MAL DI MALINDI - IL BANANA E I SUOI CARI (FRANCESCA PASCALE E MARIAROSARIA ROSSI, BEN AMMAR E ALBERTO ZANGRILLO) TORNA IN KENIA, CHEZ BRIATORE - NON SARÀ CHE IL POMPETTA, IMPAURITO PER REPLICARE LE HARDCORE NIGHTS IN PATRIA, VUOLE DARSI ALLA SCOPATA SELVAGGIA LONTANO DA OCCHI INDISCRETI? - IL NUOVO BILLIONAIRE SORGERÀ IN UN'OASI ECOLOGICA PROTETTA (DAI PAPARAZZI)...

Condividi questo articolo


Massimo A. Alberizzi per il "Corriere della Sera"

Berlusconi a Malindi da BriatoreBerlusconi a Malindi da Briatore

Erano le otto del mattino (le sei in Italia) ieri quando il lussuoso Gulf Stream 5 di Silvio Berlusconi è atterrato all'aeroporto di Malindi sulla costa keniota. Dalla scaletta sono scesi prima di tutto il padrone di casa, Flavio Briatore, quindi l'ex presidente del Consiglio e poi Antonino Battaglia, Maurizio Cicero, Francesca Pascale, Mariarosaria Rossi, Dafni Di Boni, Giovanni Battista Gamondi, Giorgio Puricelli, Valentino Valentini, Tarak Ben Ammar, Alberto Zangrillo.

FRANCESCA PASCALEFRANCESCA PASCALE

Sono saliti al volo sulle automobili entrate per l'occasione sulla pista, e si sono diretti alla splendida villa che Briatore possiede a Malindi, il «Lion in the Sun» («Leone al sole»). Philip Chai, il manager dell'ex boss di Formula 1, ha confermato che gli ospiti rimarranno per una settimana. È la seconda volta nel giro di due mesi che Berlusconi scende a Malindi dove Briatore sta costruendo un altro Billionaire, un lussuosissimo resort per Vip che, a lavori terminati, sembra tra un paio di mesi, costerà poco meno di 5 milioni di euro.

Il nuovo complesso sorge su una spiaggia che fino a poco tempo fa era classificata come protetta perché utilizzata dalle tartarughe marine per deporre le uova. Secondo le autorità keniote, che l'hanno ceduta a Briatore, il contenzioso ecologico è stato risolto perché le costruzioni sono state allontanate dalla sabbia frequentata dalle testuggini. Ma gli ecologisti non sono d'accordo. Gli attivisti del Malindi Green Town e il loro presidente Godfrey Karume in una recente intervista al Corriere hanno promesso di fare tutti i passi legalmente possibili per impedire l'apertura del lussuoso villaggio l'anno prossimo.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

politica

DAGOREPORT - SOLO CON UN ACCORDO SUL DOPO-DRAGHI A PALAZZO CHIGI, POTRÀ SCATTARE IL SEMAFORO VERDE PER DRAGHI SUL COLLE. ED È L’UNICO MODO PER CONVINCERE SALVINI -  DOPODICHÉ BISOGNA ACCORDARSI CON BERLUSCONI PERCHÉ IL PD NON PUÒ TROVARE UN’INTESA SUL QUIRINALE SOLO CON LA DESTRA DELLA LEGA SENZA IL CENTRO DI FORZA ITALIA - IL PREMIER DEL DOPO-DRAGHI DEVE ESSERE UN POLITICO AL DI SOPRA DELLE PARTI MA UN DRAGHI 2 NON C’È. I COLAO STANNO ALLA POLITICA COME ROCCO SIFFREDI ALLA FILOSOFIA - IL BANANA VUOLE CONTRATTARE CON SALVINI E MELONI LA PERSONA DA PROPORRE. AL MOMENTO, LA PRIMA SCELTA È IL LEGGENDARIO MATTARELLA BIS, A SEGUIRE CASINI CHE È PERÒ MALVISTO DA GIORGIA E MATTEO POICHÉ PIERFURBY È IN PARLAMENTO CON I VOTI DEL PD...

IL VOTO PER IL QUIRINALE È L’ENNESIMA OCCASIONE PERDUTA PER I PARTITI – GALLI DELLA LOGGIA E LE TRAME SOTTOBANCO PER ELEGGERE IL CAPO DELLO STATO: “PUÒ UNA DEMOCRAZIA FUNZIONARE IN QUESTO MODO? PUÒ IN UNO DEI MOMENTI PIÙ CRUCIALI DELLA VITA PUBBLICA SCEGLIERE IL SILENZIO ELUSIVO, LE ALLUSIONI, LE STRIZZATE D'OCCHIO, I MESSAGGI INDIRETTI?” – M. FELTRI: “ALLO STATO ABBIAMO UN PIANO A, ALMENO CINQUE PIANI B, FORSE QUATTRO PIANI C, IN ARRIVO È IL PIANO D E DITEMI VOI SE QUESTO NON È UN FIOR DI RETROSCENA”