“PER FAR RIVIVERE IL ‘VECCHIO’ MOVIMENTO, BASTEREBBE CHE CONTE TORNASSE A FIRENZE ALLA SUA CARRIERA UNIVERSITARIA” - CURZIO MALTESE FA LO SHAMPOO A PEPPINIELLO APPULO: “COME CAPO POLITICO È STATO UN DISASTRO. È RIUSCITO NELL’IMPRESA DI FAR PERDERE ALTRI PUNTI AI PENTASTELLATI” - “IL PD LANCIA AMI SU AMI PER TROVARE UN’INTESA, MA OGNI VOLTA SI VEDE TORNARE INDIETRO UN SECCO NO.  CERTO, SE IL LEADER FOSSE DI MAIO, TUTTO SAREBBE PIÙ FACILE” - “BEPPE GRILLO È STATO UN PROFETA. AVEVA DICHIARATO: ‘CONTE NON HA VISIONE POLITICA NÉ CAPACITÀ MANAGERIALI’. UNA PREVISIONE PERFETTA CHE ANNUNCIAVA IL FALLIMENTO DI CONTE COME LEADER…”

-

Condividi questo articolo


Curzio Maltese per “Domani”

 

curzio maltese curzio maltese

Forse è già finita la velocissima stagione di Giuseppe Conte come leader politico. E’ stato molto popolare al governo, a tratti brillante, soprattutto nel secondo esecutivo dell’alleanza tra Cinque Stelle e Pd e per come si è dimostrato rassicurante ai primi tempi della pandemia.

 

Aveva un buon rapporto con l’Europa ed è riuscito a ottenere il clamoroso finanziamento di 200 miliardi. Purtroppo un attimo dopo è crollato per l’incapacità di tenere insieme gli alleati.

 

giuseppe conte in diretta facebook 2 giuseppe conte in diretta facebook 2

Se come presidente del Consiglio è stato abile, è stato un disastro come capo politico. In poco più di nove mesi è riuscito nell’impresa di far perdere altri punti ai pentastellati, che speravano invece di essere rinvigoriti dalla sua popolarità.

 

Ad agosto del 2021, la media dei sondaggi dava il M5s intorno al 16 per cento. Se si votasse oggi, farebbe fatica a raccogliere il 13 per cento. D’altronde, Conte ha nemici ovunque, anche all’interno del movimento. Con Draghi ormai i rapporti sono sempre più tesi, qualunque sia il tema sul tavolo.

 

A Porta a Porta, ha ribadito che non è sua intenzione far cadere il governo, ma che intende comunque mettergli i bastoni tra le ruote.

 

Le elezioni si avvicinano e non si vedono nascere progetti per il futuro, a parte la riforma della legge elettorale, al momento idea assurda, visto che non c’è né il tempo né la volontà politica. Giuseppe Conte sembra più che altro ossessionato dalle vendette personali.

 

GIUSEPPE CONTE CON ENRICO LETTA GIUSEPPE CONTE CON ENRICO LETTA

Oltre a trascinare il Movimento nel suo odio personale per l’ex capo della Bce, non disdegna critiche nemmeno per il presidente Sergio Mattarella.

 

Se la prende con Matteo Renzi, colpevole di aver aperto la porta a Draghi, e all’interno del partito con Luigi Di Maio, troppo fedele al governo. In realtà il vendicativo Conte sbaglia obiettivi: se il movimento è al tramonto, se la deve prendere solo con se stesso.

 

conte grillo conte grillo

A destra, la confusione regna sovrana. Berlusconi latita mentre la Lega è in caduta libera e in costante guerra con Fratelli d’Italia. Sulle amministrative è un tutti contro tutti. Sarebbe il momento perfetto per solidificare il rapporto tra Pd e Cinque stelle.

 

Conte invece preferisce scontrarsi anche con Enrico Letta e ogni tanto sembra capirsi meglio con Matteo Salvini. Come ha fatto notare in un’intervista su Repubblica il sindaco di Firenze Dario Nardella, è impossibile allearsi senza un’intesa su politica estera, giustizia sociale e diritti civili.

 

curzio maltese curzio maltese

Il Partito democratico lancia ami su ami per trovare un’intesa con Conte, ma ogni volta si vede tornare indietro un secco no.  Certo, se il leader fosse Di Maio, tutto sarebbe più facile.

 

Beppe Grillo è stato un profeta. Nell’ennesima guerra interna che ha preceduto la presidenza del professore, aveva dichiarato: «Conte non ha visione politica né capacità manageriali». Una previsione perfetta che annunciava il fallimento di Conte come leader.

