“L’AMICIZIA DI BERLUSCONI CON PUTIN? ERA UN RAPPORTO OMOSESSUALE DI TIPO MENTALE” – FABRIZIO CICCHITTO, EX SOCIALISTA E POI CAPOGRUPPO DI FORZA ITALIA, VUOTA IL SACCO: “SILVIO VEDEVA IN PUTIN L'UOMO FORTE, PUTIN VEDEVA NEL CAV L'UOMO DI SUCCESSO. DIVENTAI BERLUSCONIANO COME REAZIONE A MANI PULITE, CHE AVEVA ANNIENTATO IL MIO PARTITO E IN CONTRAPPOSIZIONE ALLA DERIVA GIUSTIZIALISTA DEI RAGAZZI DI BERLINGUER, VELTRONI E D’ALEMA – GIRAVO CON TRE PISTOLE. SPARAVO AL POLIGONO - LA P2? LA PIU’ GRANDE CAVOLATA DELLA MIA VITA. AVEVO DA POCO LITIGATO CON CRAXI E…” - QUANDO SILVIO BERLUSCONI RACCONTAVA LA STORIELLA DEL BUNGA BUNGA, PARLAVA DI CICCHITTO E BONDI COME DEI "DUE PIÙ SFIGATI CHE AVEVO": "LI MANDO GIÙ, SONO SFIGATI E ALL'AEROPORTO DI TRIPOLI..." - VIDEO

Condividi questo articolo


 

fabrizio cicchitto foto di bacco (2) fabrizio cicchitto foto di bacco (2)

Concetto Vecchio per la Repubblica - Estratti

 

Fabrizio Cicchitto, gira ancora con la pistola in tasca?

«No, non più. Ne avevo tre. Sparavo al poligono».

 

 

(...)

Lei nasce come un ragazzo di sinistra.

«Sì, ma anticomunista e anticlericale».

E dopo una vita con Berlusconi nessuno ricorda che ha cominciato nella Cgil.

«Mi sono iscritto al Partito socialista nella sezione di via Monte Zebio a Prati a diciott’anni, nel 1959.Poi il leader della corrente socialista della Cgil Ferdinando Santi mi propose di entrare nell’ufficio studi ».

 

 

(...) Cosa c’entra lei con la Cgil?

BERLUSCONI PUTIN VILLA CERTOSA BERLUSCONI PUTIN VILLA CERTOSA

«Non era questa di adesso. È stata una grande scuola, collaborai con Lama, Trentin, Garavini, Foa, Boni, Brodolini. Il meglio della cultura politica di sinistra».

 

 

(...)

Cosa ricorda del sequestro Moro?

«Una mattina mi mandò a chiamare Serenella, la segretaria di Craxi: “Bettino ti deve parlare”. Entrai nella sua stanza e mi consegnò la lettera che Moro gli aveva appena mandato dalla prigione del popolo».

 

Chiedeva di trattare.

«Ci guardammo entrambi sconvolti. Poi Craxi mi abbracciò commosso: “Dobbiamo salvarlo, noi non siamo comunisti”».

 

Quando è entrato in Parlamento?

cicchitto rinalduzzi foto mezzelani gmt 002 cicchitto rinalduzzi foto mezzelani gmt 002

«Nel 1976, a 36 anni».

 

Come mai un giovane deputato in ascesa si iscrive alla P2?

«È stata la cavolata più grande della mia vita».

 

Perché l’ha fatto?

«Eh, adesso qui è difficile spiegare il difficile contesto politico e umano in cui mi trovavo in quel momento».

Proviamoci.

«Avevo da poco litigato con Craxi, ed ero sprofondato in una grave depressione. Cominciai a soffrire di manie di persecuzione».

 

Cosa la mosse? L’ambizione?

«Ma no. Mi feci lusingare dal fatto che loro controllavano il Corriere della Sera , offrivano buona stampa, protezione».

 

Ne aveva bisogno?

«No, no, è che presi tutto sottogamba. Pensai: è soltanto una loggia massonica. Mi convinsero dicendo che vi erano iscritti anche il generale Dalla Chiesa e Maurizio Costanzo…».

 

BERLUSCONI PUTIN VILLA CERTOSA BERLUSCONI PUTIN VILLA CERTOSA

Lei alla Commissione Anselmi confessò che era minacciato.

«Ecco, sì. Avevo ricevuto molte lettere anonime. Di minacce. Mi pedinavano. Sapevano chi vedevo, dove andavo, le donne che incontravo».

 

E così bussò alla P2?

«Conoscevo Fabrizio Trecca, un medico amico di Costanzo, un tipo molto simpatico».

 

La reclutò lui?

