IL PIANO DI EMMANUEL MACRON: INCORONARE MARIO DRAGHI AL VERTICE DELL’UNIONE EUROPEA E FAR FUORI URSULA (CON IL SILENZIO ASSENSO DI GIORGIA MELONI) – PER LA PRIMA VOLTA, UN MACRONIANO (L’EURODEPUTATO PASCAL CANFIN) LO DICE APERTAMENTE: “LA FRANCIA E TUTTI I MEMBRI DELL'ECOSISTEMA PRESIDENZIALE VORREBBERO CHE DRAGHI SVOLGESSE UN RUOLO". QUALE? LO SBOCCO NATURALE SAREBBE IL CONSIGLIO EUROPEO, DOVE SERVE UN LEADER CARISMATICO CHE TENGA A BADA CAPI DI STATO E DI GOVERNO, MA SECONDO “POLITICO.EU” NON È ANCORA ESCLUSA LA COMMISSIONE - “LE POTENZIALI TRATTATIVE TRA LA VON DER LEYEN E LA MELONI POTREBBERO PORTARE A UN INCARICO DI ALTO PROFILO PER L'ITALIA. LA LEADER ITALIANA POTREBBE CHIEDERE AI SUOI EURODEPUTATI DI AIUTARE LA TEDESCA. QUESTO SIGNIFICA CHE DRAGHI SAREBBE IL CANDIDATO DELLA MELONI PER…”

Condividi questo articolo


 

 

Traduzione dell’articolo di Nicolas Camut per www.politico.eu

 

EMMANUEL MACRON E MARIO DRAGHI EMMANUEL MACRON E MARIO DRAGHI

Il presidente francese Emmanuel Macron vuole che l'ex primo ministro italiano Mario Draghi ottenga un posto di primo piano a Bruxelles: si tratta solo di trovare il ruolo giusto.

 

Una delle maggiori questioni strategiche legate alle elezioni europee del 6-9 giugno è se la Francia sosterrà un secondo mandato della tedesca Ursula von der Leyen alla presidenza della Commissione europea, mentre le relazioni tra Parigi e Berlino sono gelide.

 

Alla domanda se la Francia appoggia la candidatura di von der Leyen, Pascal Canfin, un eurodeputato del partito liberale Renaissance di Macron con una linea diretta con il presidente, ha detto: "La Francia e tutti i membri dell'ecosistema presidenziale vorrebbero che Draghi svolgesse un ruolo".

PASCAL CANFIN PASCAL CANFIN

 

Da tempo si dice che Macron stia manovrando dietro le quinte per piazzare Draghi, un tecnocrate che ha guidato un governo di unità nazionale che ha guidato l'Italia attraverso la pandemia di coronavirus e le sue ricadute economiche, alla guida dell'esecutivo UE. Ma è la prima volta che un funzionario francese lo appoggia pubblicamente per un incarico di primo piano a Bruxelles.

 

In particolare, la Francia è ideologicamente allineata con Draghi, che non vorrebbe che le regole fiscali ostacolassero la generosa spesa per rimodellare l'economia europea. In effetti, l'ex banchiere centrale è visto come un alleato chiave nella prossima battaglia di Parigi all'interno del blocco: trovare trilioni di euro di investimenti pubblici per recuperare il ritardo rispetto alle superpotenze industriali: Cina e Stati Uniti.

 

ZELENSKY - DRAGHI - SCHOLZ - MACRON ZELENSKY - DRAGHI - SCHOLZ - MACRON

"Ha la credibilità per cercare di convincere [gli altri Paesi] della capacità di investimento a lungo termine e della necessità di investimenti comuni, che è una sfida enorme", ha detto Canfin.

 

La difficoltà per la Francia, tuttavia, è che le configurazioni politiche saranno molto difficili da gestire, soprattutto se Parigi volesse togliere il posto di numero uno a von der Leyen. Draghi non è ufficialmente affiliato a nessun partito importante, quindi Macron dovrebbe trovare un accordo politico importante con i leader europei del Partito Popolare Europeo di von der Leyen e con il cancelliere tedesco Olaf Scholz.

 

Questo oltre a convincere il primo ministro italiano di estrema destra Giorgia Meloni a nominare Draghi. Il settantaseienne tecnocrate non sarebbe l'alleato politico più ovvio per la Meloni, ma è probabile che lei veda i vantaggi di un italiano alla guida dell'UE.

 

giorgia meloni ursula von der leyen vertice italia africa giorgia meloni ursula von der leyen vertice italia africa

Parlando con POLITICO della possibilità di avanzare la candidatura di Draghi per un posto di primo piano durante un'intervista presso la sede del partito Renaissance a Parigi, Canfin ha ammesso: "Non c'è un modo semplice per arrivarci".

 

Anche l'altro incarico di vertice - quello di presidente del Consiglio europeo, che supervisiona i 27 governi nazionali - sarebbe difficile.

