IL QUIRINALE HA MESSO CONTE CON LE SPALLE AL MURO: L'INCONTRO CON SALVINI LO FAI TU O SARÒ COSTRETTO A FARLO IO - “GIUSEPPI”, ORA CHE I SONDAGGI VANNO A GONFIE VELE, NON VUOLE LASCIARE IL PALCOSCENICO AD ALTRI E IL COLLE VUOLE LA "PAX" TRA GOVERNO E OPPOSIZIONE PER ESSERE PIÙ FORTI NELLE TRATTATIVE CON L'EUROPA - NEL VERTICE SI È DISCUSSO ANCHE DEL RUOLO DELLA CINA...

-

Condividi questo articolo

Marco Antonellis per Dagospia

 

Mattarella Salvini Mattarella Salvini

Era ormai tarda serata quando Salvini, Meloni e Tajani hanno varcato il portone di Palazzo Chigi. Un incontro che si è svolto a distanza di sicurezza tra guanti, gel e mascherine. Ma le distanze rimangono grandi anche dal punto di vista politico. "Giuseppi" ha tentennato fino all'ultimo prima di concedersi al centrodestra: "Ora che finalmente i sondaggi vanno a gonfie vele perché dovremmo condividere il palcoscenico con Salvini e magari dargli pure la possibilità di mostrarsi responsabile e di risalire nei sondaggi?".

 

Questi, al di là delle frasi di prammatica, sono i ragionamenti che circolano dalle parti del cerchio magico di Palazzo Chigi. Ragionamenti assolutamente non condivisi dal Colle che, se non ci fosse stato l'incontro di ieri, sarebbe stato "costretto" ad incontrare il centrodestra provocando uno sgradevole quanto inusuale cortocircuito istituzionale. Insomma, caro Conte, o lo fai tu o lo faccio io.

sergio mattarella giuseppe conte 9 sergio mattarella giuseppe conte 9

 

Ecco perché Giuseppi si è precipitato a convocare Salvini & company. Al Capo dello Stato il dialogo tra maggioranza e opposizione serve per molte ragioni: ridare centralità al parlamento in tempi di crisi ed evitare quanto più possibile le lacerazioni tra Stato e Regioni così come tra imprenditori e sindacati. Ma ce n'è anche un'altra non meno importante e riguarda l'Europa: solo uno stato italiano forte e coeso, in grado di parlare con una voce sola, sarà in grado di farsi valere in Europa. Se l'Italia si mostrerà debole e divisa sarà molto più complicato far valere le proprie ragioni a Bruxelles anche in un momento così delicato.

antonio tajani foto di bacco (1) antonio tajani foto di bacco (1)

 

Ma ieri sera a Chigi si è parlato anche di Cina: "Il pericolo è che la Cina si compri tutto, che una  volta passato il virus ci sia una vera e propria invasione da parte del dragone con il rischio che vengano messi a rischio asset strategici ed equilibri geopolitici" hanno spiegato gli esponenti di Centrodestra. Partita a cui è sensibile anche il Quirinale che con la sua "diplomazia parallela", d'intesa con gli uomini della Farnesina, sta facendo così tanto per far ottenere gli aiuti di cui l'Italia ha  bisogno, dai medici alle mascherine.

 

Inoltre, nell'incontro conclusosi in tarda nottata, la Lega ha chiesto con Durigon, già sottosegretario al Mise, di verificare e fare in modo che le Cig fossero pagate puntualmente a tutti. E con Gualtieri si è parlato anche di soldi: ad un certo punto il ministro discutendo della Germania ha detto che 150 miliardi tedeschi equivalgono a 60 dei nostri. Quindi, visto che il governo ne ha finora messi 25, all'appello ne mancherebbero ancora 35. Sarà questa la cifra che metterà sul piatto della bilancia con il "decreto aprile" Palazzo Chigi?

claudio durigon foto di bacco (1) claudio durigon foto di bacco (1)

 

Ps, ieri Conte quando ha fatto il giro di telefonate per convocare l'incontro con il centrodestra ha chiamato per ultimo Salvini. Il primo è stato Tajani che ha cercato di blandire in tutti i modi: ”Perché tu sei quello ragionevole, capisci il momento è difficile...”.

 

Condividi questo articolo

politica

IL PIANO DI MACRON, SANCHEZ, CONTE, ETC.: EUROBOND CON LA GARANZIA DELL'EUROPA FINALIZZATI SOLO ALL’EMERGENZA DEL CORONAVIRUS CON UNA COMMISSIONE CHE VERIFICHERÀ L’UTILIZZO DEI FONDI DEI VARI PAESI - LA SITUAZIONE È NELLE MANI DI TRE TEDESCHI (HOYER, URSULA E REGLING) DA UNA PARTE, DALL’ALTRA IL PRESIDENTE DELLA BCE CHRISTINE LAGARDE CON FABIO PANETTA CHE LA CONTROLLA (A LUI SI DEVE IL CAMBIO DI ROTTA DELLA FRANCESE), PIÙ DAVID SASSOLI - IL PROSSIMO PASSO DI CONTE: LO STATO GARANTIRA' I PRESTITI DELLE BANCHE ALLE IMPRESE - SI STA STUDIANDO L'ALLENTAMENTO DEL LOCKDOWN: SECONDO GLI ESPERTI IL 16 APRILE DOVREBBE FERMARSI L’ECATOMBE E DAL 18 SI POTREBBE PARTIRE CON UNA CAUTA RIAPERTURA