 

Non ci si può improvvisare capo politico da un giorno all’altro, e l’attività accademica non è una palestra sufficiente. Grillo, che invece qualcosa di leadership ne sa, l’aveva capito. D’altra parte, insieme a Gianroberto Casaleggio, aveva creato una macchina perfetta per coinvolgere milioni di persone e posizionarsi a primo partito.

 

di maio conte di maio conte

Oggi, i pentastellati faticano persino a presentare le liste per le amministrative in mancanza di candidati. Il figlio di Gianroberto pensa alla nascita di un nuovo Movimento. In realtà, per far rivivere quello “vecchio”, basterebbe che Conte tornasse a Firenze alla sua carriera universitaria da professore di diritto.

LUIGI DI MAIO - BEPPE GRILLO - GIUSEPPE CONTE LUIGI DI MAIO - BEPPE GRILLO - GIUSEPPE CONTE GIUSEPPE CONTE DOPO L INCONTRO CON MARIO DRAGHI A PALAZZO CHIGI GIUSEPPE CONTE DOPO L INCONTRO CON MARIO DRAGHI A PALAZZO CHIGI SALVINI PUTIN CONTE DI MAIO SALVINI PUTIN CONTE DI MAIO giuseppe conte vs beppe grillo meme giuseppe conte vs beppe grillo meme enrico letta giuseppe conte matteo salvini matteo renzi meme by carlo enrico letta giuseppe conte matteo salvini matteo renzi meme by carlo GIUSEPPE CONTE GIUSEPPE CONTE meme su giuseppe conte e beppe grillo meme su giuseppe conte e beppe grillo GIUSEPPE CONTE GIUSEPPE CONTE enrico letta e giuseppe conte 2 enrico letta e giuseppe conte 2 giuseppe conte giuseppe conte carlo freccero e curzio maltese carlo freccero e curzio maltese

 

Condividi questo articolo

politica

È STATA LA MANO DI CRISTINA – TERREMOTO IN ARGENTINA: SI È DIMESSO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA MARTÍN GUZMÁN, AFFONDATO DAI CONTINUI ATTACCHI DELLA VICEPRESIDENTE, LA PLURIINDAGATA PER CORRUZIONE CRISTINA KIRCHNER, CHE PUNTA A TORNARE AL POTERE – ORA IL PAESE RISCHIA UN DEFAULT PEGGIORE DI QUELLO DEL 2001: IN QUESTI GIORNI L'ORMAI EX MINISTRO GUZMÁN AVEVA UN APPUNTAMENTO PER RINEGOZIARE CON IL FMI UN PRESTITO DA 2 MILIARDI DI DOLLARI – LA TERZA ECONOMIA DELL'AMERICA LATINA HA IL SECONDO TASSO DI INFLAZIONE PIÙ ALTO TRA LE GRANDI ECONOMIE, PARI AL 60%, IN CONTINUA CRESCITA…

TORTURA E MORTE: RIEDUCAZIONE PUTINIANA – LO SCIENZIATO RUSSO DMITRIJ KOLKER, MALATO TERMINALE AL QUARTO STADIO DI CANCRO AL PANCREAS, È MORTO IN UN OSPEDALE CARCERARIO, LONTANO DA FAMILIARI E AMICI –  ERA ACCUSATO DI ESSERE UNA SPIA AL SERVIZIO DELLA CINA – SECONDO IL FIGLIO SI SAREBBE RIFIUTATO DI TESTIMONIARE CONTRO DUE COLLEGHI DELL’UNIVERSITA' E PER QUESTO SAREBBE STATO CONDANNATO – KOLKER NON È IL PRIMO CASO DI SCIENZIATO INCARCERATO DA PUTIN CON FANTOMATICHE ACCUSE DI SPIONAGGIO

“MA CHI VOLETE PRENDERE PER IL CULO?” – L’IRONIA DI LUCA BOTTURA SU PAOLETTA TAVERNA E STEFANO PATUANELLI, CHE SUI SOCIAL PRIMA LANCIANO IL SASSO POI TIRANO INDIETRO LA MANO: “DICONO CHE È UN ERRORE DELLO STAFF. L'ANALISI SORGE SPONTANEA: MA DAVVERO PENSATE CHE SIAMO VENUTI GIÙ DALLA MONTAGNA DEL SAPONE? MA NON VI VERGOGNATE A TRATTARE I VOSTRI ELETTORI E GLI ITALIANI IN GENERE COME UNA MASSA DI DEMENTI CHE SI BEVE LA QUALUNQUE? VI MERITERESTE DI ESSERE GLASSATI COL MIELE IN UN BOSCO MARSICANO AFFOLLATO DI…”