MARÒ GLACÉ - PENA DI MORTE O NO, GIRONE E LATORRE NON AVRANNO UNA SENTENZA PRIMA DI DUE O TRE ANNI

Il Ministero degli Interni, che chiede il pugno di ferro, e quello degli Esteri di New Delhi, che cerca una soluzione soft, battagliano sul destino dei marò - Anche se la vita dei due fucilieri è in mano alla magistratura - Ma non era meglio trattenerli in Italia, a dicembre dell’anno scorso?...

Condividi questo articolo

Francesca Paci per "La Stampa"

Esiste davvero il rischio che Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i marò trattenuti in India dal febbraio 2012 con l'accusa di aver ucciso due pescatori al largo del Kerala, siano giustiziati, come ventilato dall'«Hindustan Times»?

TERZI E MAROTERZI E MARO

Il ministro degli Esteri italiano Emma Bonino esclude la possibilità della pena capitale avanzata dal quotidiano di Delhi, che ieri mattina aveva anticipato l'esito dell'inchiesta consegnata dalla polizia investigativa (National Investigation Agency) al ministero dell'Interno nella quale, in base a una dura legge contro la pirateria del 2002, sarebbe prevista la condanna a morte.

E il governo guidato dal premier Manmohan Singh conferma, smentendo l'ipotesi d'un epilogo tragico (ma non la notizia dell'«Hindustan Times») perché, come già affermato il 22 marzo dal ministro degli Esteri Salman Khushid, la pena capitale si applica solo «nei casi rari tra i più rari».

Eppure, interpellato da «La Stampa», il giornalista autore del retroscena insiste che la storia non è affatto chiusa perché la Corte, a cui spetta l'ultima parola, è indipendente dalla volontà politica.

Massimiliano Latorre e Salvatore GironeMassimiliano Latorre e Salvatore Girone

La giornata più lunga della diplomazia italo-indiana inizia con lo scoop dell'«Hindustan Times», secondo cui la Nia avrebbe deciso di applicare ai due fucilieri della petroliera Enrica Lexie la «Legge per la repressione degli atti illeciti contro la sicurezza della navigazione marittima e le strutture fisse sulla piattaforma continentale» (Sua Act), l'unica che l'India può far valere al di fuori delle sue acque territoriali (l'incidente è avvenuto oltre, a 20,5 miglia dalla costa).

I DUE MARO GIRONE E LATORREI DUE MARO GIRONE E LATORRE

A reagire per prima è la Bonino che chiarisce come la possibilità della condanna a morte sia stata già «ufficialmente esclusa» e, poco dopo, l'inviato del governo Staffan De Mistura, interlocutore principale di Delhi durante l'intera vicenda, ribadisce che Roma aspetta «con grande attivismo e non con passività» preparando «strategie e contromosse adeguate nel caso in cui si passi da uno scenario a un altro».

DANIELE MANCINI TRA SALVATORE GIRONE E MASSIMILIANO LATORRE jpegDANIELE MANCINI TRA SALVATORE GIRONE E MASSIMILIANO LATORRE jpeg

L'India dal canto suo rassicura la Farnesina che Latorre e Girone non rischiano la vita, aggiungendo, scrive il sito dell'«Economic Times», di voler chiedere un parere legale alla Procura Generale. Ma il caso ormai è esploso e non solo a Montecitorio, dove il presidente di Fratelli d'Italia Ignazio La Russa chiede fermezza anche a costo di ritirare l'Italia dalle missioni internazionali.

Emma BoninoEmma Bonino

A spiegarci l'imbarazzo in cui si trova al momento Delhi è Saikat Datta, l'esperto di sicurezza nazionale dell'«Hindustan Times» che ha firmato il retroscena di ieri: «Esiste un contrasto tra il ministero degli Esteri indiano e il ministero dell'Interno, il primo vorrebbe che i marò fossero giudicati con l'articolo 304 A del codice penale di omicidio colposo, un'accusa che non prevede la pena capitale, mentre il secondo e la polizia investigativa li hanno giudicati con il Sua Act, in base al quale la condanna per chi causa morte è la morte».

emma boninoemma bonino

Datta aggiunge che adesso la palla non è in mano alla politica ma alla magistratura, il cui verdetto potrebbe arrivare anche tra due o tre anni: «In India è la Corte ad avere l'ultima parola sull'innocenza o la colpevolezza dei marò e a decidere l'eventuale entità della pena da assegnare. Il fatto che sia stato applicato loro il Sua Act complica le cose perché, per quanto ne sappia, non prevede nulla di meno della pena capitale per chi ha ucciso». Il governo di Delhi, comunque, garantisce il suo impegno a rispettare la parola data sulla vita di Latorre e Girone.

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

LA PACCHIA E' FINITA, CONTE INGOIA IL PRIMO MAXI-ROSPO: ADDIO ALLA GESTIONE IN SOLITUDINE DEL RECOVERY FUND - CON LA LAMA SUL COLLO, “GIUSEPPI” VIENE COSTRETTO A UNA GESTIONE COLLEGIALE DEI FINANZIAMENTI UE: LA GESTIONE SARA' NELLE MANI DI UNA CABINA DI REGIA FORMATA DAL MES DI GUALTIERI, DAL MISE DI PATUANELLI E DA AMENDOLA: 2 DEL PD E UNO DEL M5S, CHE SCEGLIERANNO SEI MANAGER, POI COADIUVATI DA UNA TASK FORCE DI 300 PERSONE - IN ATTESA DI UNA PANDEMIA PIATTA E VACCINATA CHE PERMETTA DI LIQUIDARLO, IL PREMIER PER CASO VIENE "COMMISSARIATO" DAI PARTITI DI GOVERNO

QUI C’È PUZZA DI PATRIMONIALE - SCATENA IL PUTIFERIO L’EMENDAMENTO ALLA MANOVRA DI BILANCIO DI FRATOIANNI E FIRMATA DALLA SINISTRA PD (TRA CUI ORFINI) CHE INTRODURREBBE UNA PATRIMONIALE OLTRE 500MILA EURO – SE PER FORZA ITALIA E' UNA “RAPINA DELLA SINISTRA'', NEL PD REGNA L’IMBARAZZO. POI  ARRIVA DI MAIO E BLOCCA TUTTO: "NIENTE PATRIMONIALE, VIA PICCOLE TASSE..." - DAGO: LA PATRIMONIALE SAREBBE UN COLPO PESANTE PER L'ECONOMIA, GIA' A PEZZI COL COVID, E UN SUICIDIO PER I PARTITI AL GOVERNO VISTO CHE FRA POCHI MESI SI ANDRA' A VOTALE PER I SINDACI DI MILANO, ROMA, NAPOLI, TORINO...

I POLIZIOTTI PESTANO UN ''NERONE'', MACRON PESTA UN MERDONE - VIDEO: IL PRODUTTORE RAP MICHEL ZECLER VIENE PICCHIATO SELVAGGIAMENTE DA 4 AGENTI. ''MI DICEVANO 'SPORCO NEGRO'''. POTEVA ESSERE LA SUA PAROLA CONTRO LA LORO, MA LE TELECAMERE DI SORVEGLIANZA HANNO CONFERMATO LA SUA VERSIONE - MACRON HA PROPOSTO UNA LEGGE CHE LIMITI LA DIFFUSIONE DELLE IMMAGINI DI INTERVENTI DI POLIZIA, CHE SI COMPORTA A VOLTE IN MODO VIOLENTO CON GILET GIALLI E MANIFESTANTI. ORA IL PRESIDENTE È NEI GUAI