“SERVE UN PIANO EUROPEO DI RAZIONAMENTO DEL GAS, NON C'È ALTRO DA FARE CHE LIMITARE I DANNI” – IL CONSULENTE GIANCLAUDIO TORLIZZI: “GLI AUMENTI CONTINUERANNO E NON POTREMO REGGERLI. VANNO FERMATI I SETTORI ENERGIVORI NON STRATEGICI, GARANTENDO POI INDENNIZZI, E OBBLIGARE I CITTADINI A RIDURRE I CONSUMI - LA GUERRA ENERGETICA CON PUTIN È PERSA: LE SANZIONI SONO STATE UN'ILLUSIONE - SI È FATTA TROPPA IDEOLOGIA SULLA SVOLTA GREEN E LA STIAMO PAGANDO: LE RINNOVABILI NON SONO ANCORA IN GRADO DI SOSTITUIRE LE FOSSILI. DAVVERO QUALCUNO CREDE CHE TORNEREMO ALLE RELAZIONI PRE-INVASIONE E CHE SEDENDOCI ATTORNO A UN TAVOLO RIPORTEREMO IL GAS A 20 EURO AL MEGAWATTORA?"

Condividi questo articolo


Ga.Des. per “la Stampa”

 

GIANCLAUDIO TORLIZZI GIANCLAUDIO TORLIZZI

«Continuiamo ad eludere il problema: serve un piano europeo di razionamento del gas, nell'immediato non c'è altro da fare che limitare i danni. Gli aumenti continueranno e non potremo reggerli». Per Gianclaudio Torlizzi, fondatore della società di consulenza sulle materie prime T-Commodity, il peggio deve ancora venire: «Vanno fermati i settori energivori non strategici, garantendo poi indennizzi, e obbligare i cittadini a ridurre i consumi».

 

Il ministro Cingolani dice che le riserve basteranno.

«Ma avremo sempre bisogno dei flussi, ancora molto deludenti: Nord Stream 1 è al 20% della sua capacità. E poi il mercato è europeo: se anche l'Italia andasse in surplus, e non accadrà, dovrebbe poi redistribuire il gas in eccesso. Del resto se il prezzo continua a salire, significa che il mercato ha chiaro che le dinamiche resteranno sfavorevoli».

vladimir putin vladimir putin

 

A cosa si riferisce?

«Rischiamo stock bassissimi in pieno inverno, il che significa problemi a lungo termine.

Serviranno due-tre anni prima che gli accordi con i nuovi fornitori diano benefici. I mercati sanno che i governi hanno paura di fare quel che serve: il razionamento dei consumi. E lo fanno pagare».

 

Sta dicendo che la guerra energetica con Putin è persa.

«È così. Il mercato dell'energia era già in grossa sofferenza prima della guerra e non era in grado di sostenere un nuovo shock. Le sanzioni sono state un'illusione, così come lo è ora immaginare di risolvere trattando con Putin».

importazioni di gas russo in europa importazioni di gas russo in europa

 

Perché?

«Davvero qualcuno crede che torneremo alle relazioni pre-invasione e che sedendoci attorno a un tavolo riporteremo il gas a 20 euro al megawattora? È un wishful thinking. Europa e Usa possono solo coordinare le politiche energetiche. Il problema era e resta la bassa produzione: servono infrastrutture, rigassificatori, nuove estrazioni».

 

Non sta parlando di energie verdi.

«Si è fatta troppa ideologia e la stiamo pagando: le rinnovabili non sono ancora in grado di sostituire le fossili. Il Green Deal europeo è stato un atto ideologico e dirigista».

 

nord stream nord stream

Ma il Green Deal risponde all'enorme emergenza del cambiamento climatico.

«Sono processi lunghissimi, è assurdo pensare di risolvere così. L'impatto sull'ambiente è modestissimo. E intanto che l'Europa è così zelante benché produca meno del 10% delle emissioni, il resto del mondo va in un'altra direzione».

VLADIMIR PUTIN E IL GAS VLADIMIR PUTIN E IL GAS I GASDOTTI VERSO L EUROPA I GASDOTTI VERSO L EUROPA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - IL SISTEMA, PIÙ SECCO DI UN COLPO DI MANGANELLO, CON IL QUALE LA DUCETTA STA OCCUPANDO TUTTE LE CASELLE DEL POTERE NON S’ERA MAI VISTO, SOTTO NESSUN GOVERNO - UN'ABBUFFATA COMPULSIVA DI INCARICHI PER AMICI E FEDELISSIMI, SPESSO SENZA ALCUNA COMPETENZA, RIVINCITA DI UN'ESTREMA DESTRA SVEZZATA A PANE, LIVORE E IRRILEVANZA - LA PRESIDENZA DI FINCANTIERI, SEMPRE IN MANO A MILITARI O AMBASCIATORI, È STATA OFFERTA A BIAGIO MAZZOTTA SOLO PER RIMUOVERLO DALLA RAGIONERIA DELLO STATO - FABRIZIO CURCIO E' STATO SOSTITUITO ALLA PROTEZIONE CIVILE PER FAR POSTO A FABIO CICILIANO, DIRIGENTE MEDICO DELLA POLIZIA DI STATO, CHE GIORGIA MELONI HA MOLTO APPREZZATO NEL SUO RUOLO DI COMMISSARIO STRAORDINARIO PER L’EMERGENZA DI CAIVANO - A SETTEMBRE GIUSEPPE DE MITA, CARO AD ARIANNA E A MEZZAROMA, SARÀ PRONTO AD APPRODARE COME DG A SPORT E SALUTE, LA SOCIETÀ PUBBLICA CASSAFORTE DELLO SPORT 

