OVVIAMENTE IL QUIRINALE SMENTISCE LA TELEFONATA DELLA MERKEL ''DELUSA'' DALLA NOMINA DI GIGGINO DI MAIO AL MINISTERO DEGLI ESTERI: ''NON È AVVENUTA ALCUNA TELEFONATA TRA IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA E LA CANCELLIERA MERKEL''

- -

 

- -

 

-

Condividi questo articolo

In riferimento a questo articolo,

 

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/flash-cancellerie-allarme-vogliono-cancellare-maio-ministero-212835.htm

 

 

riceviamo e pubblichiamo dall'Ufficio Stampa del Quirinale:

 

mattarella merkel mattarella merkel

In riferimento alla notizia apparsa sul vostro sito ieri 4 settembre, alle ore 15.43, l'Ufficio Stampa del Quirinale precisa che non risponde a verità la notizia che la Cancelliera Angela Merkel abbia telefonato al Presidente Mattarella per lamentarsi della scelta del Ministro degli Esteri.

 

L'Ufficio Stampa del Quirinale precisa altresì che non è avvenuta alcuna telefonata tra il Presidente della Repubblica e la Cancelliera Merkel

 

 

 

sergio mattarella luigi di maio sergio mattarella luigi di maio

Ufficio Stampa della Presidenza della Repubblica

 

Condividi questo articolo

politica

GENDARMI IMPROPRI - IL PAPA ACCETTA LE DIMISSIONI DI DOMENICO GIANI, DA 20 ANNI A CAPO DELLE GUARDIE VATICANE. ACCUSATO DI AVER DIFFUSO IL DOCUMENTO DELLE INDAGINI SULLE SPERICOLATE OPERAZIONI IMMOBILIARI E PETROLIFERE PAGATE CON L'OBOLO DI SAN PIETRO (QUEL FOGLIO È STATO INVIATO A 500 GENDARMI…), C’È CHI SOSPETTA CHE LA DIFFUSIONE FOSSE PROPRIO UN MODO PER COLPIRE IL COMANDANTE. L’AVER CONDOTTO INDAGINI E PERQUISIZIONI, IN QUESTI ANNI, GLI HA PROCURATO MOLTI NEMICI INTERNI…

VIDEO: IL LINCIAGGIO DELLA IENA FILIPPO ROMA ALLA FESTA DEI 5 STELLE, COLPITO DA SCHIAFFI E PUGNI E POI SALVATO DALLA POLIZIA - TRA CHI INVEISCE C'È ANCHE UNA CONSIGLIERA COMUNALE DI ROMA, CRISTIANA PACIOCCO, CHE URLA ''VERGOGNA VERGOGNA'', FA AVVICINARE LA IENA ALLA GRATA MENTRE UN SUO AMICO PROVA A MENARLO - PERCHÉ DI MAIO NE' IL MOVIMENTO DICONO UNA PAROLA SUI PICCHIATORI A 5 STELLE? L'INVIATO VOLEVA CHIEDERE CONTO ALLA RAGGI DELLO SCANDALO RIFIUTI, OVVERO FACEVA IL SUO LAVORO