 

I socialisti, il secondo gruppo più numeroso del Parlamento europeo, stanno cercando di sostituire Charles Michel, l'attuale presidente, con qualcuno delle loro fila. La Francia dovrebbe aiutare i socialisti a conquistare un altro ruolo importante nell'UE se Draghi dovesse diventare capo del Consiglio.

 

URSULA VON DER LEYEN - CHARLES MICHEL - MEME URSULA VON DER LEYEN - CHARLES MICHEL - MEME

Tuttavia, la Francia sa che è nel suo interesse non accettare un secondo mandato per von der Leyen come un fatto compiuto. Anche se alla fine non si riuscisse a trovare un accordo su Draghi, Parigi vorrà esercitare una leva diplomatica nei colloqui su chi otterrà i portafogli principali.

 

Indipendentemente da chi alla fine otterrà il posto di vertice, la priorità della Francia è quella di creare uno spazio economico più potente all'interno della Commissione per migliorare la competitività dell'UE, potenzialmente attraverso un ruolo di vicepresidente esecutivo. Parigi utilizzerebbe questa posizione di vertice per perseguire maggiormente la sua agenda di campioni industriali nazionali, politica commerciale difensiva e grande spesa pubblica.

 

DRAGHI - ORBAN - MACRON - MITSOTAKIS - VON DER LEYEN DRAGHI - ORBAN - MACRON - MITSOTAKIS - VON DER LEYEN

Draghi sarebbe il tipo di esperto economico con cui la Francia potrebbe trattare. L'economista italiano è ampiamente accreditato per aver salvato l'euro durante la crisi finanziaria dei primi anni 2010, dopo aver giurato di fare "tutto il necessario" (“Whatever it takes”) per proteggere la valuta del blocco quando era a capo della Banca centrale europea nel 2012.

 

La Francia ha spinto per la creazione di un mercato unico che permetta ai risparmi e agli investimenti di circolare liberamente nel blocco. La Francia si è scontrata con la ferma opposizione di altri membri, guidati dalla Germania, mettendo in secondo piano questo ambizioso progetto.

 

mario draghi emmanuel macron mario draghi emmanuel macron

Secondo Canfin, Draghi potrebbe aiutare la Francia a vincere questa battaglia: "Quando Draghi fa il 'whatever it takes', rompe anche con l'ortodossia tedesca. C'è una questione chiave, che dobbiamo risolvere dopo le elezioni [europee]".

 

Nel delineare altre ipotesi su come Draghi potrebbe assicurarsi un posto di primo piano a Bruxelles, Canfin ha ammesso che non sarebbe direttamente il partito liberale a portarlo lì. Il partito Renaissance di Macron fa parte del più ampio gruppo Renew al Parlamento europeo. "Se [Draghi] finisce in Renew, significa che diventa il nostro candidato", ha detto Canfin. "Ma sappiamo bene che non sarà Renew ad avere la presidenza della Commissione".

mario draghi abbraccia emmanuel macron mario draghi abbraccia emmanuel macron

 

Ha invece delineato come le potenziali trattative tra la von der Leyen e la Meloni potrebbero portare a un incarico di alto profilo per l'Italia - presumibilmente un portafoglio economico significativo, se non il posto stesso della von der Leyen.

 

La von der Leyen, che ha segnalato di essere disposta a lavorare con la destra dura dei Cristiani e Riformisti Europei (ECR) della Meloni per assicurarsi un altro mandato, potrebbe "trovare un accordo con la Meloni... su una responsabilità", ha previsto Canfin.

 

In cambio, la leader italiana potrebbe chiedere ai suoi eurodeputati di aiutare la tedesca a ottenere i numeri necessari nel voto decisivo del Parlamento europeo per l'approvazione del suo secondo mandato.

 

"Questo significa che lui [Draghi] sarebbe il candidato della Meloni" per un posto alla Commissione, ha detto Canfin. "Non credo sia impossibile".

giorgia meloni ursula von der leyen sergio mattarella vertice italia africa giorgia meloni ursula von der leyen sergio mattarella vertice italia africa CHARLES MICHEL GIORGIA MELONI VIKTOR ORBAN - CONSIGLIO EUROPEO 15 DICEMBRE 2022 CHARLES MICHEL GIORGIA MELONI VIKTOR ORBAN - CONSIGLIO EUROPEO 15 DICEMBRE 2022 Emmanuel Macron Mario Draghi Emmanuel Macron Mario Draghi CHARLES MICHEL NEL 2010 CHARLES MICHEL NEL 2010 MEME SULLA SCONFITTA ELETTORALE DI MACRON MEME SULLA SCONFITTA ELETTORALE DI MACRON JOHNSON, DRAGHI E MACRON CADONO E PUTIN SE LA RIDE JOHNSON, DRAGHI E MACRON CADONO E PUTIN SE LA RIDE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