«Sì, mi disse che avrebbero risolto la cosa delle minacce».

 

La mise in contatto con Gelli?

«Sì, ci vedemmo un paio di volte all’Hotel Excelsior in via Veneto, dove Gelli riceveva i suoi affiliati».

 

Che impressione le fece?

FABRIZIO CICCHITTO - UN GIORNO DA PECORA FABRIZIO CICCHITTO - UN GIORNO DA PECORA

«Di un tipo opaco».

 

In che senso?

«Uno che non era brillante neanche nella malvagità».

 

Le chiedeva notizie riservate?

«Ma no! Erano chiacchierate oziose, aveva solo bisogno di far vedere che 30-40 deputati erano iscritti».

 

(...)

Non capisco perché non andò dalla polizia a denunciare le lettere anonime.

«Perché erano impalpabili».

 

Si fidava di più della P2?

«Sbagliai. Le ho già detto che fu un errore totale».

 

È in quel momento che comincia a girare con la pistola?

«Sì, l’ho fatto anche dopo, per anni ora per fortuna non più».

 

Le minacce cessarono?

«Sì».

 

Sappiamo tutto della P2?

BERLUSCONI E PUTIN A VILLA GERNETTO BERLUSCONI E PUTIN A VILLA GERNETTO

«Penso di no. Ho sempre sospettato che c’erano altri elenchi fatti sparire in Uruguay».

 

Quindi lei diventa berlusconiano per rivalsa dopo la P2?

«Non c’entra niente».

 

E allora perché?

«Come reazione a Mani Pulite, che aveva annientato il mio partito».

fabrizio cicchitto foto di bacco fabrizio cicchitto foto di bacco

 

Il Psi non si annientò da solo sotto il peso delle tangenti?

«Guardi che le tangenti c’erano per tutti, anche per il Pci, che invece venne risparmiato dalla morsa poteri forti-magistratura».

 

Ma il suo approdo a Berlusconi non è uno schiaffo a tutta la sua storia di sinistra?

«Io vado con Berlusconi in contrapposizione alla deriva giustizialista dei ragazzi di Berlinguer, Veltroni e D’Alema, e per riacquisire una dialettica di alternanza».

Ancora nel 1994 si schiera con Occhetto e contro Berlusconi.

«La seconda cavolata della mia vita. Ma in quel momento prevalse ancora la logica patriottica socialista perché quel che rimaneva del Psi rimase in alleanza col Pds».

E poi?

«Quando Veltroni pose il veto alla candidatura di Enrico Manca, il presidente della Rai che era stato il più vicino al Pci, capii che noi socialisti saremmo stati del tutto subalterni.Proposi di mantenere il Psi nella parte proporzionale della lista: proposta bocciata».

d alema veltroni d alema veltroni

 

Quindi sceglie il Cavaliere in odio?

«Per rivalsa politica. Ci avevano massacrati. E come diceva Pertini: a bandito, bandito e mezzo».

 

Chi la porta da Berlusconi?

«Cossiga. Aveva fatto l’Udeur e ci portò ai primi incontri col Cavaliere. Berlusconi aveva capito che i dirigenti Mediaset non gli bastavano, che serviva gente più qualificata».

 

E lei gli si fece avanti?

«Gli mandavo dei biglietti, dei consigli. Scattò un meccanismo».

FABRIZIO CICCHITTO SILVIO BERLUSCONI FABRIZIO CICCHITTO SILVIO BERLUSCONI

 

Come spiega l’amicizia con Vladimir Putin?

«Per dirla con un paradosso: era un rapporto omosessuale di tipo mentale».

Cioè?

«Di reciproca ammirazione. Silvio ammirava in Putin l’uomo forte, Putin vedeva in Silvio l’uomo di successo. Però era paritario. Berlusconi credeva di poter portare Putin nell’Occidente».

 

Ha poi scoperto chi le mandava quelle lettere anonime?

fabrizio cicchitto foto di bacco (9) fabrizio cicchitto foto di bacco (9)

«No, non l’ho mai saputo».

fabrizio cicchitto foto di bacco (6) fabrizio cicchitto foto di bacco (6) fabrizio cicchitto foto di bacco (5) fabrizio cicchitto foto di bacco (5) fabrizio cicchitto foto di bacco (7) fabrizio cicchitto foto di bacco (7) fabrizio cicchitto foto di bacco (3) fabrizio cicchitto foto di bacco (3) gelli gelli BERLUSCONI PUTIN VILLA CERTOSA BERLUSCONI PUTIN VILLA CERTOSA licio gelli licio gelli fabrizio cicchitto foto di bacco (8) fabrizio cicchitto foto di bacco (8)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)