“SARA’ PIU’ FACILE RITROVARCI SE PASSA LA LINEA DI BETTINI” – CONTE ENTRA IN TACKLE SUL CONGRESSO PD E RILANCIA IL CAMPO LARGO DOPO LA ROTTURA NEL LAZIO – LA SINISTRA DEM, CHE NON APPOGGERA’ ELLY SCHLEIN, E’ ANCORA ALLA RICERCA DEL CANDIDATO DA LANCIARE NELLA CORSA PER LA SEGRETERIA PD - ORLANDO, CHE CONTINUA A DIRE “SÌ AL DIALOGO CON I 5 STELLE”, CHIAMA L’APPLAUSO CONTRO CONTE “REO” DI AVER AFFOSSATO DRAGHI…

-

Condividi questo articolo


Maria Teresa Meli per corriere.it

 

bettini bettini

«Ci sono, ma serve un percorso collettivo»: è l’equivalente in salsa dem di una candidatura alla segreteria. A pronunciare queste parole nel corso di una diretta Instagram è Elly Schlein.

 

La sua uscita imprime un’accelerazione al congresso del Pd. Come dimostra l’annuncio di Dario Nardella, che a giorni potrebbe fare il grande passo: «Mi sto organizzando con colleghi sindaci e amministratori, il mondo della società civile, per promuovere un’iniziativa aperta sui temi della sinistra, del lavoro, dello sviluppo sostenibile, dell’ambiente. Voglio essere insieme ad altri promotore di un vero confronto pubblico e aperto che ci piacerebbe organizzare entro qualche settimana a livello nazionale».

CONTE BETTINI CONTE BETTINI

 

In realtà per la presentazione delle candidature secondo le tappe fissate da Enrico Letta mancano due mesi e mezzo. Ma sono sempre più i dem che vorrebbero accorciare i tempi. Anche Stefano Bonaccini, in procinto di scendere in campo, vorrebbe accelerare le assise nazionali per non lasciare il partito sospeso di qui alle primarie di marzo. E un segnale in questo senso potrebbe venire a breve se è vero, come dice più di un esponente del Pd, che l’assemblea nazionale di gennaio, che deve convocare il congresso, si terrà prima del previsto.

 

GIUSEPPE CONTE E GOFFREDO BETTINI ALLA CAMERA ARDENTE DI DAVID SASSOLI GIUSEPPE CONTE E GOFFREDO BETTINI ALLA CAMERA ARDENTE DI DAVID SASSOLI

 

Tornando a Schlein, l’ex vice di Bonaccini nella sua diretta delinea il tragitto che intende intraprendere: «Se si apre un’opportunità stiamo a guardare? No. Bisogna partecipare al percorso costituente del nuovo Pd perché possa prendere ampio spazio una nuova classe dirigente». L’obiettivo di Schlein è anche «scalzare le dinamiche di cooptazione che abbiamo visto spesso, non solo nel Pd». Sul tema delle alleanze la sua posizione non si discosta troppo da quella che il partito ha perseguito finora tentando l’aggancio con i 5 Stelle: «Il campo progressista — dice Schlein — è diviso e in crisi. È irresponsabile proseguire in queste divisioni, anche in vista degli appuntamenti regionali. Serve uno sforzo di tutti coloro che sognano di costruire un’alternativa progressista per incontrarsi su un terreno di battaglie condivise».

GOFFREDO BETTINI GIUSEPPE CONTE ARRIVANO ALLA CAMERA ARDENTE DI SASSOLI GOFFREDO BETTINI GIUSEPPE CONTE ARRIVANO ALLA CAMERA ARDENTE DI SASSOLI

 

 

È una posizione, questa, che accomuna Schlein alla sinistra interna di Orlando, che continua a dire «sì al dialogo con i 5 Stelle», anche se l’ex ministro del Lavoro, nel corso della presentazione del libro di Bettini, presente Conte, chiama l’applauso contro l’ex premier perché ha affossato Draghi. Conte comunque non esclude un riavvicinamento: «Se al congresso prevarrà la linea Bettini sarà facile ritrovarci». E l’autore del libro incassa quell’apertura.

GOFFREDO BETTINI - A SINISTRA DA CAPO GOFFREDO BETTINI - A SINISTRA DA CAPO

 

Ma la sinistra di Orlando e Bettini pur non pensandola diversamente da Schlein su alcuni punti non sembra avere intenzione alcuna di appoggiarla. E nell’attesa di capire il da farsi si oppone all’accelerazione dei tempi del congresso. Entusiasta di Schlein, invece, la sardina Mattia Santori: «L’adesione di Elly alla costituente del Pd è un toccasana per l’intero processo di rigenerazione e una garanzia per tutti quelli che aspettavano sull’uscio».

bettini orlando bettini orlando giuseppe conte alle agora di bettini giuseppe conte alle agora di bettini

 

Condividi questo articolo

politica

I "KAMICAZZONI" DELLA MELONI - L'"IDEOLOGO" SOTTOSEGRETARIO ALLA PRESIDENZA FAZZOLARI ATTACCA LA BANCA D'ITALIA. IL PRESIDENTE DEL SENATO LA RUSSA TRA IL SERIO E IL FACETO SE LA PRENDE CON IL CAPO DELLO STATO. CROSETTO INVOCA "IL MACHETE" PER DISBOSCARE GLI ALTI RAMI DELLA BUROCRAZIA. URSO TRATTA CON I BENZINAI E QUELLI SCIOPERANO LO STESSO. SONO I CAMPIONI DEL "TIRO ALLA GIORGIA". MIRANO, TIRANOE CENTRANO LA PREMIER-BERSAGLIO. A CUI TOCCA DALL'INDOMANI METTERSI PAZIENTEMENTE A RAMMENDARE…"

RENZI, SEGNATI QUESTA: “LA SATIRA È ESPRESSIONE DI LIBERTÀ DEMOCRATICA E UN UOMO POLITICO DEVE SEMPRE TOLLERARLA” – MATTEUCCIO PERDE LA CAUSA E DOVRÀ RISARCIRE CON 42MILA EURO MARCO TRAVAGLIO PER IL CELEBRE ROTOLO DI CARTA IGIENICA CON SOPRA LA FACCIA DELL’EX PREMIER COMPARSO IN DIRETTA TV ALLE SPALLE DEL DIRETTORE DEL FATTO - RENZI AVEVA CHIESTO 500MILA EURO PER DANNI. IL TRIBUNALE GLI HA DATO TORTO ACCUSANDOLO ANCHE DI AVER ABUSATO DELLO STRUMENTO PROCESSUALE – COSA DICE LA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA: "LA SATIRA AI POLITICI E' L'ANIMA DELLA DEMOCRAZIA" - VIDEO