NIENTE GREMBIULINI AL CAMPIDOGLIO (E CHI CI RIMANE?) - AL VIA LE CANDIDATURE DEL M5S, IL DIKTAT DI GRILLO: PER ASPIRARE ALLA POLTRONA DI PRIMO CITTADINO NON BISOGNA ESSERE ISCRITTI ALLA MASSONERIA - NO AD ALLEANZE CON LISTE CIVICHE - - -

Grillo lancia la corsa per scegliere il candidato sindaco del M5s a Roma - Tra i requisiti oltre alla non-affiliazione alla massoneria, c’è la non-iscrizione a un partito politico, il non aver ricevuto condanne penali, anche solo in primo grado - “Consigliamo agli intrusi di destra e sinistra di farsi da parte”... -

Condividi questo articolo


GRILLO M5S GRILLO M5S

1. IL DIKTAT DI GRILLO: NIENTE MASSONI AL CAMPIDOGLIO

Da “il Giornale”

 

Niente massoni. Questo uno dei prerequisiti previsti dal M5s per le candidature grilline al comune di Roma. Nel modulo di iscrizione, scaricabile dal blog di Beppe Grillo, si legge: “ogni candidato non dovrà essere iscritto ad associazioni massoniche”.

 

Un “paletto” già fissato dal M5s e ribadito con “niente alleanze con liste civiche”. Altra condizione che riguarda i partecipanti alle primarie, la residenza. “Per le elezioni dei capoluoghi di provincia, i candidati dovranno risiedere in uno dei comuni appartenenti a quella provincia”

 

2. GRILLO LANCIA LA CORSA: POSSIAMO PRENDERE ROMA E LE CITTÀ

Francesco Maesano per “la Stampa”

GRILLO GRILLO

 

Dunque a Roma il M5S fa sul serio. Per alcuni Grillo e Casaleggio avrebbero pensato a lungo di smarcarsi dalla partita per succedere a Ignazio Marino, considerata troppo rischiosa in caso di presa del Campidoglio con una città difficilissima da gestire e ancor di più da rilanciare in modo credibile. Una sfida complicata da raccogliere soprattutto considerando che le Politiche, poi, sarebbero a un passo.
 

Eppure ieri sul blog di Grillo, che dovrebbe partecipare in prima persona alla campagna di Roma, è comparso un lungo post che traccia le linee per la partecipazione alle primarie.

 

alessandro di battista alessandro di battista

Una "nazionalizzazione" della scelta che va incontro alle richieste, venute soprattutto dal Senato, di rendere una questione di interesse complessivo del Movimento, e non solo locale, la scelta del candidato per Roma. Tanto che s' era quasi deciso di aprire la selezione al voto di tutti gli attivisti del paese, ipotesi che nella serata di ieri ha improvvisamente perso quota in favore di una consultazione che pare resti circoscritta ai gruppi attivi a Roma.
 

«Se lo facciamo per Roma lo facciamo anche per le grandi città», era stata l' eccezione sollevata dai parlamentari campani che ancora non hanno trovato la quadra per trovare il nome buono a Napoli e temevano di creare un precedente.
 

campidoglio campidoglio

Dunque dal 24 novembre al 4 dicembre il M5S accetterà le candidature per la corsa a sindaco di Roma. Oltre alla presentazione del certificato penale e dei carichi pendenti, i candidati dovranno firmare l' accettazione del regolamento che prevede, tra le altre cose, l' impegno a rimettere il mandato elettorale in caso di perdita dei requisiti richiesti.
 

Tra questi c' è la non-affiliazione alla massoneria, la non-iscrizione a un partito politico, il non aver ricevuto condanne penali, anche solo in primo grado e il non aver svolto più di un mandato elettorale. Consentita la candidatura, nei comuni capoluogo di provincia, ai non residenti nella circoscrizione stessa, purché risiedano all' interno del territorio provinciale.
 

Tanti paletti per ribadire lo spirito movimentista e per scongiurare l' assalto alle liste Cinquestelle. «Non accettiamo indagati o condannati e tanto meno esponenti di altri partiti. Quindi consigliamo agli intrusi di destra e sinistra di farsi da parte», spiega in chiusura il post, dando voce al timore di tanti parlamentari che temono l' infiltrazione qua e là di pezzi del ceto politico esistente.

ALESSANDRO DI BATTISTA ALESSANDRO DI BATTISTA

 

 

Condividi questo articolo

politica

MANOVRA DELLE MIE BRAME: CHI HA SBAGLIATO DI PIU’ NEL REAME? MELONI E SALVINI - LE BOCCIATURE DI BANKITALIA, CNEL E CORTE DEI CONTI ALLA FINANZIARIA DEL CENTRODESTRA VERTONO SU QUATTRO PUNTI (POS E CONTANTE, FISCO, REDDITO DI CITTADINANZA E RIDUZIONE DEL DEBITO), TRE DEI QUALI HANNO LE IMPRONTE DIGITALI DI SALVINI (E GIORGIA NON SI SMARCA) - FITTO, IN ROTTA CON SALVINI, NON SA COME SPIEGARE A BRUXELLES CHE IL PNRR E’ IN ALTO MARE - BISOGNA SEMPLIFICARE IL CODICE DEGLI APPALTI: DRAGHI AVEVA MOBILITATO IL CONSIGLIO DI STATO, IL CAPITONE VUOLE RISOLVERE “CON L’ACCETTA” (ED E' FINITA A SCHIFIO)

AMATO-MELILLO, CHE DUELLO SULL’ANTIMAFIA! ALL’AUDITORIUM DI ROMA, DURANTE LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ALESSANDRO BARBANO, IL DOTTOR SOTTILE CHE DA EX PREMIER FIRMÒ LE LEGGI SPECIALI CONTRO LA MAFIA HA AMMESSO CHE L’ORDINAMENTO GIUDIZIARIO HA “PASSATO IL SEGNO”. TOTALMENTE OPPOSTA LA POSIZIONE DEL PROCURATORE NAZIONALE, CONTRARIO ALL’IDEA DI COMPRIMERE L’AZIONE DEGLI INQUIRENTI – IN PLATEA ANCHE GIANNI LETTA, PAOLO SAVONA, CARLO CALENDA, MARIA ELENA BOSCHI, MATTEO RICHETTI, RENATO BRUNETTA…