“SERVE UN PIANO EUROPEO DI RAZIONAMENTO DEL GAS, NON C'È ALTRO DA FARE CHE LIMITARE I DANNI” – IL CONSULENTE GIANCLAUDIO TORLIZZI: “GLI AUMENTI CONTINUERANNO E NON POTREMO REGGERLI. VANNO FERMATI I SETTORI ENERGIVORI NON STRATEGICI, GARANTENDO POI INDENNIZZI, E OBBLIGARE I CITTADINI A RIDURRE I CONSUMI - LA GUERRA ENERGETICA CON PUTIN È PERSA: LE SANZIONI SONO STATE UN'ILLUSIONE - SI È FATTA TROPPA IDEOLOGIA SULLA SVOLTA GREEN E LA STIAMO PAGANDO: LE RINNOVABILI NON SONO ANCORA IN GRADO DI SOSTITUIRE LE FOSSILI. DAVVERO QUALCUNO CREDE CHE TORNEREMO ALLE RELAZIONI PRE-INVASIONE E CHE SEDENDOCI ATTORNO A UN TAVOLO RIPORTEREMO IL GAS A 20 EURO AL MEGAWATTORA?"

Condividi questo articolo


Ga.Des. per “la Stampa”

 

GIANCLAUDIO TORLIZZI GIANCLAUDIO TORLIZZI

«Continuiamo ad eludere il problema: serve un piano europeo di razionamento del gas, nell'immediato non c'è altro da fare che limitare i danni. Gli aumenti continueranno e non potremo reggerli». Per Gianclaudio Torlizzi, fondatore della società di consulenza sulle materie prime T-Commodity, il peggio deve ancora venire: «Vanno fermati i settori energivori non strategici, garantendo poi indennizzi, e obbligare i cittadini a ridurre i consumi».

 

Il ministro Cingolani dice che le riserve basteranno.

«Ma avremo sempre bisogno dei flussi, ancora molto deludenti: Nord Stream 1 è al 20% della sua capacità. E poi il mercato è europeo: se anche l'Italia andasse in surplus, e non accadrà, dovrebbe poi redistribuire il gas in eccesso. Del resto se il prezzo continua a salire, significa che il mercato ha chiaro che le dinamiche resteranno sfavorevoli».

vladimir putin vladimir putin

 

A cosa si riferisce?

«Rischiamo stock bassissimi in pieno inverno, il che significa problemi a lungo termine.

Serviranno due-tre anni prima che gli accordi con i nuovi fornitori diano benefici. I mercati sanno che i governi hanno paura di fare quel che serve: il razionamento dei consumi. E lo fanno pagare».

 

Sta dicendo che la guerra energetica con Putin è persa.

«È così. Il mercato dell'energia era già in grossa sofferenza prima della guerra e non era in grado di sostenere un nuovo shock. Le sanzioni sono state un'illusione, così come lo è ora immaginare di risolvere trattando con Putin».

importazioni di gas russo in europa importazioni di gas russo in europa

 

Perché?

«Davvero qualcuno crede che torneremo alle relazioni pre-invasione e che sedendoci attorno a un tavolo riporteremo il gas a 20 euro al megawattora? È un wishful thinking. Europa e Usa possono solo coordinare le politiche energetiche. Il problema era e resta la bassa produzione: servono infrastrutture, rigassificatori, nuove estrazioni».

 

Non sta parlando di energie verdi.

«Si è fatta troppa ideologia e la stiamo pagando: le rinnovabili non sono ancora in grado di sostituire le fossili. Il Green Deal europeo è stato un atto ideologico e dirigista».

 

nord stream nord stream

Ma il Green Deal risponde all'enorme emergenza del cambiamento climatico.

«Sono processi lunghissimi, è assurdo pensare di risolvere così. L'impatto sull'ambiente è modestissimo. E intanto che l'Europa è così zelante benché produca meno del 10% delle emissioni, il resto del mondo va in un'altra direzione».

VLADIMIR PUTIN E IL GAS VLADIMIR PUTIN E IL GAS I GASDOTTI VERSO L EUROPA I GASDOTTI VERSO L EUROPA

 

Condividi questo articolo

politica

“RENZI, COME CI SI SENTE ALLEGGERITI DI 42 MILA EURO?” - TRAVAGLIO GONGOLA DOPO LA DECISIONE DEL TRIBUNALE DI FIRENZE DI NON ACCOGLIERE LA QUERELA DI DIFFAMAZIONE DI MATTEUCCIO NEI CONFRONTI DI MARCOLINO PER VIA DI UN ROTOLO DI CARTA IGIENICA CON IMPRESSO IL VOLTO DELL’EX PREMIER – IL SENATORE SEMPLICE DI RIAD ANNUNCIA: “FARÒ APPELLO. SE PERDEREMO SI PAGA...” – RENZI, SEGNATI COSA DICE LA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA: "LA SATIRA AI POLITICI E' L'ANIMA DELLA DEMOCRAZIA" - VIDEO