NEMMENO I VASSALLI DI PUTIN POSSONO STARE AL SICURO – SECONDO UN CENTRO STUDI AMERICANO, IL CREMLINO STAREBBE VALUTANDO DI “ELIMINARE” IL PRESIDENTE BIELORUSSO ALEXANDER LUKASHENKO, O COSTRINGERLO A COLLABORARE CON UN FALLITO ATTENTATO: L’OBIETTIVO È INTIMIDIRE IL DITTATORE DI MINSK, E SPINGERLO A ORDINARE ALLE SUE TRUPPE DI IMPEGNARSI DIRETTAMENTE NELLA GUERRA IN UCRAINA…

-

Condividi questo articolo


putin si aggrappa alla sedia durante l incontro con lukashenko putin si aggrappa alla sedia durante l incontro con lukashenko

(ANSA) - Il Cremlino ha preso una decisione su una "soluzione" radicale al problema di trascinare la Bielorussia nella guerra in Ucraina: eliminare il presidente Alexander Lukashenko, o comunque costringerlo a collaborare con un fallito attentato: lo scrive il centro studi statunitense Robert Lansing Institute, che cita fonti nella leadership militare russa.

 

"Su istruzioni del presidente russo Vladimir Putin al suo ritorno dall'ultimo vertice CSTO (l'Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva, ndr), l'intelligence militare russa potrebbe tentare nei prossimi giorni di perseguire uno scenario che preveda un attentato al presidente bielorusso Alexander Lukashenko, o una sua imitazione con l'obiettivo di intimidirlo e spingerlo a ordinare finalmente alle sue truppe di impegnarsi direttamente nella guerra contro l'Ucraina, al fianco delle truppe russe", afferma l'istituto in un articolo pubblicato sul suo sito web.

 

ALEKSANDR LUKASHENKO VLADIMIR PUTIN ALEKSANDR LUKASHENKO VLADIMIR PUTIN

L'intelligence militare russa (GRU) sta esaminando lo scenario che prevede l'uccisione di Lukashenko, a seguito della quale le sue funzioni sarebbero affidate al Segretario Generale del CSTO, Sanislav Zas, uomo fedele alla Russia e sotto il controllo del GRU. Secondo il complotto, Zas dichiarerebbe poi l'adesione della Bielorussia alla Russia come entità autonoma, presumibilmente per prevenire la minaccia militare dell'Ucraina e della Polonia.

 

ALEKSANDR LUKASHENKO VLADIMIR PUTIN 1 ALEKSANDR LUKASHENKO VLADIMIR PUTIN 1

Verrebbe quindi "riproposta una narrazione propagandistica secondo cui l'attentato a Lukashenko è stato architettato da Washington", sottolinea l'istituto. In entrambi gli scenari - sia che si tratti di un attentato, sia di un fallito attentato a Lukashenko - verrebbero presentate "prove" inventate del "coinvolgimento dell'Ucraina e della Polonia sotto la guida dell'intelligence della Nato", che offrirebbero un pretesto formale per la partecipazione delle truppe bielorusse alle operazioni di combattimento sul territorio ucraino.

putin lukashenko putin lukashenko ALEKSANDR LUKASHENKO VLADIMIR PUTIN 2 ALEKSANDR LUKASHENKO VLADIMIR PUTIN 2 vladimir putin alexander lukashenko 2 vladimir putin alexander lukashenko 2 vladimir putin alexander lukashenko 1 vladimir putin alexander lukashenko 1 Nikol Pashinyan - Alexander Lukashenko - Vladimir Putin - Sadyr Japarov - Kassym-Jomart Tokaev - Emomali Rahmon Nikol Pashinyan - Alexander Lukashenko - Vladimir Putin - Sadyr Japarov - Kassym-Jomart Tokaev - Emomali Rahmon

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT – GIORGIA MELONI HA DECISO DI TAGLIARE DEFINITIVAMENTE LE VECCHIE RADICI (EURO-SCETTICISMO E SOVRANISMO): STA TRATTANDO UN’ALLEANZA TRA IL SUO GRUPPO ECR, CONSERVATORI E RIFORMISTI, E IL PPE IN VISTA DELLE ELEZIONI EUROPEE DEL 2024 – A NEGOZIARE CON BRUXELLES CI PENSA IL MINISTRO DEGLI ESTERI, ANTONIO TAJANI, GRANDE AMICO DEL PRESIDENTE DEL PPE MANFRED WEBER (BERLUSCONI, CHE SOGNAVA DI TRAGHETTARE GLI EX MISSINI NEL SALOTTO DEMOCRATICO EUROPEO, E' STATO SCAVALCATO) - NUOVO RAPPORTO TRA GIORGIA E URSULA CHE SOGNA LA RICONFERMA COME PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE – L’OSTACOLO POLACCO E I SOCIALISTI FIACCATI DAL QATARGATE

SAPETE QUAL ERA IL MITO DI GIORGIA MELONI AI TEMPI DEL LICEO? MICHAEL JACKSON -  A “UN GIORNO DA PECORA” LE RIVELAZIONI DI UNA EX COMPAGNA DEL LICEO DELLA DUCETTA: “IL SUO BRANO PREFERITO ‘MAN IN THE MIRROR’. A 16 ANNI, ANDAMMO A UN SUO CONCERTO A ROMA. PRIMA PROVAMMO A VEDERLO SOTTO L’HOTEL IN CUI SOGGIORNAVA, LEI ERA EMOZIONATISSIMA – A SCUOLA LA CHIAMAVAMO PER COGNOME, ‘LA MELONI’. ERA L’UNICA CHE DOVEVA LAVORARE PER AIUTARE A CASA. MA ERA UNA SECCHIONA “AVEVA LA MEDIA DEL 9”

“PURTROPPO SONO STATO SCELTO PER RIMANERE. NON CAPISCO IL MOTIVO DELLA MIA VITA" - NEL GIORNO DELLA MEMORIA PARLA IL SOPRAVVISSUTO ALLA SHOAH SAMI MODIANO: "QUANDO ERO PRIGIONIERO A BIRKENAU DIVERSE VOLTE SAREI DOVUTO ENTRARE NELLE CAMERE A GAS E PER UN MOTIVO O L'ALTRO NON SONO ENTRATO. HO PROVATO UN SENSO DI COLPA, MI DICEVO: MA COME, HAI LASCIATO TUTTI DALL'ALTRA PARTE E SEI RIMASTO QUI?" - IL RICORDO DELLA SUA VISITA A BIRKENAU E LO STRAZIANTE DOCUMENTARIO DI WALTER VELTRONI “TUTTO DAVANTI A QUESTI OCCHI" (VIDEO)