QUANT’È MALATA LA SANITÀ LUMBARD! - DALL’INCHIESTA SUL SAN RAFFAELE SPUNTA UN’ALTRA SUPPOSTONA PER IL FORMIGA: SCOPERTI FONDI NERI PER 56 MLN € DISTRATTI DALLA FONDAZIONE MAUGERI, CHE GESTISCE OSPEDALI IN TUTTA LA REGIONE - COINVOLTI I VERTICI DELL’ENTE, L'EX ASSESSORE ALLA SANITÀ ANTONIO SIMONE (COMPARE CIELLINO DI FORMINCHIONI) E IL MEDIATORE DACCÒ, GIÀ IN CARCERE PER IL CRAC DEL SAN RAFFAELE - LATITANTE ALL’ESTERO IL PRESIDENTE UMBERTO MAUGERI…

Condividi questo articolo


1- FONDI NERI NELLA SANITÀ, SCOPPIA IL CASO DELLA FONDAZIONE MAUGERI: "8 VOLTE IL SAN RAFFAELE"

SAN RAFFAELESAN RAFFAELE FORMIGONIFORMIGONI

Luigi Ferrarella e Giuseppe Guastella per "Corriere.it"

Otto volte i fondi neri accertati finora come usciti dal San Raffaele tramite il mediatore Piero Daccò: cinque nuovi arresti spostano l'asse dell'inchiesta della Procura di Milano su un altro colosso della sanità, la Fondazione Maugeri, base a Pavia ma articolazioni in tutta Italia.

Sono almeno 56 i milioni di euro per i quali il gip Vincenzo Tutinelli ha ordinato l'arresto, per associazione a delinquere, non solo di Daccò (già in carcere dal 15 novembre scorso) ma anche di Antonio Simone (ex assessore regionale Dc alla Sanità in Lombardia e figura di spicco in Comunione e liberazione), del dirigente della Fondazione Maugieri Costantino Passerino, del suo consulente Gianfranco Mozzali e del commercialista milanese Claudio Massimo. Indagato anche il patron della Fondazione, Umberto Maugieri: formalmente irreperibile, si trova probabilmente all'estero.

Sulla base delle ricostruzioni contabili operate dalle sezione di polizia giudiziaria della Procura tra i conti di Madeira, Malta, Lussemburgo, Svizzera, Austria e Stati Uniti, i pm Laura Pedio, Antonio Pastore, Luigi Orsi e Gaetano Ruta contestano a tutti gli arrestati l'associazione a delinquere, a Simone anche il riciclaggio, a Daccò l'appropriazione indebilta e l'intestazione fittizia di beni.

LUIGI ORSILUIGI ORSI FONDAZIONE SALVATORE MAUGERIFONDAZIONE SALVATORE MAUGERI

Per il primo filone dell'inchiesta, quello nato dal suicidio del vicepresidente del San Raffaele Mario Cal - e relativo appunto a sette milioni di fondi neri affidati in contanti a Daccò - è invece già stata fissata l'udienza preliminare per l'eventuale rinvio a giudizio: si terrà il 26 aprile e vedrà la giudice Cristina Mannocci valutare le posizioni di Daccò, dell'ex direttore amministrativo del San Raffaele Mario Valsecchi, dei costruttori Pierino e Gianluca Zammarchi, con il loro socio Andrea Bezziccheri, l'altro grosso fornitore Fernando Lora e il suo responsabile finanziario Carlo Freschi.

2- SANITÀ: PRESIDENTE FONDAZIONE MAUGERI È ALL'ESTERO
(ANSA) - Umberto Maugeri, il presidente dell'omonima Fondazione raggiunto da un provvedimento di arresti domiciliari nell'ambito dell'inchiesta sull'ente di cui è il patron, formalmente è irreperibile in quanto si trova all' estero. A portare i magistrati a ipotizzare una distrazione di 56 milioni di euro dalla Fondazione Maugeri, che ha sede a Pavia ma ha strutture in tutta Italia, sono stati gli accertamenti sui conti bancari degli indagati, in particolare quello di Daccò nell'indagine sul dissesto del San Raffaele.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...