccini, che sarà sull’elicottero con le due leader, chiederà a von der Leyen «l’attivazione di quel fondo di solidarietà europeo che interviene in occasione di catastrofi», con la speranza di ottenere una boccata d’ossigeno di «alcune centinaia di milioni». Il tema politico che agita la maggioranza è il profilo del commissario alla ricostruzione. Il presidente dell’Emilia-Romagna è in pole position, ma la strada per lui non è in discesa.

 

bonaccini meloni bonaccini meloni

Il ministro della Protezione civile, Nello Musumeci, rimanda la scelta assicurando che il tema «non è all’ordine del giorno, siamo ancora nella fase dell’emergenza». Lo scontro però è iniziato. Ieri nell’Aula regionale dell’Emilia-Romagna è passata una mozione di maggioranza in cui si chiedeva di nominare Bonaccini commissario, ma Lega, FdI e Forza Italia hanno votato contro. Il governatore certo non si arrende. Fino al 31 dicembre sarà commissario straordinario per la ricostruzione del sisma, rivendica il «lavoro corale» e ricorda che il presidente Mattarella ha lodato «la ricostruzione esemplare». Ora che la sua regione è di nuovo ferita, Bonaccini si dice convinto che il commissario «non può stare a Roma», perché «deve conoscere bene il territorio».

salvini salvini

 

Giorgia Meloni sarebbe anche tentata dall’idea di affidare il delicato incarico al presidente dell’Emilia-Romagna, il problema è che Matteo Salvini si è messo di traverso. Fonti della Lega smentiscono questioni personali nei confronti di Bonaccini e mostrano di voler accelerare, auspicando che «la nomina avvenga al più presto» e assicurando che non c’è «nessun veto o antipatia nei confronti di alcuno».

 

Anche il capogruppo della Lega alla Camera, Riccardo Molinari, smentisce uno stop a Bonaccini per motivi politici, ma ammette che è in corso «una discussione di opportunità». Il governo è diviso e la Lega anche. Luca Zaia ha ricordato come «storicamente il commissario lo fanno sempre i presidenti delle Regioni» e Roberto Occhiuto concorda. Per il presidente della Calabria «l’attività di ricostruzione deve essere svolta in sintonia con la Regione» e Bonaccini è «la persona giusta», anche perché la ricostruzione post-terremoto in Emilia-Romagna «ha funzionato».

giorgia meloni stefano bonaccini giorgia meloni stefano bonaccini

 

(…)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE