1. PERCHÉ TIRA ARIA DI PRE-CONCLAVE NELLE SEGRETE E OSCURE STANZE VATICANE? 2. GLI ADDETTI AI LIVORI DI OLTRETEVERE SONO STRASICURI CHE BERGOGLIO PRESTO PASSERA’ LA MANO, DIMISSIONANDOSI COME HA FATTO RATZINGER. E IN TANTI SONO PRONTI A SCOMMETTERE PORPORE E DENARI CHE IL PROSSIMO PAPA SARÀ ANGELO SCOLA 3. IL PONTEFICE ARGENTINO PIACE ALLE FOLLE MA NON RIESCE A CONTROLLARE LA CURIA: ALL’ULTIMO SINODO NON L’HANNO SEGUITO NEANCHE I CAPI DICASTERO A LUI FEDELI E POI I VESCOVI LI “CONTROLLA” IL CARDINALE MARC OUELLET, FEDELISSIMO DI ANGELO SCOLA 4. NEI CORRIDOI DEI PALAZZI TUTTI HANNO IMPARATO L’ANTIFONA: O SEI AMICO DEL PAPA O DEVI VENIRE A PATTI CON QUALCHE CORDATA CHE CONTA, NAVIGANDO TRA I DUE CHE OGGI PESANO TANTO IN VATICANO: IL BERTONIANO DI FERRO ANGELO BECCIU, IL SOSTITUTO ALLA SEGRETERIA DI STATO, E LEONARDO SAPIENZA, REGGENTE DELLA CASA PONTIFICIA NOMINATO DA RATZINGER 5. LA FEBBRE DELLE DIMISSIONI PARE ABBIA CONTAGIATO ANCHE MATTHEW FESTING, 70° GRAN MAESTRO DEL SOVRANO ORDINE MILITARE DI MALTA: STA PER MOLLARE L’OSSO

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

Papa Bergoglio Papa Bergoglio

Altro che tramontana. Oltretevere tira già aria di preconclave. Date retta agli scafati interpreti che nei sacri palazzi, per giorni e giorni,  si sono applicati a decrittare – parola per parola, sillaba per sillaba - l’intervista al Corsera del cardinale Camillo Ruini.

 

Rileggetevela, orsù. Proprio là, dove “Eminence” negava che i cardinali più tradizionalisti si siano recati alla corte di Ratzinger per pietire indicazioni utili a sabotare il sinodo di Francesco, Ruini ha confessato che qualcuno da Benedetto XVI ci è andato davvero: proprio lui. A settembre. Giusto prima del sinodo.

 

RATZINGER RATZINGER

Disattenzione di vegliardo? O prosopopea di chi è sempre alla regia di tutto, e ci tiene gagliardamente a farlo sapere al mondo? Mettetela come vi pare: avrà pure 83 anni suonati, ma il suo operato dietro le quinte è sempre il più intelligente (e il più pericoloso). Ormai tutti sanno che Bergoglio presto o tardi rinuncerà al soglio.

 

CAMILLO RUINI SUPERSTAR CAMILLO RUINI SUPERSTAR

E in Vaticano c’è già chi punta sul bis in idem: come Francesco è stato bocciato nel 2005, ed eletto papa nel 2013, forse anche colui che è stato bocciato nel 2013 ha qualche speranza di diventare papa tra non molto. E parliamo del candidato che attualmente è considerato da Ruini il male minore, Angelo Scola, ex patriarca di Venezia, oggi arcivescovo di Milano. Sissignori.

 

MONSIGNOR BECCIU MONSIGNOR BECCIU

Proprio quello Scola che il 12 settembre ha aperto la campagna elettorale presentando a Milano il libro di Massimo Franco su papa Francesco. E che con aria angelica, ogni volta che transita dalle parti di San Pietro, assicura a tutti di non sapere nulla dei pasticci veneziani del Mose. Vade retro! 

E allora andiamoci pure, nelle retrovie.

Dove la situazione è la seguente.

 

Bergoglio piacerà pure alle folle, ragazzi, ma perde sempre più colpi nella gestione della curia. Ruini o non Ruini, lo si è visto bene all’ultimo sinodo: il papa non l’hanno seguito nemmeno i suoi più fedeli capi dicastero, in primis il cardinale australiano George Pell, quello che “i preti pedofili” sono come “i camionisti che molestano le autostoppiste”.

Cardinale Marc Ouellet Cardinale Marc Ouellet

 

Quanto poi alla fabbrica dei vescovi: chi la tiene in pugno? Non certo Francesco, suvvia, ma il cardinale Marc Ouellet. Un fedelissimo dell’aspirante papa di cui sopra, cioè di Scola, con la sua corte di ciellini che finalmente vantano a Milano, grazie a lui, il loro primo vescovo, un ausiliare, nella persona del cappuccino Paolo Martinelli. 

 

Sembra di tornare agli ultimi tempi del regno di Ratzinger.

SINODO DEI VESCOVI SINODO DEI VESCOVI

Ormai nemmeno le cariche più esigue, nemmeno le pedine più piccole dello scacchiere vaticano vengono giocate senza secondi, e terzi, e quarti fini. Tanto che nei corridoi dei palazzi ormai tutti hanno imparato l’antifona: o sei amico personale del papa, oppure devi venire a patti con qualche cordata che conta, navigando accorto tra Scilla e Cariddi.

 

Ossia tra Angelo Becciu, il sostituto alla segreteria di Stato, un bertoniano tuttora di ferro, e Leonardo Sapienza, il reggente della casa pontificia nominato nel 2012 da Benedetto XVI. Sono loro, oggi, che nel Vaticano di Francesco decidono tutto di tutto. Ma proprio tutto. E tuttissimo.

 

Scordatevi un posto in prima fila alle udienze, o un incontro con Bergoglio a Santa Marta, se prima non avete incassato l’approvazione dell’uno o dell’altro. Tu l’ha’ capito, Matteuccio? La tua visita ufficiale in Vaticano, a incontrare finalmente papa Francesco  – è tardi, è tardi, ma comunque: meglio tardi che mai – l’hai organizzata davvero per benino?

ANGELO SCOLA E ALDO CAZZULLO ANGELO SCOLA E ALDO CAZZULLO

 

POST SCRIPTUM

A proposito di dimissioni. Prima Benedetto XVI. Poi le voci sulla rinuncia prossima di papa Francesco. Adesso lo spiffero: Matthew Festing, 70° gran maestro dello Smom, il sovrano ordine militare di Malta, sta per mollare l’osso. Dicono. Non è che a Oltretevere dimettersi sta diventando una moda? 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

CRACK, ALLA FINE TUTTO CROLLERÀ (GIORGIA COMPRESA) - “MONTE DI PIETÀ”, LABIRINTICA E IMPIETOSA MOSTRA DELLO SVIZZERO CHRISTOPH BUCHEL ALLA FONDAZIONE PRADA DI VENEZIA, È UN PRECIPIZIO NELL’ABISSO DEL DENARO. LÀ DOVE COLLASSA LA NOSTRA PATOLOGICA COMPULSIONE DI ACCUMULARE TUTTO E DI PIÙ, TRA CELEBRITÀ DIVORATE DALLA POLVERE DELL OBLIO E STILISTI RIDOTTI A BARZELLETTA, LÀ, IN UN MONDO-PALUDE CHE HA SUCCHIATO TUTTO, TIZIANO E CANALETTO, “MERDA D’ARTISTA” DI MANZONI E LE TELE-VENDITE DI WANNA MARCHI, CARRI ARMATI E BORSETTE TAROCCATE PRADA, L’IMMAGINE CHIAMATA AD ACCOMPAGNARCI ALL’ULTIMA MINZIONE DELL’UMANITÀ, APPOGGIATA DAVANTI AL BAGNO, SOPRA UNA SCATOLA PRONTA PER ESSERE SPEDITA VIA, È LEI, GIORGIA DEI MIRACOLI CHE SORRIDE INCORNICIATA…

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?