PRETINI E PIDDINI PER MONTI - DOPO L’ENDORSEMENT VATICANO DI FINE ANNO, IL 10 GENNAIO IL PREMIER INCONTRERÀ IL MONDO CATTOLICO ORGANIZZATO DAL FORUM DI TODI - E DUE GIORNI DOPO MONTI APRIRÀ I LAVORI DELL’AREA LIBERAL DEL PD CHE FA CAPO A MORANDO - MANCO A DIRLO, BERSANI-FASSINA NON CI SARANNO - HA RIPRESO QUOTA L’IPOTESI DI PRESENTARE ANCHE ALLA CAMERA, OLTRECHÉ AL SENATO, UN’UNICA LISTA MONTI…

Condividi questo articolo


Fabio Martini e Andrea Tornielli per "la Stampa"

Foto6.jpgFoto6.jpg Foto2.jpgFoto2.jpg

Mario Monti stende sempre più la sua rete. Dopo l'endorsement vaticano di fine anno, il 10 gennaio il presidente del Consiglio incontrerà tutto il mondo cattolico organizzato e mobilitato dal Forum di Todi. E due giorni dopo Monti sarà a Orvieto, dove aprirà i lavori dell'annuale convegno dell'area Liberal del Pd, quella che fa capo ad Enrico Morando, un'area che ha più volte manifestato la sua simpatia politica per il premier.

Due convegni di segno molto diverso, ma tenuti assieme dall'interesse del Professore per gli elettorati di confine. L'incontro promosso dal Forum di Todi, che si terrà in un albergo romano, era organizzato per discutere come rendere operativo il manifesto lanciato nella cittadina umbra, quello che caldeggiò un nuovo protagonismo dei cattolici in politica.

IL CARDINALE ANGELO BAGNASCO jpegIL CARDINALE ANGELO BAGNASCO jpegbagnasco-monti, bertonebagnasco-monti, bertone

Ma il 27 dicembre, dalle colonne di «Avvenire», Carlo Costalli, presidente pro-tempore del Forum, aveva invitato il premier a partecipare all'incontro e nelle ultime ore Monti, ormai proiettato nella campagna elettorale, avrebbe accettato e con ogni probabilità verrà a discutere della sua agenda per l'Italia con le associazioni del mondo del lavoro - Cisl, Coldiretti, Mcl, Confocooperative, Acli, Confartigianato e Compagnia delle Opere - ma anche con i movimenti religiosi, dai Neocatecumenali, al Rinnovamento nello Spirito, dai Focolarini all'Azione Cattolica, come pure con le «reti» riconosciute dalla Conferenza episcopale italiana, cioè il Forum delle famiglie, Scienza & vita e Retinopera.

Enrico MorandoEnrico Morando

Nell'ottobre del 2011 dai cattolici di Todi, sebbene poche settimane prima della caduta del governo Berlusconi, era venuta una spallata che aveva contribuito alla caduta del Cavaliere. Dopo Andrea Olivero delle Acli, altri due presidenti di associazione sono ora pronti a candidarsi: Giorgio Guerini, fino a pochi giorni fa alla guida di Confartigianato, e Luigi Marino, attuale presidente di Confcooperative. Un impegno che, se fosse formalmente confermato, rappresenterebbe un significativo coinvolgimento del Forum.

GIUSEPPE CALDERISIGIUSEPPE CALDERISI

Due giorni più tardi Mario Monti andrà in Umbria per un altro convegno politico-culturale, quello promosso dai Liberal del Pd: il 12 gennaio il Professore aprirà il consueto appuntamento dell'area migliorista. L'invito risale ad alcuni mesi fa, Monti lo ha confermato, mentre ha dato forfeit il leader del Pd Pier Luigi Bersani, che era stato invitato anche lui. Ieri intanto Monti è stato impegnato in lunghe riunioni relative alle liste da presentare alle elezioni.

pier luigi bersanipier luigi bersani

Dopo la fondata denuncia del Pdl Peppino Calderisi («il nome di Monti può essere scritto su un solo simbolo»), ha ripreso quota l'ipotesi di presentare anche alla Camera, oltreché al Senato, un'unica Lista Monti, nella quale far confluire non soltanto gli esponenti della società civile ma anche quelli dell'Udc e del piccolo Fli di Fini.

Dopo un'altalena che dura da dieci giorni, una decisione definitiva è attesa nelle prossime ore. Monti punta sulla Lista unica, un escamotage che gli consentirebbe un controllo molto più preciso sui candidati.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA IMBUFALITO NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"