“SOLO CON MATTARELLA POSSIAMO SUPERARE LO STALLO”: AVANZA L’IPOTESI DI UN BIS DEL PRESIDENTE - INDICATIVA IN TAL SENSO LA FRASE PRONUNCIATA OGGI DA SALVINI A PROPOSITO DELLA CANDIDATURA CASELLATI: “SOPRA DI LEI C’È SOLO MATTARELLA”. DICHIARAZIONI O MEZZE FRASI RACCOLTE IN TRANSATLANTICO DICONO: È IL MOMENTO DI MATTARELLA…

-

Condividi questo articolo


Marco Antonellis per tpi.it

 

Il presidente della Repubblica uscente Sergio Mattarella è sempre in campo, con 46 consensi raccolti oggi. È quello che emerge dalla lettura dei voti della quinta votazione, con il quorum ormai fissato a 505.

MATTARELLA BY OSHO MATTARELLA BY OSHO

 

Ma il comportamento in entrambi gli schieramenti non può non portare ad una riflessione ulteriore su Sergio Mattarella, Capo dello Stato uscente. I voti raccolti dal giurista siciliano sono stati 46, decisamente meno dei 166 di ieri. Ma lo schieramento progressista oggi non ha votato e quindi i consensi registrati nel pomeriggio sono facilmente ascrivibili al centrodestra e ad altri.

 

Come dire che se un domani si dovesse votare il bis di Mattarella, il Capo dello Stato uscente potrebbe raccogliere centinaia di voti, forte dell’appoggio da sempre avuto dallo schieramento di centrosinistra (che ricordiamo lo ha votato compatto nel 2015) al quale potrebbero aggiungersi voti provenienti da altre formazioni.

 

MATTARELLA BY OSHO MATTARELLA BY OSHO

Indicativa in tal senso la frase pronunciata oggi da Salvini a proposito della candidatura Casellati: “Sopra di lei c’è solo Mattarella”. E dopo questo voto, dichiarazioni o mezze frasi raccolte in Transatlantico dicono: è il momento di Mattarella, solo con lui possiamo superare lo stallo.

 

Peccato però che nessuno abbia ancora avvertito Mattarella della volontà di riproporlo al vertice della Repubblica Italiana. Perché è vero che, come fatto sapere ieri da fonti del Colle, il presidente in questi giorni non ha contatti di nessun tipo con nessuno. Ma un “pensiero” riguardo l’attuale situazione politica lo dovrà pur avere.

 

MATTARELLA BY OSHO MATTARELLA BY OSHO

In questo senso, chi lo conosce bene giura che il Capo (così lo chiamano nel palazzo dei Papi) sia a dir poco “sconcertato” dallo spettacolo che la politica sta offrendo in questi giorni al Paese. E non vorrebbe proprio che una classe politica tanto inadeguata lo “costringesse” alla fine a tornare sui suoi passi prolungandone la permanenza al Colle a scapito del mestiere di “nonno”.

 

Già, perché ancora oggi non ha la benché minima intenzione di tornare per un altro settennato alla guida della Repubblica Italiana: “Vuole godersi la vita da nonno e giocare con i nipotini”, spiega chi lo conosce bene. Insomma, al Quirinale sono “terrorizzati” che alla fine della fiera di fronte allo spettacolo che la politica sta dando al Paese non si potrà più dire di “no” e saranno costretti a restare in campo per chissà quanto altro tempo ancora. Una decisione che a quel punto sarebbe più subita che accettata.

 

 

mattarella meme 2 mattarella meme 2 mattarella meme 5 mattarella meme 5

 

Condividi questo articolo

politica

PROPORZIONALE, MICA MALE! – LETTA BOCCIA IL ROSATELLUM: “È UNA PESSIMA LEGGE ELETTORALE E VA CAMBIATA. IL NOSTRO COMPITO È QUELLO DI RIDARE AGLI ELETTORI IL RUOLO DI ARBITRO” – ENRICHETTO PUNTA AL PROPORZIONALE PER LIBERARSI DELL’ABBRACCIO LETALE CON GIUSEPPE CONTE, CHE CONTINUA A FARE IL GUASTAFESTE DEL GOVERNO. ANCHE SE IL SEGRETARIO DEM È CONVINTO CHE L’ESECUTIVO DURERÀ: “LA LOGICA È CHE SI VOTI ALLA SCADENZA NATURALE, MA STANNO AUMENTANDO LE FIBRILLAZIONI…”

LA MEZZA RETROMARCIA DI SILVIO NON CONVINCE NESSUNO – BERLUSCONI IERI È APPARSO AFFATICATO DALLE TENSIONI DEGLI ULTIMI GIORNI E HA PROVATO A CORREGGERE IL TIRO SULLA RUSSIA, PUR STANDO BEN ATTENTO A NON NOMINARE NÉ ATTACCARE L'AMICO PUTIN. NON A CASO SALVINI L’HA CHIAMATO PER RIBADIRE LA SINTONIA CON LE SUE POSIZIONI – SOLO LA GELMINI HA AVUTO IL CORAGGIO DI PRENDERE POSIZIONE, MA LA SUA NON È AFFATTO UNA POSIZIONE ISOLATA, COME SINTETIZZA BENE IL TWEET DEL DEPUTATO “ERETICO” ELIO VITO: “BERLUSCONI HA ROTTO IL CAZZO” - VIDEO

DRAGHI CONTINUA A CHIAMARE ZELENSKY: MA QUANDO VA A KIEV? – IL VIAGGIO DEL PREMIER IN UCRAINA ERA STATO VENTILATO, POI RIMANDATO E INFINE CONGELATO – IERI LA NUOVA TELEFONATA, IN CUI “MARIOPIO” HA RIBADITO IL SOSTEGNO ITALIANO E IL SÌ DI ROMA A NUOVE SANZIONI CONTRO LA RUSSIA – IL LEADER UCRAINO HA RISPOSTO CON LA SOLITA LISTA DELLA SPESA: “SPERO CHE L’ITALIA CONTINUI A SOSTENERCI CON I SISTEMI DI DIFESA E I DISPOSITIVI MILITARI CHE CI SERVONO, CHE CI AIUTI A DIVENTARE PAESE CANDIDATO A ENTRARE NELL’UE E CHE CI AIUTI A SBLOCCARE LE MERCI NEI PORTI…”