DAGOREPORT - EIA EIA ALALA’, VENEZIA ECCOLA QUA: "IL POTERE ORACOLARE DEL CINEMA… SETTIMA ARTE O... DECIMA MUSA?" - CON L’AMPOLLOSISSIMA PRESENTAZIONE (CON PAUSE RITARDANTI E ACCELERAZIONI IMPROVVISE, PIÙ DA TURI PANDOLFINI CHE DA TURI FERRO), ABBIAMO FINALMENTE CAPITO PERCHÉ LA MELONA HA SPEDITO PIETRANGELO BUTTAFUOCO ALLA PRESIDENZA DELLA BIENNALE DARTE: SODDISFARE IL SUO ERUDITO TROMBONISMO DA MEGALOMANE D’ANNUNZIO SICULO-MUSULMANO - SEMMAI, CI CHIEDIAMO: PERCHÉ L’OTTIMO BARBERA, UNO DEI POCHI DIRETTORI DI SINISTRA CAPACE DI ORGANIZZARE UNA MOSTRA D’ARTE CINEMATOGRAFICA PIENA DI STAR E OTTIMI FILM, SI PIEGA AD ACCETTARE DI REGGERE PER DUE ANNI LA RASSEGNA VENEZIANA PRESIEDUTA DAL FILODRAMMATICO AEDO DELLA FUFFA CULTURALE DI DESTRA? – VIDEO STRACULT!

FLASH! – QUANTI VITTORIO FELTRI CI SONO IN CIRCOLAZIONE? DUE GIORNI FA, SU “IL TEMPO”, FELTRI1 HA ELOGIATO ROBERTO D’AGOSTINO PER IL SUO DOCU-FILM “ROMA SANTA E DANNATA”. PASSANO 48 ORE E SU “IL GIORNALE” SPUNTA IL FELTRI2 CHE, RISPONDENDO A UN LETTORE, ATTACCA DAGO PER LA POSIZIONE CRITICA DI DAGOSPIA VERSO IL GOVERNO MELONI: “SEDICENTE ESPERTI DI ARIA FRITTA”, “CORBELLERIE”, “RICOSTRUZIONI COMICHE”, “SULLA PAGINA SI RIVERSA BILE” – QUALE SARA’ IL FELTRI APOCRIFO: IL PRIMO O IL SECONDO? (MAGARI E’ SOLO UN CASO DI BIPOLARISMO SENILE)…

FLASH! – IL GOVERNO DUCIONI NON SA DOVE ARRAMPICARSI PER RACCATTARE SOLDI PER LICENZIARE LA LEGGE DI BILANCIO SECONDO LE DURISSIME REGOLE DEL NUOVO PATTO DI STABILITÀ (TAGLI DI 10/12 MILIARDI NEL BILANCIO PUBBLICO) - E LA FIAMMA TRAGICA DI PALAZZO CHIGI, NONOSTANTE IL FALLIMENTO DELLA TASSA SUGLI EXTRA-PROFITTI BANCARI, STAREBBE STUDIANDO UNA NUOVA IMPOSTA PER SPILLARE MILIARDI DI EURO A BANCHE E ASSICURAZIONI (PARE CHE NE AVREBBERO GIÀ PARLATO CON IL PRESIDENTE DELL’ABI, PATUELLI)….

FLASH! - L’IRRITAZIONE DI SERGIO MATTARELLA, PRESIDENTE DEL CSM, NON ACCENNA A DIMINUIRE PER IL RIFIUTO DI DIMETTERSI DALLA CARICA DI CONSIGLIERA DEL CSM DI ROSANNA NATOLI, AVVOCATA DI PATERNÒ (CATANIA) E VICE PRESIDENTE DIMISSIONARIA DELLA SEZIONE DISCIPLINARE (MOLTO AMICA DEL PRESIDENTE DEL SENATO IGNAZIO LA RUSSA, CHE A PATERNÒ HA IL SUO FEUDO ELETTORALE). E NULLA È SERVITO IL PRESSING DEL COLLE SUL VICEPRESIDENTE DEL CSM: FABIO PINELLI SI È LIMITATO A FARE IL PESCE IN BARILE CON NATOLI - LA PROSSIMA SETTIMANA È PREVISTA LA RESA DEI CONTI TRA SERGIONE E LO SFUGGENTE PINELLI…